Carocci editore - HELINANT DE FROIDMONT. I versi della morte

Password dimenticata?

Registrazione

TFA e formazione

Banner

crediti formativi

Banner

Promo del mese

Banner
Banner
HELINANT DE FROIDMONT. I versi della morte

HELINANT DE FROIDMONT. I versi della morte

a cura di: Carlo Donà

Edizione: 1988

Collana: Biblioteca Medievale Testi

ISBN: 9788879841245

  • Pagine: 137
  • Prezzo:14,10 11,99
  • Acquista

In breve

Al dirompente e splendido dispiegarsi della civiltà cortese si accompagna nel XII secolo un revival delle tematiche ascetiche, del comptentus mundi, dell'immaginifica e macabra cultura dell'inferno e del Purgatorio. I Vers de la mort del monaco cistercense Hélinant de Froidmont, scritti nel 1194-97, si collocano con estrema originalità nel solco di questa tradizione. Hélinant non insiste sui temi della dissoluzione del corpo o sul sadismo infernale, ma fa leva sul "personaggio" Morte e sulla sua onnipotenza, alternando toni lirici ed espressioni proverbiali, affettuosa colloquialità e ironia grottesca. La Morte diventa un sovrano assoluto, un cavaliere assetato di duelli, un furfante che bara al gioco, un cacciatore feroce, un avvocato incontentabile, un barbiere per tutte le gole - in un rutilare di immagini e metafore, in uno stile martellante, visionario, allucinato, che fanno di questo testo forse il capolavoro della poesia religiosa dell'epoca.

Indice

Introduzione/ Nota informativa/ I versi della morte/ Note/ Appendici/ Il "vado mori"/ Cinque testi mediolatini sulla morte