Carocci editore - Costruire l'integrazione sociosanitaria

Password dimenticata?

Registrazione

Costruire l'integrazione sociosanitaria

Giorgio Bissolo, Luca Fazzi

Costruire l'integrazione sociosanitaria

Attori, strumenti, metodi

Edizione: 2005

Ristampa: 4^, 2012

Collana: I Manuali (125)

ISBN: 9788874661466

  • Pagine: 376
  • Prezzo:29,20 24,82
  • Acquista

In breve

I processi di riforma del welfare in atto da diversi anni in Italia hanno aumentato in modo significativo l’esigenza di integrare i servizi. Uno degli snodi dell’integrazione riguarda il coordinamento e la collaborazione tra servizi sociali e servizi sanitari. La discussione su questo argomento è stata fino a oggi molto ricca, ma anche frammentata. Il presente volume si propone di fare una sintesi della situazione e di fornire le chiavi di lettura e gli elementi conoscitivi necessari per una trattazione analitica della tematica. Costituisce uno strumento di grande interesse sia per decision makerse operatori dei servizi sociali, sanitari e socio-sanitari, sia per studenti e persone che vogliono essere introdotte all’argomento. Questi i temi trattati: - definizione, principi e quadro normativo; - gli attori e i livelli dell’integrazione socio-sanitaria; - l’integrazione istituzionale; - gli accordi di programma, la conferenza dei servizi e le convenzioni; - la pianificazione; - l’integrazione gestionale; - la delega; - il distretto socio-sanitario; - il sistema informativo; - i protocolli di intesa; - il lavoro di équipe; - il case management. Il testo si chiude con una sezione di approfondimenti relativi a come funziona e può avvenire nel concreto l’integrazione socio-sanitaria in alcune aree di intervento esemplificative.

