Carocci editore - Donne delinquenti

Password dimenticata?

Registrazione

Donne delinquenti

Silvano Montaldo

Donne delinquenti

Il genere e la nascita della criminologia

Edizione: 2019

Collana: Frecce (282)

ISBN: 9788843098279

  • Pagine: 356
  • Prezzo:32,00 27,20
  • Acquista

In breve

L’Ottocento vide la nascita della criminologia, l’elaborazione e la crisi delle certezze scientifiche sulle differenze di genere, l’esplodere della questione femminile. Il volume fa dialogare questi aspetti, indagando le origini della criminologia attraverso le modalità con cui essa spiegò la delinquenza di genere nel corso dell’Ottocento. Quetelet e Lombroso furono i cardini su cui ruotarono le principali concezioni della criminalità femminile. Più debole in quanto a forza, ma moralmente superiore, la donna di Quetelet pagava uno scarso tributo al delitto, protetta dalla società patriarcale che ne limitava la libertà. Intellettualmente, moralmente e fisicamente inferiore, la donna lombrosiana era il risultato di un adattamento evolutivo che ne aveva offuscato la sensibilità e l’aveva allontanata dal crimine, ma l’aveva portata ad affinare le arti della menzogna e della seduzione. Riesumando antichi stereotipi misogini e diffondendone di nuovi, La donna delinquente, la prostituta e la donna normale, il trattato pubblicato da Lombroso e Guglielmo Ferrero nel 1893, propose un’immagine delle donne inaccettabile per il femminismo e anche per una parte della comunità scientifica; pertanto aggravò in diversi paesi il discredito che era caduto sull’antropologia criminale.

Indice

Abbreviazioni
Introduzione
1. Riforma carceraria e delitti femminili nel primo Ottocento

Donne in prigione: volontariato e solidarietà di genere/Vergogna, sottomissione, debolezza: Quetelet e il penchant femminile/Statistica morale, violenza maschile, infirmitas sexus e débauche/Classi pericolose, donne pericolose: il contagio criminale/Frammenti di una protocriminologia femminista
2. Un ventennio di dibattiti
Organicismo, ereditarietà e degenerazionismo/Henry Mayhew: l’iconografi a delle prigioni femminili/Female Life in Prison: un falso ben congegnato/La medicina legale dell’isteria/L’offensiva igienista e le insoumises/Prostituzione e infanticidio nella Psychologie naturelle di Prosper Despine
3. L’ora di Cesare Lombroso
Delinquenti e primitivi: la teoria dell’atavismo criminale/La donna dell’Uomo delinquente/Ereditarietà e criminalizzazione della maternità illegittima/Il dibattito sulla mente femminile nelle scienze naturali e nel diritto/Crani, cervelli e nuove proposte penali su aborto e infanticidio
4. La crisi dell’antropologia criminale
La contraddizione sessuale dell’atavismo/Occasioni mancate/Tra ire e spropositi: l’attacco degli antropologi/Praskov’ia Nikolaevna Tarnovskaia, la prima criminologa/«Questo primeggiare delle donne nelle sedizioni»: il delitto politico al femminile
5. Un nuovo trattato: per risorgere
L’azienda di famiglia/Riviste e congressi: come si prepara un evento scientifico/La donna delinquente, la prostituta e la donna normale/Al mercato delle recensioni: come si promuove un trattato
6. Successo internazionale o fiasco?
The Female Offender: flop in Inghilterra, best seller in America/Frances Kellor: alle origini della Scuola di Chicago/La femme criminelle: il tramonto della misoginia scientifica
Das Weib als Verbrecherin: le esequie dell’antropologia criminale
Note
Indice dei nomi