Carocci editore - Difendere la democrazia

Password dimenticata?

Registrazione

Difendere la democrazia

Alessandro Naccarato

Difendere la democrazia

Il PCI contro la lotta armata

Edizione: 2015

Ristampa: 1^, 2016

Collana: Biblioteca di testi e studi (1007)

ISBN: 9788843077427

  • Pagine: 368
  • Prezzo:37,00 35,15
  • Acquista

In breve

Negli anni Settanta, di fronte all'attacco del terrorismo le reazioni della società, dei partiti e dello Stato furono per lungo tempo inadeguate. Le simpatie verso l’eversione presenti in ambienti della sinistra e le sottovalutazioni di molte istituzioni favorirono le formazioni armate. Il PCI quando comprese i pericoli del terrorismo rosso? Come reagì? Dal 1973, Enrico Berlinguer e il gruppo dirigente comunista intrapresero una lotta decisa contro il terrorismo. Nel 1976 il PCI costituì la sezione “Problemi dello Stato”, che promosse in tutta Italia la prevenzione e il contrasto dell’eversione. Questa attività si svolse in un clima difficile, segnato da violenze e morti, e fu spesso accompagnata da un acceso dibattito interno. Dal 1979, con l’avvio a Padova e nelle principali città italiane di importanti indagini sulle BR e sul partito armato, nel PCI si aprì uno scontro sul garantismo; i magistrati furono accusati di avere costruito una montatura per perseguire reati di opinione. Riaffiorarono le ambiguità di giudizio sull'eversione rossa e sul ruolo della democrazia. Il volume, attraverso l’analisi dei documenti dell’epoca, ricostruisce l’azione decisiva svolta dal PCI nella sconfitta del terrorismo e consente di scoprire aspetti poco conosciuti di un periodo storico sanguinoso e terribile. Allo scenario nazionale si affianca l’approfondimento della situazione di Padova, che è stata un laboratorio del terrorismo diffuso e dell’illegalità di massa del partito armato.

Indice

Abbreviazioni

Introduzione

Incertezze e sottovalutazioni

Attenzione e mobilitazione contro l’estremismo

L’eredità del Sessantotto

Il dibattito nel PCI: lotta al terrorismo e garantismo

Tolleranza e consenso verso il terrorismo

La Sezione problemi dello Stato: prevenzione e repressione Padova

Conclusione

1. L’estremismo di movimenti e gruppi rivoluzionari: il PCI tra sorpresa, dialogo e scontri (1968-72)

Il confronto difficile: le aperture di Longo e «la lotta sui due fronti» di Amendola/Quale confronto? L’uso della violenza e i primi scontri/L’attacco al PCI e l’aggressione a Ragionieri/Crisi dei gruppi e «sovversivismo dall’alto»/Il partito armato/Il XIII Congresso del PCI, la morte di Feltrinelli e la scoperta della rete eversiva/L’assassinio del commissario Calabresi e la polemica con Lotta continua

2. La rottura con l’estremismo e il compromesso storico (1973-76)

La svolta di Berlinguer: mobilitare i lavoratori per isolare i gruppi estremisti/Il compromesso storico/Le prime vittime delle BR/L’assassinio del brigadiere Lombardini ad Argelato e le responsabilità di Autonomia/Il PCI di Padova e l’estremismo/Il seminario nazionale sull’estremismo e il XIV Congresso del PCI/La legge Reale/La rinascita della FGCI/Violenze e omicidi di Autonomia e BR/I governi dell’astensione e le riforme per l’ordine democratico/La Sezione problemi dello Stato della Direzione del PCI/La collaborazione tra forze politiche, polizia e giudici

3. Lo squadrismo armato di Autonomia contro il PCI (1977)

L’assalto contro Lama all’Università di Roma/Il Comitato centrale sulla condizione giovanile e la violenza/Padova laboratorio di Autonomia: notti dei fuochi, violenze e prime indagini/Partito armato e guerra allo Stato

