Carocci editore - Voci.

Password dimenticata?

Registrazione

Voci.

Maurizio Bettini

Voci.

Antropologia sonora del mondo antico

Edizione: 2018

Collana: Frecce (250)

ISBN: 9788843089987

  • Pagine: 328
  • Prezzo:29,00 24,65
  • Acquista

In breve

La nostra vita è immersa nei suoni. Clacson di automobili, squilli di cellulari, un’infinità di rumori e voci umane della cui esistenza non ci accorgiamo neppure più. La nostra vita si svolge all’interno di una vera e propria fonosfera. Ma qual era la fonosfera degli antichi? Di certo conteneva sonorità che noi abbiamo perduto, come il colpo di martello dei fabbri o il cigolio dei carri. Ancor più presenti, però, erano le voci degli animali, ossia ragli, nitriti, belati, grugniti, cinguettii, ma anche il caccabare delle pernici, il iubilare dei nibbi, il drindrare delle donnole. Per gli antichi queste voci predicevano il futuro e annunciavano le stagioni; mentre i canti degli uccelli, in particolare, erano capaci di resuscitare tracce di antichi miti e di fornire a musicisti e poeti uno straordinario serbatoio di “memorie sonore”. Questo libro è dunque un viaggio in un mondo di voci ormai mute per sempre. Voci di animali ma anche voci di uomini, come quelle di profeti e glossolalici, voci che non possiamo più udire perché il tempo le ha ormai inghiottite; ma la cui registrazione scritta, rintracciata in testi remoti e spesso poco noti, conserva immagini e memorie di grande fascino

Indice

Abbreviazioni
Ringraziamenti
Prefazione
Preludio. La fonosfera
1. Un’enciclopedia sonora

Or dov’è il suono di quelle antiche belve?/Archivi poetici/Domande e risposte/Breve digressione: nemici e amici degli animali/A ciascuno la sua «lingua»/L’enciclopedia al carnevale del linguaggio
2. Versi di uccelli, cinguettii di poeti
Voci di voci/La Babele degli animali/I «versi» degli uccelli poeti/Il canto dei poeti uccelli/Il mangiatore di canti
3. Stonati imitatori
Il porcello di Parmenonte/Identità sonore/Dio non vuole/La peggiore delle ingiustizie
4. Icone sonore
Voci che giungono da “altrove”/Parole degli antenati/Icone sonore/Voci di donnola
5. La voce si fa densa
Fischi, gemiti, invocazioni e altri comportamenti sonori/Voces che narrano storie/Bisticci di innamorati e incubi di adulteri/Il milvus: uccello contadino/Jodler campestri/Un raglio innocente?
6. La voce si fa ambigua
Fantasmi, baccanti e lupi mannari/Lepri e streghe
7. Uccelli che parlano o “sono parlati”
Riarticolazioni sonore/Il canto delle pernici/Musiche in «style oiseau»/«Un cocco! ecco ecco un cocco un cocco per te!»/Primitivismo sonoro e fascinazione perlocutiva/Cuculo, dove hai dormito?/Le phonái di Aristofane/Vocalità narrative
8. Uccelli che cantano miti
Nomi e lamenti/La sete del corvo e il nitrito degli uccelli/La signora fa il caffè
9. Glossolalie
Glossolalie greche?/Fra suono e verso (e viceversa)/Paolo, il nóus esige un interprete/Sacre imposture e autoesegesi/I dolori del giovane Simon
10. Me l’ha detto l’uccellino
I poteri dell’indovino/Le avventure di Melampo/La saliva, dalla lingua alle orecchie/Il pollice della conoscenza/I filtri di Democrito e altri mirabilia del mondo classico/Articolazioni divinatorie/Strumenti sonori
Finale. Il suono e il senso
Note
Appendice
Bibliografia
Indice dei nomi