Indice

Introduzione di Giorgio Bissolo e Luca Fazzi/ Parte prima. L’integrazione sociosanitaria. Definizione, principi e quadro normativo 1. I principi dell’integrazione sociosanitaria di Giorgio Bissolo 1.1. Premessa 1.2. Cura e prendersi cura 1.3. Cambiamenti di scenario 1.4. Dalla malattia alla salute 1.5. La salute come concetto multidimensionale 1.6. Il contesto dà senso e significato alle azioni sociosanitarie 1.7. Altre idee guida dell’integrazione 1.8. Conclusioni 2. Il sistema dell’integrazione sociosanitaria in Italia di Giorgio Bissolo 2.1. Premessa 2.2. L’integrazione nella prima riforma sanitaria 2.3. L’integrazione sociosanitaria nel riordino dei servizi degli anni novanta 2.4. L’integrazione sociosanitaria nei decreti degli anni duemila e nella legge 328/2000 2.5. Il Piano sanitario nazionale 2003-2005 2.6. Gli strumenti dell’integrazione sociosanitaria a livello territoriale 2.7. Nodi ed elementi di criticità 3. Lo scenario normativo di Luca Degani e Raffaele Mozzanica 3.1. Premessa 3.2. Evoluzione storica dell’integrazione 3.2.1. Prestazioni sanitarie a rilevanza sociale 3.2.2. Prestazioni sociali a rilevanza sanitaria 3.2.3. Prestazioni sociosanitarie a elevata integrazione sanitaria 3.3. Il concetto di livello essenziale 3.4. L’attuale quadro dell’integrazione/ Spunti di riflessione/ Parte seconda. Attori e livelli 4. Gli attori dell’integrazione sociosanitaria e la rete dei servizi di Paolo Ferrario 4.1. Il concetto di rete e i servizi sociosanitari 4.2. Rete istituzionale e integrazione dei servizi 4.3. I cambiamenti delle relazioni tra Stato e Regioni 4.4. Reti locali: attori, strategie, strumenti 5. I livelli dell’integrazione sociosanitaria di Annamaria Perino 5.1. Premessa 5.2. L’integrazione sociosanitaria e la normativa di riferimento 5.3. Livelli, soggetti, aree e strumenti dell’integrazione sociosanitaria 5.3.1. L’integrazione istituzionale 5.3.2. L’integrazione gestionale 5.3.3. L’integrazione professionale 5.4. Presupposti e condizioni per l’integrazione sociosanitaria: l´adi 5.5. Conclusioni/ Spunti di riflessione/ Parte terza. L’integrazione istituzionale 6. Accordi di programma, conferenza dei servizi e convenzioni di Cleto Corposanto, Luca Fazzi e Giuseppe Splendore 6.1. Premessa 6.2. Gli accordi di programma 6.3. I contenuti degli accordi di programma 6.4. La conferenza dei servizi 6.5. Convenzioni e sccordi tra amministrazioni pubbliche 6.6. Accordi di diritto pubblico, art. 11 della legge 241/1990 6.7. Conclusioni 7. La pianificazione di Stefano Piazza 7.1. Premessa: problemi ricognitivi 7.2. Perchè la pianificazione è utile all’integrazione sociosanitaria 7.3. Le normative relative all’integrazione sociosanitaria 7.4. La svolta della legge quadro sul sistema integrato dei servizi sociali 7.5. Programmazione e pianificazione nel nuovo sistema integrato 7.6. Applicazione e programmazione della pianificazione sociosanitaria/ Spunti di riflessione/ Parte quarta. L’integrazione gestionale 8. La delega di Annamaria Perino 8.1. Premessa 8.2. L’istituto della delega e i suoi riflessi sull’integrazione sociosanitaria 8.2.1. Funzioni e servizi delegabili 8.2.2. Il ruolo dei Comuni e del terzo settore 8.3. La delega partecipata: quale garanzia per l’integrazione sociosanitaria’ 8.4. Organi e strumenti operativi 8.5. L’integrazione sociosanitaria tra delega e delega partecipata 9. Le forme di gestione di Cleto Corposanto, Adriano Passerini e Giuseppe Splendore 9.1. Premessa 9.2. Le forme di gestione 9.3. Le forme di gestione in particolare 9.3.1. Istituzione 9.3.2. Azienda speciale anche consortile 9.3.3. Società di capitali costituite o partecipate dagli enti locali 9.3.4. Associazioni 9.3.5. Fondazione 9.3.6. Fondazione di partecipazione 9.4. Le Società della salute 9.5. Altri processi e altre forme di integrazione gestionale 9.6. Conclusioni 10. Il distretto sociosanitario di Mauro Perino 10.1. Le radici storiche 10.2. La situazione attuale 10.3. Le attività sociosanitarie 10.4. Complessità organizzativa e modalità di integrazione 10.5. Conclusioni 