Carocci editore - «There was a star danced»

Password dimenticata?

Registrazione

TFA e formazione

Banner

crediti formativi

Banner

Promo del mese

Banner
Banner
«There was a star danced»

Fabio Ciambella

«There was a star danced»

Danza e rivoluzione copernicana in Shakespeare

Edizione: 2017

Collana: Lingue e Letterature Carocci (228)

ISBN: 9788843084906

  • Pagine: 176
  • Prezzo:17,00 14,45
  • Acquista

In breve

Il volume, originale studio interdisciplinare, esplora, da un lato, la pratica della danza e, dall’altro, la progressiva diffusione delle teorie copernicane nell’Inghilterra elisabettiana e giacomiana, procedendo inizialmente su due binari paralleli che poi si incontrano nell’analisi delle scene tersicoree di plays shakespeariani quali A Midsummer Night’s Dream, The Merry Wives of Windsor, Macbeth, Antony and Clepatra e Cymbeline. L’approccio adottato mira a rinvenire tracce di una “consapevolezza copernicana” da parte del Bardo, soprattutto – parafrasando un verso che il Marc’Antonio shakespeariano riprende dall’Apocalisse – in quei momenti di intima unione fra il nuovo cielo eliocentrico e la nuova terra tersicorea.

Indice


Introduzione. «We will begin these rites»
Stato dell’arte / Shakespeare, danza e copernicanesimo / Metodologia

1. «Dancing’s only life»: la danza nell’Inghilterra elisabettiana e giacomiana
Trattati, manoscritti e miscellanea: la danza come pratica quotidiana / Davide e Salomè: la querelle sulla danza tra neoplatonici e puritani / Danze del popolo e danze della corte / Da Elisabetta a Giacomo: danza e politica

2. Concezioni astronomiche ed esoteriche nel Cinque-Seicento inglese
Premesse storiche / Relazioni impreviste: nuove ipotesi di lavoro

3. Paradigmi copernicani nelle danze del canone shakespeariano
Quale metodologia seguire / Lo staging of dance nel regno di Elisabetta: l’alba del copernicanesimo e la danza / La svolta copernicana al trono inglese: Giacomo i

4. Conclusioni. «Our revels are now ended»

Bibliografia