Carocci editore - Psicologia della percezione

Password dimenticata?

Registrazione

Psicologia della percezione

Stefano Mastandrea

Psicologia della percezione

Edizione: 2017

Collana: Quality paperbacks (502)

ISBN: 9788843088096

In breve

La capacità di percepire gli oggetti presenti nel nostro campo visivo è immediata e automatica. È talmente efficiente che, in genere, non ci poniamo domande sul suo funzionamento. Ci interroghiamo soltanto quando la percezione ci inganna, quando, per  esempio, notiamo con sorpresa che non è il nostro treno a muoversi, ma quello sul binario a fianco, o che la luna, che ci appare  grande all’orizzonte, è la stessa che vediamo più piccola in alto  nel cielo.  Il libro racconta il funzionamento della percezione. All’inizio si  parla di sensazione, si continua con gli organi di senso, occhio e  orecchio, per arrivare ai meccanismi dell’attenzione. Una parte  è dedicata alle principali teorie della visione e ai fenomeni percettivi, con riferimenti pittorici e musicali. Infine, con un approccio più applicativo, sono trattati argomenti relativi alla comunicazione visiva e alla fruizione di immagini d’arte.

Indice

Introduzione

1. La sensazione
La psicofisica

2. La visione
La luce e il colore: dalla fisica alla fisiologia / Fisica e pittura / L’occhio e il cervello

3. L’udito
La fisica del suono / L’orecchio

4. L’attenzione
Le teorie / Processi automatici e controllati

5. La psicologia della percezione visiva: le teorie principali
Agli albori di una teoria / Principali teorie

6. I fenomeni percettivi
L’articolazione figura/sfondo / Le leggi di organizzazione percettiva / Il completamento amodale / Le costanze percettive / La percezione dello spazio e della profondità / Le illusioni visive / La percezione del movimento / Il riconoscimento / Il movimento degli occhi e l’esplorazione visiva

7. Percezione e comunicazione visiva
Informazione e comunicazione / Le funzioni della comunicazione: il modello di Jakobson / I segni: un sistema di classificazione / La comunicazione nelle immagini d’arte e il benessere percepito

Conclusione
Riferimenti bibliografici
Indice analitico