Carocci editore - Lo sviluppo del welfare di comunità

Password dimenticata?

Registrazione

TFA e formazione

Banner

crediti formativi

Banner

Promo del mese

Banner
Banner
Lo sviluppo del welfare di comunità

Franco Vernò

Lo sviluppo del welfare di comunità

Dalle coordinate concettuali al gruppo di lavoro

Edizione: 2007

Collana: Carocci Faber Servizio sociale

ISBN: 9788874664955

  • Pagine: 152
  • Prezzo:15,70 13,35
  • Acquista

In breve

Nel campo dei servizi alla persona - sociali, sanitari o educativi - il metodo del lavoro di gruppo è ormai imprescindibile. Ciò che si osserva, tuttavia, nonostante i cambiamenti in atto, è una sorta di scollamento tra sapere tecnico e operatività nel quotidiano. Il presente testo vuole fornire un aiuto al consolidamento del lavoro di gruppo e ai cosiddetti prodotti integrati, siano essi strumenti programmatori, progetti, singoli processi di aiuto a persone o nuclei familiari, che vengono favoriti dalla buona costituzione e dal buon funzionamento di gruppi di lavoro. Vengono offerte alcune 'raccomandazioni' utili a quanti, a diverso titolo, sono interessati e coinvolti in tali processi. I gruppi di lavoro sono classificati nelle diverse tipologie, e vengono analizzati la loro attivazione, i loro mandati, le funzioni, gli obiettivi, le condizioni da garantire per il buon funzionamento degli stessi.

Indice

Introduzione di Franco Vernò 1. Sviluppo locale e welfare di comunità di Dario Angelo Colombo 1.1. Coordinate concettuali 1.1.1. Sviluppo locale e welfare 1.1.2. Locale, prossimità, comunità 1.2. Comune, comunità e funzione pubblica 1.2.1. Comunità locale e sussidiarietà 1.2.2. Comune e comunità: luogo della partecipazione 1.3. Programmazione locale: strumenti, processi e strategie 1.3.1. Pianificazione e programmazione: un compito impossibile' 1.3.2. La pianificazione e la programmazione: una chiarificazione dei termini 1.3.3. La programmazione nella pubblica amministrazione 1.3.4. Il circuito 'virtuoso' (o 'vizioso'') della programmazione locale 1.3.5. Dai piani di settore al piano di sviluppo sociale' 1.3.6. La programmazione locale: alcuni punti fermi 2. Responsabilità chiamate in causa: livelli e forme di esercizio di Stefano Buoso 2.1. Premessa 2.2. Governance: un tentativo di definizione 2.2.1. La governance secondo l'Unione europea 2.2.2. La governance a livello locale 2.3. Partecipazione e implementazione delle politiche 2.3.1. La definizione e i significati 2.3.2. La partecipazione e lo sviluppo di comunità 2.3.3. Un metodo da contestualizzare 2.3.4. Il processo per lo sviluppo delle comunità 2.4. Ridefinizione del ruolo dei soggetti locali e gioco delle responsabilità 2.4.1. Un ruolo preminente per l'ente locale 2.4.2. Il ruolo e le funzioni nel gioco delle responsabilità 2.5. Governo locale: strategie e strumenti 2.5.1. La volontà e il disegno complessivo 2.5.2. Finalizzare gli strumenti 2.5.3. Le possibili strategie 3. Gruppi di lavoro nel piano di zona di Franco Vernò e Gianluigi Spinelli 3.1. Uno strumento significativo nelle politiche dei servizi alla persona: il pdz 3.1.1. Fattori di scenario 3.1.2. Un tentativo di definizione 3.1.3. Un territorio 3.1.4. Le responsabilità 3.1.5. Un ciclo di vita suddiviso in fasi 3.1.6. Un processo 3.1.7. Dalle esperienze: criticità emergenti 3.1.8. Dalle esperienze: buone prassi da sviluppare 3.2. I gruppi di lavoro nel ciclo di vita del pdz 3.2.1. Elementi di trasversalità e specificità nei gruppi di lavoro 3.3. Organizzazione e funzionamento dei gruppi di lavoro 3.3.1. Una rete di soggetti per presidiare la complessità 3.3.2. Funzione programmatoria ed esercizio delle responsabilità 3.3.3. Gruppi di lavoro e welfare locale 3.4. Le condizioni facilitanti la costituzione e la gestione dei gruppi di lavoro 4. Indicazioni operative per il buon funzionamento dei gruppi di Franco Vernò e Gianluigi Spinelli 4.1. Comunità, welfare locale e gruppi di lavoro: significati e chiavi di lettura utilizzati 4.2. Un 'atto di indirizzo' per l'avvio del processo programmatorio 4.3. I gruppi di lavoro e i fattori da presidiare 4.3.1. Gruppi di programmazione 4.3.2. Gruppi di progettazione 4.3.3. Gruppi di gestione 4.4. Alcune riflessioni conclusive Appendice Note Bibliografia Gli autori