Carocci editore - Come insegnare in sanità

Password dimenticata?

Registrazione

Come insegnare in sanità

Alessandro Barelli, Andrea Scapigliati

Come insegnare in sanità

Manuale teorico-pratico per formatori

Edizione: 2009

Collana: Carocci Faber Professioni sanitarie (39)

ISBN: 9788874665822

  • Pagine: 184
  • Prezzo:19,00 16,15
  • Acquista

In breve

L’efficacia dell’insegnamento e l’apprendimento reale sono elementi indispensabili per la formazione che, a sua volta, è un punto chiave di qualsiasi disciplina e competenza professionale. Gli operatori della sanità in Italia non fanno eccezione. Questo manuale è rivolto a chiunque faccia formazione in ambito sanitario: docenti universitari, medici, infermieri e tecnici. Le tecniche didattiche sono condivise da contesti formativi diversi: una lezione frontale, ad esempio, deve essere condotta con le stesse regole sia nei corsi di laurea che nei corsi di primo soccorso (come il BLS-D). Il manuale è particolarmente indicato per chi fa formazione nell’ambito dell’emergenza sanitaria, ma può essere utilizzato efficacemente in tutte le discipline mediche, infermieristiche e sanitarie.

Indice

Presentazione di Rodolfo Proietti
1. Insegnare agli adulti: cosa è cambiato, cosa deve cambiare
Imparare o insegnare/Le teorie dell’apprendimento/Come imparano gli adulti?/La motivazione e i bisogni degli adulti/Gli stili di apprendimento/Aspetti particolari dell’apprendimento nella formazione in emergenza-urgenza sanitaria/Vecchi e nuovi modelli/Valutare lo stile di apprendimento/In sintesi
2. I "processi" formativi
Definizione dei fattori di processo/Le caratteristiche dei fattori di processo/La gestione dei fattori di processo/In sintesi
3. Il tutoraggio e il supporto ai discenti
L’origine e il significato della parola "tutor"/Quali sono i prerequisiti per il buon tutor?/Il tutoraggio nella formazione in emergenza-urgenza sanitaria/In sintesi
4. La comunicazione efficace nella formazione
Creare il clima/Il concetto di comunicazione in ambito formativo/Gli elementi dell’efficacia comunicativa/L’efficacia comunicativa: prevenire è meglio che curare!/In sintesi
5. Dare riscontro in modo efficace
Il feedback e le dinamiche di gruppo/Il feedback positivo e il rinforzo costruttivo/La struttura universale del feedback/La credibilità/L’autenticità/L’empatia/La flessibilità/In sintesi
6. La formazione in emergenza-urgenza dei professionisti della sanità in Italia
La formazione universitaria in emergenza-urgenza dei professionisti della sanità/La formazione extrauniversitaria in emergenza-urgenza dei professionisti della sanità/In sintesi
7. Gli strumenti didattici in medicina d’urgenza
Vecchie e nuove metodologie didattiche/I criteri di scelta delle tecniche didattiche/La struttura didattica universale/In sintesi
8. La lezione frontale
I vantaggi delle lezioni frontali/Gli svantaggi e i limiti delle lezioni frontali/L’applicazione della struttura didattica universale alla lezione frontale/Per migliorare/In sintesi
9. L’apprendimento in piccoli gruppi
Le discussioni aperte e chiuse/Il ruolo del facilitatore nelle discussioni chiuse/Il ruolo del facilitatore nelle discussioni aperte/L’applicazione della struttura didattica universale nelle discussioni in piccoli gruppi/In sintesi
10. Insegnare le tecniche e le abilità pratiche
Le abilità pratiche: perché insegnarle bene?/I presupposti del “saper fare"/Come insegnare le abilità pratiche/L’apprendimento in quattro stadi/La struttura didattica universale nell’insegnamento delle abilità pratiche/La tecnologia per l’apprendimento delle abilità pratiche/In sintesi
11. La simulazione
La simulazione nella formazione dei sanitari/La fedeltà della simulazione/I tipi di simulazione/Gli scenari simulati nei corsi avanzati di rianimazione cardiorespiratoria/L’applicazione della struttura didattica universale agli scenari simulati/In sintesi
12. La valutazione
Definizione di valutazione/Gli scopi della valutazione/I tipi di valutazione/La validità della valutazione/L’applicazione della struttura didattica universale nella valutazione/In sintesi
Bibliografia