Carocci editore - Letteratura e ecologia

Password dimenticata?

Registrazione

Letteratura e ecologia

Niccolò Scaffai

Letteratura e ecologia

Forme e temi di una relazione narrativa

Edizione: 2017

Collana: Frecce (245)

ISBN: 9788843089413

In breve

Le questioni ecologiche occupano uno spazio centrale nell'esperienza e nel'’immaginario della contemporaneità. L’ecologia è divenuta una struttura di senso, rispetto alla quale individui e società orientano i propri valori e costruiscono le proprie rappresentazioni. In tale contesto, la letteratura ha un ruolo essenziale: l’idea di ambiente e le forme di relazione tra uomo e natura, infatti, sono state fissate specialmente attraverso i testi letterari. In un duplice senso: da un lato, il discorso ecologico ha adottato costruzioni tipicamente narrative; dall'altro, la letteratura ha trovato nell'ecologia argomenti attuali (per esempio, il dilagare dei rifiuti o la contaminazione tra paesaggi urbani e naturali nelle aree periferiche delle grandi città) ed elementi per rinnovare temi classici (la ricerca di un’armonia con la natura o, all'opposto, il timore di una prossima apocalisse). Il volume interpreta la relazione tra la tematica ambientale e i dispositivi formali che la modellano, mettendo a confronto le prospettive ecologiche presenti in opere rappresentative della letteratura mondiale e l’idea di natura ereditata dalla tradizione.

Indice

Introduzione
1. Effetti di natura

Da dove si guarda?/Che cosa hanno in comune letteratura ed ecologia?/Un libro esemplare: Sebald, Gli anelli di Saturno/A che cosa serve l’ecologia letteraria?
2. Per una critica ecologica della letteratura
La cultura ecologica/Letteratura ecologica, ecologia letteraria: da Thoreau a Franzen/Oltre l’ecocriticism/Il material ecocriticism e l’etica della natura/Altri paesaggi: le prospettive della critica ecologica/Tre tipi di costante
3. Uomo e natura: le prospettive originarie
Da Adamo a Francesco: possedere la natura o farne parte?/Contro il dominio/Le prospettive romantiche/Le prospettive classiche/Natura vs Storia: il locus amoenus/«Aprile è il mese più crudele»/Paradisi perduti (e ritrovati)
4. Mondi sconosciuti: il tema apocalittico e le forme della narrazione
Fine del mondo e rivelazione: da de Martino all’immaginario contemporaneo/L’apocalisse è scrittura: dalla Bibbia a Carrère/L’ambientalista scettico: Crichton e l’ecothriller/Ecofiction, dal thriller all’utopia: Atwood, Callenbach, McEwan/Estinzioni: Leopardi e Mary Shelley/Formule apocalittiche: Houellebecq e McCarthy/Il senso di una fine, la fine di un senso? Iperoggetti e ipercausalità/Dal secolo serio alla grande cecità: Ghosh, Moretti e una sfida al romanzo
5. Entropia dei rifiuti: contenere l’incontenibile
Quanto vale la spazzatura?/Un’Atlantide di spazzatura: Il sesto continente di Daniel Pennac/Il sogno di una deiezione totale: Le meteore di Michel Tournier/Contaminazioni: London Orbital di Iain Sinclair/Dal cuore delle città invivibili: Le città invisibili di Italo Calvino/Nostalgia dell’idillio: Sembrava il paradiso di John Cheever/Trovare il vuoto nel pieno: Gomorra di Roberto Saviano/I rifiuti sono una cosa religiosa: Underworld di Don DeLillo
6. Ecologia e modernità nel Novecento letterario italiano
Il “patrimonio della nazione”/«Tutte le cose che oggi ci appaiono orrende, allora ci apparivano bellissime»/L’insalubrità dell’aria: poesia ed ecologia, da Parini al Novecento/Tre significati, tre forme di relazione: Rigoni Stern, Pasolini, Calvino, Volponi, Ortese/Paesaggi contemporanei
Conclusioni
Note
Riferimenti bibliografici
Indice dei nomi