11. Il sistema informativo di Stefano Laffi 11.1. Una premessa imbarazzante 11.2. Una proposta di definizione 11.3.L’integrazione dal punto di vista del sistema informativo 11.4. Struttura informativa e architettura istituzionale 11.5. Requisiti e competenze 11.6. Procedure e strumenti 11.7. I prodotti 12. I protocolli di intesa di Gherardo Bertoldi e Marco Rossi 12.1. Premessa 12.2. Il profilo definitorio e cenni sulla natura giuridica 12.3. Gli elementi caratterizzanti 12.4. Possibili contenuti dei protocolli d’intesa nell’integrazione sociosanitaria 13. Le linee guida di Graziano Maino 13.1. Premessa 13.2. Ragioni per introdurre linee guida 13.2.1. Ragioni normative 13.2.2. Ragioni economiche 13.2.3. Ragioni relazionali 13.2.4. Ragioni metodologico-professionali 13.2.5. Ragioni culturali 13.3. Le linee guida come strumenti di lavoro performativi e riflessivi 13.4. Struttura e componenti base 13.5. Documenti pratici, relazionali, simbolici 13.6. Questioni da indagare/ Spunti di riflessione/ Parte quinta. L’integrazione professionale 14. Il lavoro di équipe di Rino Fasol 14.1. Premessa 14.2. Le ipotesi ottimistiche sul lavoro di équipe 14.3. Le ipotesi pessimistiche sul lavoro di èquipe 14.4. Fattori che ostacolano il lavoro di gruppo 14.5. Il lavoro di  èquipe tra apprendimento e pratica 14.6. Conclusioni 15. Il case management di Luca Fazzi e Angelo Gasparre 15.1. Che cosa intendiamo per case management’ 15.2. Le fasi del case management 15.2.1. Individuazione dei casi 15.2.2. Valutazione multidimensionale 15.2.3. Progettazione dei piani individualizzati di intervento integrare i servizi 15.2.4. Monitoraggio e feedback 15.2.5. Verifica finale ed eventuale chiusura del caso 15.3. La rilevanza del case management per l’integrazione sociosanitaria 15.4. Modelli di case management 15.4.1. Il modello medico (medical case management) 15.4.2. Il modello integrato (medical social case management) 15.4.3. Il modello del brokeraggio 15.5. Problemi e prospettive di implementazione del case management nei servizi sociosanitari 16. Le professioni dell’integrazione sociosanitaria di Giorgio Bissolo 16.1. Premessa 16.2. Le professioni sanitarie 16.3. Le professioni sociali 16.3.1. La formazione universitaria delle professioni sociali 16.3.2. La formazione regionale 16.4. Le professioni sociosanitarie 16.5. Ulteriori aspetti di complessità delle professioni sociali 16.6. Prospettive attuali 16.7. Conclusioni 17. Le nuove tecnologie di Attila Bruni, Rino Fasol e Davide Nicolini 17.1. Premessa 17.2. L’innovazione tecnologica 17.3. Tecnologia e relazione di cura in campo sociale e sanitario 17.4. Le tecnologie nell’integrazione professionale e organizzativa/ Spunti di riflessione/ Parte sesta. L’integrazione sociosanitaria in pratica 18. L’assistenza sociosanitaria per gli anziani di Patrizia Di Santo e Francesca Ceruzzi 18.1. Premessa 18.2. Il quadro normativo e l’organizzazione dei servizi sociosanitari integrati per gli anziani 18.3. Il processo di erogazione dei servizi integrati 18.4. Gli attori del sistema dei servizi per gli anziani 18.5. Buoni esempi regionali di integrazione sociosanitaria per gli anziani 18.6. Conclusioni 19. L’integrazione sociosanitaria e gli immigrati di Salvatore Geraci e Fernando Biague 19.1. Gli immigrati in Italia 19.1.1. Il profilo di salute 19.1.2. Le politiche per la salute degli immigrati 19.2. L’integrazione sociosanitaria: un problema per gli utenti immigrati 19.2.1. Prestazioni sanitarie a rilevanza sociale 19.2.2. Prestazioni sociali a rilevanza sanitaria 19.2.3. Prestazioni sociosanitarie a elevata integrazione sanitaria 19.3. Lo status giuridico regolare: un problema di integrazione sociosanitaria per l’immigrato 20. L’assistenza sociosanitaria per i malati terminali di Bruno Andreoni 20.1. Il bisogno assistenziale 20.2. Normative 20.2.1. La normativa nazionale 20.2.2. La normativa della Regione Lombardia e della Regione Piemonte 20.3. Definizione di malattia inguaribile e terminale 20.3.1. Il paziente oncologico terminale 20.3.2. Fase terminale di