4. Prevenzione di massa e repressione (1977)

La polemica con gli intellettuali: il PCI per la repressione/Berlinguer: «gli autonomi sono i nuovi fascisti». La polemica con Bobbio/Le responsabilità del Sessantotto/«Prevenzione di massa» contro l’aggressione eversiva/Il convegno sull’operaismo: il PCI tra riformismo ed estremismo/Il lavoro della Sezione problemi dello Stato e le misure contro l’eversione

5. La diffusione della violenza e l’attacco al cuore dello Stato (1978)

Combattere il terrorismo da sinistra: rompere le fasce di solidarietà/Dentro il PCI: superare i residui di settarismo e le impostazioni radical-estremiste/«Una certa concitazione (da vigilia di sviluppi decisivi)»: l’allarme del PCI sulla strategia eversiva/Violenze a Padova e in Veneto/I terroristi nemici degli operai/Il dramma di Moro. L’incapacità degli apparati dello Stato/BR e PCI: l’album di famiglia/Fermezza e trattativa/Illegalità di massa a Padova e in Veneto

6. Il PCI in prima linea contro il terrorismo (1978-79)

Il lavoro della Sezione problemi dello Stato/Padova sotto il fuoco di Autonomia/Il PCI nel mirino dei terroristi/I cittadini contro il terrorismo: il questionario di Torino/Padova: scontro tra legalità e illegalità di massa/L’analisi del PCI di Padova/La strategia di Autonomia/Il XV Congresso. Berlinguer: «scoprire, denunciare e sgominare i terroristi e i criminali»/Padova al Congresso nazionale del PCI

7. La risposta dello Stato (1979)

7 aprile 1979: la sconfitta del partito armato/Polemiche contro i giudici/Il PCI: tutti devono fare il proprio dovere contro il terrorismo/Il primo convegno pubblico su Autonomia a Padova/Ancora polemiche e violenze/Padova: minacce ai testimoni e reazioni democratiche/Il dibattito nel sindacato

8. Scontro a sinistra (1979)

I rapporti tra Autonomia e BR/Divisioni e polemiche/L’appello ai giudici del caso Negri: un documento ambiguo/Padova: «500 aggressioni sono terrorismo o reati d’opinione?»/L’attentato contro il professor Ventura/Lo scontro tra Pecchioli e gli intellettuali

9. Il PCI all’attacco (1979)

Padova: una nuova fase nella lotta all’eversione/I ritardi del PCI/Il PCI: i cittadini dalla parte dei poliziotti e dei magistrati/Padova contro l’omertà: 77 professori con i magistrati/L’identikit dei terroristi/ “il mattino di Padova” contro l’inchiesta di Calogero/Il PCI di Padova: troppe incertezze contro Autonomia/«Allora ha vinto Calogero?»

10. Il PCI tra fermezza e garantismo (1980-81)

I garantisti contro il PCI/I metalmeccanici della CISL veneta con Autonomia/Il PCI per una legge più efficace contro il terrorismo/L’abbraccio di Pertini a Ventura all’Università di Padova/«Chi sa deve parlare senza paura»/La crisi di Autonomia/Le BR contro il PCI: «agenzia al servizio della borghesia imperialista»/L’indagine sul terrorismo: i questionari del PCI/Padova: l’isolamento di Autonomia

11. La liberazione di Dozier e l’isolamento dei terroristi (1982-83)

Pecchioli: non sottovalutare il terrorismo/«Negri: il terrorismo veneto non esiste». Il dibattito a Padova/La liberazione di Dozier: «una lezione da meditare»/La prudenza del PCI/La legge sui dissociati e sui pentiti/La sconfitta di Autonomia

12. Negri deputato. Arresto o no? (1983)

Il dibattito nel PCI/Le oscillazioni del PCI/Il PCI di Padova per l’arresto/Favorevoli e contrari/Il dibattito parlamentare/La fuga di Negri e il voto

Epilogo

Appendice. Il Documento Blu