Carocci editore - Pedagogia penitenziaria e della devianza

Password dimenticata?

Registrazione

Pedagogia penitenziaria e della devianza

Giampiero Sartarelli

Pedagogia penitenziaria e della devianza

Osservazione della personalità ed elementi del trattamento. Nuova edizione

Edizione: 2021

Ristampa: 1^, 2021

Collana: Carocci Faber Servizio sociale

ISBN: 9788874668922

  • Pagine: 152
  • Prezzo:15,00 14,25
  • Acquista

In breve

Fin dalla sua comparsa negli istituti penitenziari, nel 1979, l’educatore coordinatore – oggi funzionario giuridico pedagogico – è la figura che provvede, in misura prevalente seppure non esclusiva, alle attività di osservazione della personalità e di recupero sociale dei detenuti. Il volume, in una nuova edizione rivista e aggiornata, analizza i vari modelli di giustizia, l’istituzione carceraria e le sue dinamiche interne, il senso della pena e le funzioni degli operatori penitenziari (psicologo, assistente sociale, agente di polizia penitenziaria), offrendo così agli studenti dei corsi di laurea in Scienze dell’educazione e della formazione e ai laureati che si preparano per i concorsi di funzionario giuridico pedagogico nell’Amministrazione penitenziaria un testo ideato specificamente per loro.

Indice

Prefazione
Introduzione
Parte prima
Il problema del metodo nelle scienze pedagogiche e sociali

Elementi di pedagogia penitenziaria
1. Aspetti metodologici delle scienze umane
Sulla metodologia della ricerca scientifica/Dalla spiegazione causale alla spiegazione di tipo probabilistico/Definizione di scienza/Dalla spiegazione causale al modello ermeneutico
2. Epistemologia della pedagogia
Caratteristiche della scienza pedagogica/Pedagogia e psicoterapia/Requisiti culturali e formativi, competenze dell’educatore
3. Dalla pedagogia generale alla pedagogia penitenziaria
Excursus storico della concezione del carcere e della pena/I presupposti socioculturali della riforma penitenziaria/Elementi di pedagogia penitenziaria
Parte seconda
Pedagogia della devianza
4. Pedagogia della devianza minorile

Considerazioni generali/Disagio giovanile e condotte devianti/Lo sviluppo etico nei giovani/Sui diritti dei minori/Il paradigma interazionista e il modello ermeneutico/Modelli di giustizia: retributivo, rieducativo, riparativo/Istituti giuridici in favore dei minori
5. Metodi psicopedagogici in ambito penitenziario e ruolo dello psicologo
Il metodo autobiografico/Lo psicodramma e l’onirodramma/I gruppi di sostegno e di auto-aiuto/Ambiti d’intervento dello psicologo nel carcere
6. Elementi del trattamento
Il dialogo e il bisogno di comunicare/Il colloquio pedagogico/Il colloquio di primo ingresso/Il colloquio di sostegno/Il colloquio nell’attività di “osservazione e trattamento”/Livelli di comunicazione e strumenti di conoscenza/Il lavoro penitenziario/Le attività scolastiche e professionali/Circuiti differenziati e custodia attenuata
7. Crisi dell’ideologia trattamentale e nuovi interventi riabilitativi
Carcere e rieducazione/Proposte per la risocializzazione/Il carcere come comunità sociale. Alternatività alla pena detentiva/Il Corpo di Polizia penitenziaria/L’esecuzione penale esterna e il ruolo dei funzionari di servizio sociale
Note
Bibliografia