malattie cronico-degenerative e malattie infettive 20.3.3. La persona anziana non più autosufficiente 20.4. Il modello assistenziale 20.4.1. L’assistenza domiciliare 20.4.2. L’assistenza in hospice 20.5. Le cure palliative 20.5.1. Le unità di cure palliative 20.5.2. La formazione nelle cure palliative delle malattie inguaribili e terminali 20.6. L’informazione e l’educazione della popolazione (movimento hospice) 20.7. Conclusioni 21. L’integrazione sociosanitaria in psichiatria di Lorenzo Gasperi 21.1. Premessa 21.2. Il percorso della psichiatria 21.3. La cultura aziendale nella psichiatria italiana 21.4. La posizione dell’Organizzazione mondiale della sanità 21.5. Il Progetto obiettivo Tutela della salute mentale 21.6. Il Piano sanitario nazionale 21.7. Il ruolo delle amministrazioni locali 21.8. Conclusioni 22. L’integrazione sociosanitaria con i malati di demenza di Luc Pieter De Vreese e Carlo Nicoli 22.1. Premessa 22.2. La demenza: la malattia del terzo millennio 22.2.1. La dimensione del problema "demenza" in Italia 22.2.2. I costi della cura di demenza in Italia 22.3. La demenza: una malattia complicata e complessa 22.3.1. Una malattia "sociosanitaria" 22.3.2. Una malattia "mai stabilizzata" 22.3.3. Una malattia cronico-invalidante 22.3.4. L’altra vittima della demenza: il caregiver 22.3.5. Una diagnosi "detersivo"’ 22.4. Normative per l´integrazione sociosanitaria dei servizi per le demenze 22.5. Un percorso integrato di diagnosi e assistenza: il panorama locale 22.5.1. La specificità dell’iter diagnostico e della rete dei servizi sanitari di diagnosi e di cura 22.5.2. La rete dei servizi sanitari e sociali integrati: un approccio protesico 22.6. Punti di criticità e raccomandazioni per il futuro 22.6.1. L’assistenza domiciliare integrata: realtà o finzione’ 22.6.2. La fase terminale: è possibile anche a casa’ 22.7. Verifica della qualità dei servizi: i livelli della valutazione 22.8. Conclusioni 23. L’integrazione sociosanitaria con i malati di aids di Maria Adriana Piras 23.1. Premessa 23.2. L’hiv 23.2.1. Come si trasmette l’infezione hiv 23.2.2. La malattia da hiv. Sieropositività 23.3. L’aids 23.4. Interventi sulla prevenzione 23.4.1. Trasmissione parenterale 23.4.2. Trasmissione sessuale 23.4.3. Trasmissione materno-infantile 23.5. Interventi sulla malattia da hiv 23.5.1. Il momento dello screening hiv 23.5.2. Vivere da sieropositivo 23.5.3. La gestione della terapia antiretrovirale 23.6. Interventi su aids 24. L’integrazione sociosanitaria per le tossicodipendenze di Bruno Bertelli e Raffaele Lovaste 24.1. Premessa 24.2. I servizi secondo il quadro politico, culturale e normativo 24.3. Obiettivi prioritari verso l’integrazione del sistema 24.4. La visione della tossicodipendenza 24.5. L’integrazione tra razionalizzazione delle risorse e bisogni del tossicodipendente 24.6. Conclusioni 25. L’integrazione sociosanitaria e le persone con handicap di Mauro Perino 25.1. Il diritto alle prestazioni sociali e sanitarie 25.2. La riabilitazione come percorso integrato sociosanitario 25.2.1. Strategia dell’inervento riabilitativo 25.2.2. Interventi di riabilitazione e articolazione dei presidi eroganti 25.3. I livelli essenziali di assistenza applicati all´area dell’handicap 25.4. Conclusioni/ Spunti di riflessione/ Letture consigliate.

Recensioni

, Camillianum, 01-08-2009

Psicologia sociale "maligna" è l'espressione che Tom Kitwood ha coniato negli anni novanta per classificare "tutte quelle interazioni svalutanti e stigmatizzanti nelle relazioni di cura, che possono minare le necessità psicologiche, o addirittura l'identità profonda delle persone".

, Appunti, 01-10-2009

Il testo affronta il delicato argomento delle relazioni di cura, dando strumenti di riflessione e di lavoro utili agli operatori sociali e aiutando i giovani lettori ad evitare i rischi della relazione di cura come atteggiamento paternalistico, ma spaziando secondio una visione olistica della persona e integrando varie teorie psicologiche. Infine offre strumenti di lavoro agli operatori per lavorare su di sé.