Carocci editore - Intraprendere nella complessità

Password dimenticata?

Registrazione

Intraprendere nella complessità

Intraprendere nella complessità

Strategie di cambiamento nelle organizzazioni

a cura di: Antonella Morlini

Edizione: 2016

Collana: Biblioteca di testi e studi (1071)

ISBN: 9788843082322

  • Pagine: 208
  • Prezzo:21,00 19,95
  • Acquista

In breve

Nella complessa realtà di cui siamo parte, possiamo ancora pensare e intraprendere azioni conoscitive, progettuali, in grado di aprire a cambiamenti di prospettiva? Nelle organizzazioni, possiamo considerare differenti strategie di governo, di gestione, di formazione, ricercando ipotesi approfondite e incisive per affrontare i problemi? Il volume tratta le questioni cruciali del cambiamento, offre inedite prospettive che possono “liberare” intraprendenti scelte produttive, organizzative, socioeconomiche, ed esplora contenuti contraddittori, soffermandosi sui tratti che aprono a processi di ridefinizione possibili, sostenibili. Emerge il valore del pensare con le altre persone, con i gruppi, per affrontare azioni riorganizzative, di riconoscimento dei problemi e delle risorse. Non si propongono risposte facili, ma riflessioni ancorate a molteplici esperienze di consulenza, in differenti contesti italiani ed europei.

Indice

Introduzione

Perché intraprendere? di Antonella Morlini

1. Possiamo ancora conoscere e intraprendere? di Antonella Morlini
1.1. Il nostro tempo: tra senso di realtà e di complessità
1.2. È accoglibile una realtà che si produce e si genera nelle interazioni?
1.3. Le nostre imprese: tra cambiamenti pressanti e intraprese molteplici
1.4. Intraprendere tra differenti scissioni

2. Come promuovere e sostenere il cambiamento? di Antonella Morlini
2.1. A che cosa servono le ipotesi?
2.2. Possiamo addentrarci nella complessità?
2.3. Possiamo interagire con quello che c’è nel suo divenire?
2.4. Ha valore pensare e lavorare per processi?
2.5. È possibile sostenere lo sguardo progettuale strategico?
2.6. Possiamo esplicitare le logiche istituzionali e di governo?
2.7. Che cosa significa fare formazione?
2.8. Che cosa implica fare formazione?
2.9. Che cosa intendiamo per rielaborazione?
2.10. Possiamo reggere, affrontare, rendere significativi i movimenti contraddittori?
2.11. Che cosa produce la formazione?

3. Come si incontrano e si governano le situazioni di crisi
Intervista di Simona Bartolini a Paola Vacchina

4 Possiamo ancora rigenerarci nelle organizzazioni? di Simona Bartolini e Rocco Savron
4.1. La rigenerazione: tra necessità e opportunità
4.2. Il ruolo della formazione nell’organizzazione che apprende
4.3. Le condizioni per progettare
4.4. Lavorare con le persone nelle organizzazioni: la formazione e il gruppo
4.5. Le dissimmetrie in ambito formativo
4.6. Che cosa contrasta la rigenerazione di un’organizzazione

5. A quale potere pensiamo per affrontare la complessità? di Antonella Morlini
5.1. A che cosa serve l’esercizio del potere?
5.2. Potere del singolo, potere del gruppo?
5.3. Tra differenziazioni e interazioni
5.4. Perché agiamo poteri impliciti?
5.5. Negoziare non è mediare
5.6. Qual è il “discorso” del potere nei contesti complessi?
5.7. L’interdipendenza è possibile?

6. Che cosa è strategico per intraprendere nella complessità? di Antonella Morlini
6.1. Il pensiero è concreto
6.2. Fare esperienza nel divenire
6.3. Organizzarsi per interagire
6.4. Lavorare con sguardo interculturale
6.5. Produrre risorse molteplici
6.6. La realtà ci supera… e noi?

Riferimenti bibliografici

Gli autori