Carocci editore - I test nella pratica clinica

Password dimenticata?

Registrazione

TFA e formazione

Banner

crediti formativi

Banner

Promo del mese

Banner
Banner
I test nella pratica clinica

Laura Picone, Francesca Ribaudo, Lina Pezzuti

I test nella pratica clinica

Uso e interpretazione

Edizione: 2006

Ristampa: 6^, 2012

Collana: Carocci Faber Professione psicologo

ISBN: 9788874664597

  • Pagine: 264
  • Prezzo:23,30 19,81
  • Acquista

In breve

Prezioso per la preparazione di esami sui test, per l’esame di stato e per l’aggiornamento di psicologi che già operano sul campo, il volume mira a far conoscere ai lettori l’origine, la struttura e soprattutto gli ambiti applicativi dei test psicologici più importanti e diffusi nel nostro paese. Ogni strumento è presentato nel dettaglio, sia dal punto di vista metrico, sia dal punto di vista pratico (dalle modalità di somministrazione, allo scoring, all’interpretazione dei punteggi, e così via). Inoltre, è di grande importanza per lo psicologo capire come le tabelle dei manuali sulle norme e sulle analisi dei profili possono servire a una diagnostica differenziale tecnicamente corretta e fondata su dati sicuri di riferimento. A questo scopo, il libro è corredato di ampi resoconti di casi clinici, esemplificativi sia di soggetti nella norma, sia di soggetti con specifiche difficoltà cognitive o comportamentali. Vengono a questo punto sfatate interpretazioni ormai obsolete, ma ancora in uso, non fondate sull’adattamento e sulla standardizzazione sulla popolazione italiana.

Indice

Presentazione/ Introduzione 1 Principi di psicodiagnosi 1.1. Il codice deontologico 1.2. Psicodiagnostica 1.3. L’anamnesi 1.4. Test psicologici 1.5. Perché e come usare i test nella psicodiagnosi 1.6. I test a somministrazione individuale 1.7. Lo scoring (siglatura delle risposte) 1.8. Proprietà psicometriche dei test: validità e attendibilità 1.9. La validità dei test come esigenza etica 2 Teorie dell’intelligenza 2.1. La nascita dei test di intelligenza 2.2. Età mentale e QI 2.3. I fattorialisti 2.4. La concezione dell’intelligenza di Wechsler 2.5. I teorici evoluzionisti 2.6. Recenti indirizzi 2.7. Notazioni critiche sul concetto di QI 3 Scale Wechsler 3.1. Introduzione 3.2. La descrizione delle scale 3.2.1. Subtest verbali comuni a wppsi, wisc-r e wais-r 3.2.2. Subtest comuni a tutte le forme della scala di performance 3.2.3. Subtest presenti nella wisc-r e nella wais-r 3.2.4. Subtest presenti nella wisc-r e nella wppsi 3.2.5. Subtest contenuti soltanto nella wppsi 3.2.6. Subtest della wisc-iii 3.3. Scheda di notazione 3.4. Il calcolo dei punteggi ponderati e dei QI 3.4.1. Il calcolo dei punteggi per una popolazione anziana 3.5. Interpretazione del punteggio alla luce delle proprietà psicometriche delle scale 3.5.1. Attendibilità 3.5.2. Interpretazione dei valori di qi 3.5.3. Differenze tra qi verbale e qi di performance 3.5.4. Analisi del profilo 3.6. L’analisi fattoriale e i qi di deviazione fattoriali 59 3.7. I modelli contenutistici per singoli problemi diagnostici 60 3.7.1. La categorizzazione di Bannatyne 3.7.2. Il modello di Horn 3.7.3. Il modello di Kaufman 3.8. Le scale Wechsler come indicatori di patologie 3.9. Considerazioni conclusive 3.10. Altri test con simile costrutto 3.11. Casi clinici: scale Wechsler 3.11.1. Rossella 3.11.2. Riccardo 3.11.3. Angela 3.11.4. Ambra 3.11.5. Antonio 3.11.6. Giovanna 4 Teorie della personalità 4.1. Definizione di personalità 4.2. I sistemi empirico-intuitivi 4.3. La teoria dei Cinque grandi fattori 4.4. Le tecniche proiettive 4.4.1. La psicologia della percezione 4.4.2. La psicoanalisi e i meccanismi di difesa 4.5. Considerazioni conclusive 5 Minnesota Multiphasic Personality Inventory - 2 (mmpi-2) 5.1. Dal mmpi al mmpi-2 5.2. Aspetti psicometrici 5.3. La somministrazione 5.4. Le scale cliniche e di validità 5.4.1. Scale di validità 5.4.2. Scale cliniche di base 5.4.3. Scale supplementari 5.4.4. Scale di contenuto 5.5. Lo scoring del profilo 5.6. L’interpretazione del profilo 5.7. Considerazioni conclusive 5.8. Altri test con simile costrutto 5.9. Casi clinici: mmpi-2 5.9.1. Donatella 5.9.2. Maria 5.9.3. Stefano 6 Big Five Questionnaire (bfq) 6.1. Le origini 6.2. Il Big Five Questionnaire 6.3. Aspetti psicometrici 6.4. La somministrazione 6.5. Lo scoring 6.6. L’interpretazione e l’individuazione di un profilo 6.7. Considerazioni conclusive 6.8. Altri test con simile costrutto 6.9. Casi clinici: bfq 6.9.1. Michele 6.9.2. Alessio 7 Test di appercezione tematica (tat) 7.1. Introduzione 7.2. Materiale 7.3. Aspetti psicometrici 7.4. Somministrazione e interpretazione secondo il metodo originale 7.5. Il tat nella sua evoluzione 7.6. Il sistema di interpretazione di Vica Shentoub 7.7. Valutazione del protocollo 7.8. Procedimenti di costruzione del racconto 7.8.1. Procedimenti della serie A (rigidità) 7.8.2. Procedimenti della serie B (labilità) 7.8.3. Procedimenti della serie C (inibizione) 7.8.4. Procedimenti della serie D (comportamento) 7.8.5. Procedimenti della serie E (emergere del processo primario) 7.9. Uso del tat o del cat con i bambini 7.10. Considerazioni conclusive 7.11. Altri test con simile costrutto 7.12. Caso clinico: tat 7.12.1. Martina 8 Test delle macchie di Rorschach 8.1. Introduzione 8.2. Le dieci tavole di Rorschach 8.3. Valutare la personalità con il Rorschach 8.4. Le scuole di interpretazione 226 8.5. La somministrazione 229 8.5.1. La prova vera e propria 8.5.2. L’inchiesta 8.6. La siglatura del test di Rorschach 8.6.1. La siglatura della localizzazione 8.6.2. La siglatura delle determinanti 8.6.3. La siglatura del contenuto 8.6.4. La siglatura delle risposte popolari e originali 8.6.5. La siglatura del livello formale 8.7. Brevi cenni sull’interpretazione di uno psicogramma 8.7.1. Area del movimento (M, FM, m) o ’dell’energia mentale’ 8.7.2. Area del colore (FC, CF, C) o ’dell’uso dell’energia mentale’ 8.7.3. Area della diffusione-prospettiva (FK, K, k) o ’della tensione psichica o angoscia’ 8.7.4. Area di superficie e pseudocolore (Fc, c, C’) o ’della dipendenza’ 8.7.5. Area della forma (F) o ’della struttura dell’Io’ 8.8. Aspetti psicometrici 8.9. Considerazioni conclusive 8.10. Altri test con simile costrutto 8.11. Caso clinico: Rorschach 8.11.1. Mario Bibliografia / Gli autori