Carocci editore - La ricchezza delle emozioni

Password dimenticata?

Registrazione

La ricchezza delle emozioni

Giandomenico Scarpelli

La ricchezza delle emozioni

Economia e finanza nei capolavori della letteratura

Edizione: 2015

Ristampa: 1^, 2015

Collana: Biblioteca di testi e studi (973)

ISBN: 9788843075348

  • Pagine: 312
  • Prezzo:31,00 29,45
  • Acquista

In breve

Leggendo grandi opere letterarie ci si imbatte talvolta in brani che trattano o sfiorano argomenti economici, in personaggi che consumano, producono, risparmiano, s’indebitano, speculano, studiano economia o ne discutono. Inoltre alcuni romanzi accennano ad avvenimenti storico-economici o a teorie economiche. È possibile che i lettori, presi dallo sviluppo della narrazione, si lascino sfuggire il senso di questi riferimenti: quanti lettori di Robinson Crusoe si sono soffermati sul significato economico di alcuni ragionamenti del naufrago? E quanti hanno compreso appieno in cosa è consistito il colpo micidiale sferrato dal Conte di Montecristo a Danglars? Questo libro fornisce un’ampia e documentata rassegna della “presenza” dell’economia nei capolavori della letteratura, con spiegazioni sintetiche ed accessibili basate sulla teoria e sulla storia economiche. Dalle opere di Balzac e Tolstoj, di Charlotte Brontë ed Elizabeth Gaskell, di Manzoni e Buzzati, e di tanti altri scrittori, emerge un’immagine dell’economia inattesa e sorprendente: quella “scienza triste”, spesso considerata arida e complessa, diventa viva e chiara, e fa provare autentiche emozioni.

Indice

Prefazione

 

1. Le leggi e il metodo dell’economia

 

Anna Karenina (I) di Lev N. Tolstoj – Levin e le «leggi universali» dell’economia/Middlemarch (I) di George Eliot – Dorothea e la «scienza misteriosa»/Tempi difficili (I) di Charles Dickens, Shirley (I) di Charlotte Brontë, Mastro-don Gesualdo di Giovanni Verga – Il «primo principio» e la vitaccia di Gesualdo Motta/La favola delle api (i) di Bernard de Mandeville, Le anime morte di Nikolaj Gogol’ – Quella mano invisibile che manda in estasi/Delitto e castigo (I) di Fëdor Dostoevskij – I caffettani interi «dove c’e l’economia politica»


2. Valore, scarsità, utilità, benessere


Robinson Crusoe (I) di Daniel Defoe, Metello di Vasco Pratolini – Il valore su un’isola deserta e la «teoria della forza-lavoro»/Le avventure del capitano Singleton di Daniel Defoe, Candido di Voltaire, Il fabbricante di diamanti di Herbert G. Wells – Il valore e la scarsità, ovvero quando le pepite sono ciottoli/Robinson Crusoe (II) di Daniel Defoe, Alla ricerca del tempo perduto (La strada di Swann) di Marcel Proust – L’utilità marginale del te e delle madeleines/Un yankee del Connecticut alla corte di re Artù di Mark Twain (I) – Gli scrofolosi e l’ottimo paretiano


3. Le forme di mercato e la determinazione dei prezzi


La coscienza di Zeno (I) di Italo Svevo, La Prospettiva di Nikolaj Gogol’, César Birotteau (i) di Honoré de Balzac – Il prezzo dell’olio per i capelli nella Parigi della Restaurazione e nel mondo walrasiano/La perla di John Steinbeck, Il titano di Theodore Dreiser, Il tallone di ferro (I) di Jack London, L’imbroglione (I) di Louis Auchincloss – Il monopsonio delle perle, il monopolio del latte e il diritto a divorare le piccole imprese/I promessi sposi (I) di Alessandro Manzoni, Furore (I) di John Steinbeck – Il prezzo amministrato del pane e quello minimo garantito delle arance/L’educazione sentimentale (I) di Gustave Flaubert – Il prezzo di aggiudicazione d’asta, ovvero le due maledizioni di Madame Dambreuse


4. Il lavoro, la produzione e il progresso tecnico

 

Il mulino sulla Floss (I) di George Eliot, Il tallone di ferro (II) di Jack London, Shirley (II) di Charlotte Brontë, The Life and Adventures of Michael Armstrong, the Factory Boy (i) di Frances Trollope, Helen Fleetwood di Charlotte E. Tonna – Le ruote giravano e il billy-roller colpiva/The Life and Adventures of Michael Armstrong, the Factory Boy (II) di Frances Trollope, La capanna dello zio Tom di Harriet Beecher Stowe, Il finanziere (I) di Theodore Dreiser – «La schiavitù delle plebi, nominale od effettiva che sia»/Tempi difficili (II) di Charles Dickens, Nostra sorella Carrie (I) di Theodore Dreiser, La condizione umana (I) di André Malraux – La «zuppa di tartaruga» e la realtà della fabbrica/I miserabili (I) di Victor Hugo – Papa Madeleine e le innovazioni nel ciclo produttivo/Illusioni perdute (I) di Honoré de Balzac – Le tecniche di produzione della carta e una fidanzata paziente/La valle dell’Eden (i) di John Steinbeck, Nostra sorella Carrie (II) di Theodore Dreiser, Marcovaldo (I) di Italo Calvino, La vita agra (i) di Luciano Bianciardi – La «complicazione della produzione di massa»


