Carocci editore - RENAUT DE BEAUJEU. Il bel cavaliere sconosciuto

Password dimenticata?

Registrazione

TFA e formazione

Banner

crediti formativi

Banner

Promo del mese

Banner
Banner
RENAUT DE BEAUJEU. Il bel cavaliere sconosciuto

RENAUT DE BEAUJEU. Il bel cavaliere sconosciuto

a cura di: Antonio Pioletti

Edizione: 1992

Collana: Biblioteca Medievale Testi

ISBN: 9788879841443

  • Pagine: 418
  • Prezzo:21,60 18,36
  • Acquista

In breve

Accogliendo le forme del lai e della lirica, proiettando il protagonista verso diversi mondi possibili Il bel cavaliere sconosciuta (1200 ca) di Renaut de Beaujeu segna un momento importante e di felice innovazione nella storia del romanzo arturiano. Nella Città Devastata Guinglain affronta e supera la prova dell´Orrido Bacio - "lo fissava senza distrarsi, /e senza agitarsi; / era stupito / di quella bocca così rossa. / Il serpente si slanciò verso di lui e lo baciò sulla bocca" - liberando dall´incantesimo e dalle spoglie del serpente una bellissima fanciulla, Blonde Esmeree, che sarà la sua sposa. ´Laltro mondo è quello dell´isola d´oro, dove Guinglain ha incontrato e amato una fata, la Pucele, dove è stato felice. ´Leroe si sposta da un livello all´altro attraverso momenti di ricordo di turbamento che non presentano però lo spessore di un profondo conflitto interiore, le sue azioni e i suoi sentimenti sono reversibili, come in un bel gioco romanzesco, Il finale resta aperto alle audacie della metanarrazione e della galanteria se la dama per cui Renaut de Beaujeu ha scritto il romanzo si mostrerà con lui meno crudele, allora l´autore farà sì che Guinglain possa incontrare ancora la fata dell´isola d´Oro 

Indice

Introduzione/ Nota informativa/ Il bel cavaliere sconosciuto/ Note