Carocci editore - Tristano Riccardiano

Password dimenticata?

Registrazione

TFA e formazione

Banner

crediti formativi

Banner

Promo del mese

Banner
Banner
Tristano Riccardiano

Tristano Riccardiano

a cura di: Marie Josè Heijkant

Edizione: 1991

Collana: Biblioteca Medievale Testi

ISBN: 9788879841344

  • Pagine: 464
  • Prezzo:21,60 18,36
  • Acquista

In breve

L'anonimo Tristano Riccardiano - di cui si fornisce qui la ormai introvabile edizione di E.G. Parodi uscita nel 1896 - è uno dei capolavori dimenticati della nostra letteratura medievale. Esso rappresenta la più antica rielaborazione italiana (fine ´200) della leggenda tristaniana e riflette con ogni probabilità una redazione perduta, e più arcaica di quelle conservate, del Tristano in prosa francese. Il romanzo ci presenta, in uno stile conciso e di rara efficacia narrativa, una biografia completa dell´eroe, che diventa qui il modello perfetto del cavaliere arturiano. Al centro della vicenda rimane naturalmente il suo "folle amore" per Isotta, che condurrà entrambi alla morte; ma il carattere tragico della prima grande storia amorosa dell´Occidente moderno si attenua qui un poco. In accordo con i gusti del nuovo pubblico borghese e comunale cui l´opera era con ogni probabilità destinata, l´autore ama così indugiare anche sulle gioie e sui piaceri che il destino largì, malgrado tutto, ai due infelici amanti - da quando, dopo aver bevuto il fatale filtro e abbandonata la partita a scacchi che stavano giocando sulla tolda della nave, "andarosine anbodue disotto inn una camera, e quivi incominciano quello giuoco insieme che infino a lloro vita lo giucarono volentieri".

Indice

Introduzione/ Nota informativa e bibliografica/ Nota linguistica/ Tristano Riccardiano/ Note