Carocci editore - L'umorismo letterario

Password dimenticata?

Registrazione

L'umorismo letterario

Giancarlo Alfano

L'umorismo letterario

Una lunga storia europea (secoli XIV-XX)

Edizione: 2016

Ristampa: 1^, 2017

Collana: Frecce (220)

ISBN: 9788843081929

  • Pagine: 352
  • Prezzo:29,00 27,55
  • Acquista

In breve

Vibrazioni e digressioni; incertezze, trivialities e sobbalzi: l’umorista privilegia il discontinuo e l’improvviso rispetto alla linearità delle narrazioni convenzionali. Impregnata degli umori più individuali, questa tradizione letteraria esibisce un soggetto mutevole, che si muove in modo ambivalente tra le convenzioni sociali e la sua propria, costitutiva, mortalità. Mentre il mondo occidentale organizza gli apparati di controllo dei corpi e dei desideri, la letteratura umorista rivendica, e realizza, un’estetica della comunicazione diretta, ma basata sull’ambiguità e il relativismo. Da Petrarca a Montaigne, da Cervantes a Sterne, insieme a Cartesio, Locke e Hegel, e ripercorrendo il sistema della conversazione mondana dalla tradizione retorica antica fino al giornalismo settecentesco, il libro propone un viaggio attraverso il ricco panorama dell’umorismo letterario europeo dal tardo Medioevo ai nostri anni.

Finalista Premio Napoli 2017






Indice

Ringraziamenti

Introduzione

Dagli umori all’umorismo

Parte prima

Genealogia del soggetto

1. Petrarca, o la temporalità

Fluttuare

Scrivere

Un “viaggio sentimentale”

2. Montaigne, o la prospettiva

Diventare soggetto

La forza dell’immaginazione

La parola “saggio”

3. Cervantes, o l’ingegno

Il colore di un panno azzurro

Un «loco», e il suo tema
Ingegno narrativo: la storia di una storia

4. Cartesio, o la corporeità

La favola dell’io

Una cosa che pensa

Sentirsi sentirsi

5. Sterne, o le opinioni

Nothing unmixt

La vita e le opinioni

Contro la linea retta

Parte seconda

Tu, è uno che ride

6. Che cos’è ridere

Il soggetto del ridere

Dalla parte della retorica

Il discorso della città

7. Le insidie del riso

Restare stupiti

Il circolo del riso

Il gusto del mondo

8. La conversazione

La civiltà della conversazione

Il Cinquecento italiano e la fondazione del modello
I salotti parigini: l’apprendistato delle piccole differenze

9. La pagina e la voce

I luoghi dell’incontro

Dall’oralità alla scrittura, e ritorno

Altri spazi in bilico: riviste e gabinetti di lettura

10. Il chiacchierone tipografico

Londra: la rete dei caffè

Trompe l’oeil

Stile e opinioni di un chiacchierone

Due ritratti a confronto

Parte terza

Estetica dell’umorismo

11. Finito e “infinibile”: la questione estetica dell’umorismo

Quale forma per l’umorismo?

La linea dell’ombra

Il presente del lettore

12. La parte del lettore

Umori compartecipi

Il testo come conversazione

L’appello al lettore

Riflessività

L’opera a quattr’occhi
13. La materia tipografica

Punteggiando

Ibridismo mediale

Retoriche tipografi che

L’arte del titolo

14. Forme dell’umorismo letterario

Lettera, dialogo, saggio: i generi della compresenza

Il filo del racconto

Elogio della digressione

Voyage en zig-zag

Non conclude 

15. Rovesciamenti di prospettiva 

Questione di punti di vista

Umorismo plurilinguista 

Serietà del riso 

Ironia 

Epilogo. La maschera dell'io

Note 

Bibliografia

Indice dei nomi