Carocci editore - La strada della Nazione

Password dimenticata?

Registrazione

La strada della Nazione

Armando Vittoria

La strada della Nazione

Opere pubbliche e riforme istituzionali nel Decennio francese (1806-1815)

Edizione: 2017

Collana: Biblioteca di testi e studi (1128)

ISBN: 9788843088447

  • Pagine: 272
  • Prezzo:27,00 22,95
  • Acquista

In breve

L’esperienza napoleonica in Italia richiama immediatamente l’idea della conquista; nel Regno meridionale essa costituì, tuttavia, anche una opportunità riformatrice nel campo dei diritti e delle istituzioni. Il volume, partendo dalle fonti degli archivi francesi e dell’Archivio di Stato di Napoli, ricostruisce la politica delle opere pubbliche statali e locali avviata durante il Decennio prima da Giuseppe Bonaparte e poi dal governo murattiano. Una ricerca da cui emerge come il progetto delle istituzioni francesi intendesse prendere le mosse dalla riforma dello Stato per farsi promotore, in senso più ampio, di un disegno di modernizzazione per il Mezzogiorno, nel quale le infrastrutture pubbliche – e le amministrazioni create per realizzarle, la Direzione Ponti e Strade e il Corpo degli ingegneri – occuparono un posto di rilievo, perché immaginate per promuovere una nuova geografia degli interessi, dell’autorità e del consenso.

Indice

Abbreviazioni

1. Le riforme napoleoniche e il sistema delle opere pubbliche: il governo di Giuseppe Bonaparte (1806-08)
Un nuovo governo francese per Napoli, tra conquista e riforme / La centralità delle opere pubbliche nel progetto francese e l’eredità dell’amministrazione Ponti e Strade borbonica / Un governo per le opere pubbliche: la prima stagione del Decennio francese nel settore Ponti e Strade (1806-07) / Vecchie e nuove opere pubbliche per la rete delle comunicazioni nel regno (1807-08)

2. Il consolidamento delle istituzioni francesi e il progetto politico murattiano
Politica imperiale e blocco continentale: i trattati di Baiona e la Costituzione imperiale / L’arrivo di Murat a Napoli e il “lascito” politico, istituzionale e finanziario di Giuseppe / Le premesse generali dello sviluppo: paese e finanza statale dopo il biennio giuseppino / Le premesse per una modernizzazione istituzionale: la politica interna e l’avanzamento delle riforme / Verso una nuova geografia del consenso. Le reti di comunicazione interna e lo spazio politico / La riforma dell’amministrazione Ponti e Strade e la politica delle opere pubbliche del primo biennio

3. La prima politica murattiana e la creazione della Direzione e del Corpo degli ingegneri (1808-09)
L’esordio alla politica interna di Murat, tra obblighi imperiali e aspirazioni nazionali / La creazione della Direzione generale e l’istituzione del Corpo degli ingegneri di Ponti e Strade (1808-09) / La politica delle opere pubbliche statali fino alla nomina di Zurlo al ministero (1808-09)

4. L’autonomia “difficile”: il governo e la politica delle comunicazioni sotto la direzione di Campredon (1809-11)
Una difficile emancipazione: il governo di Murat dall’autunno del 1809 alla crisi della “cittadinanza” dell’estate 1811 / La politica statale delle opere pubbliche sotto il ministero Zurlo e il ruolo svolto dalla Direzione di Campredon (1809-11) / La riforma degli appalti (1810) e la creazione della Scuola di applicazione degli ingegneri di Ponti e Strade (1811) / Il regime delle carriere e il governo della Direzione tra il 1810 e il 1811: la collisione tra Zurlo e Campredon / Il Consiglio, la politica della Direzione e la gestione dei lavori pubblici statali negli ultimi mesi della direzione Campredon

5. Una nuova geografia delle relazioni e del consenso. La politica delle opere locali e le comunità (1809-14)
Il governo murattiano, i consigli generali e la politica delle opere pubbliche di fronte alle comunità / I comuni e le opere pubbliche, tra spinte ascendenti e continuità nella logica del paternalismo (1809-14) / Collegare la capitale, collegarsi alla capitale. Le opere locali, tra programmazione statale e spinte territoriali

6. Verso un incerto destino “nazionale”: politica interna e opere pubbliche negli anni della direzione di Colletta (1812-15)
Dal consenso alla conquista: Murat e il governo del regno (1812-15) / La politica statale delle opere pubbliche dalla reggenza di Carolina alla fine del Decennio (1812-15) / Le riforme del servizio Ponti e Strade durante l’ultima stagione del governo murattiano (1811-15) / Il Corpo degli ingegneri dalla reggenza Winspeare alla direzione di Pietro Colletta (1811-15) / L’organizzazione della Direzione e la programmazione delle attività sotto la direzione di Colletta (1812-15)

Conclusioni
Bibliografia
Indice dei nomi