5. La determinazione dei salari e la distribuzione della ricchezza e del reddito


Fontamara di Ignazio Silone, Il taccuino d’oro di Doris Lessing – Berardo Viola e la trappola della povertà/I viaggi di Gulliver (I) di Jonathan Swift, I miserabili (II) di Victor Hugo – Una «buona distribuzione» per mettere fine all’«iniqua gelosia»/Mary Barton (I) e Nord e Sud (I) di Elizabeth Gaskell, Il tallone di ferro (III) di Jack London – Lo «scontro inconciliabile» «sulla stessa barca»/Germinal (I) di Émile Zola, Confessioni di un oppiomane di Thomas De Quincey – La «legge di bronzo» e i sabati pomeriggio degli operai inglesi/Mary Barton (II) di Elizabeth Gaskell, Furore (III) di John Steinbeck – Dagli «knob-sticks» agli «Oakies»/Le morti concentriche di Jack London – La redistribuzione della ricchezza secondo gli «Esecutori di Mida»/Il denaro (I) di Émile Zola – La redistribuzione della ricchezza secondo Sigismond (e i marxisti)/Casa Howard di Edward M. Forster, Anna Karenina (II) di Lev N. Tolstoj – La distribuzione del reddito secondo Mr. Wilcox e Karenin (e i neoclassici)/Tempi difficili (III) di Charles Dickens, Memorie di Adriano di Marguerite Yourcenar – La «Prosperità Nazionale» e la saggezza di un imperatore


6. Liberismo e protezionismo


Il mulino del Po (I) di Riccardo Bacchelli, Papà Goriot (I) di Honoré de Balzac, I viaggi di Gulliver (II) di Jonathan Swift – «Ogni attività inceppata, ogni fonte di lucro seccata»/Shirley (III) di Charlotte Brontë, The Life and Adventures of Michael Armstrong, the Factory Boy (III) di Frances Trollope, Jude l’oscuro di Thomas Hardy – Il «libero accesso al cibo prodotto dall’uomo da qualsiasi parte provenga»/L’educazione sentimentale (II) di Gustave Flaubert, Il mulino del Po (II) di Riccardo Bacchelli – Il protezionismo degli amici di Federico Moreau e quello «confuso, caso per caso»/Il mastino dei Baskerville di Arthur Conan Doyle, La fattoria degli animali di George Orwell – Un articolo del “Times” e la svolta liberista del maiale Napoleon


7. La moneta

 

Robinson Crusoe (III) di Daniel Defoe, La piccola Dorrit (I) di Charles Dickens – Che «robaccia inutile» quelle monete d’oro!/I tre moschettieri di Alexandre Dumas, Moby Dick di Herman Melville, L’isola del tesoro di Robert L. Stevenson, Eugenia Grandet (I) di Honoré de Balzac – Il doblone di Achab, i «pezzi da otto» e le monete di Jim ed Eugenia/Il piccolo campo di Erskine Caldwell, I marenghi di Gabriele D’Annunzio, Il banchiere anarchico di Fernando Pessoa, Lo Zahir di Jorge L. Borges – Pepite, marenghi e monetine tra ossessioni e libero arbitrio/Mont-Oriol (I) di Guy de Maupassant, La roba (i) di Giovanni Verga – Oriol e Mazzaro, i mercantilisti e i fisiocratici/Un yankee del Connecticut alla corte di re Artù (II) di Mark Twain – L’illusione (monetaria) e dura a morire/Guerra e pace di Lev N. Tolstoj, Faust di Johann W. Goethe – «Le ali di Dedalo della carta moneta» e l’inganno di Mefistofele/I fratelli Karamazov (I) di Fëdor Dostoevskij, L’età dell’oro (I) di Mark Twain e Charles D. Warren – La valuta basata su «qualunque cosa»/I Viceré (I) di Federico De Roberto, La roba (II) di Giovanni Verga, Cinema di Carlo Emilio Gadda – La «carta sudicia»


8. Risparmio, investimenti finanziari, debiti, banche


Il mantello di Nikolaj Gogol’, Il mulino sulla Floss (II) di George Eliot, La favola delle api (II) di Bernard de Mandeville – Non esagerate con l’astinenza/Orgoglio e pregiudizio di Jane Austen, Jane Eyre di Charlotte Bronte – La propensione al risparmio di Mr. Bennet ed Eliza Reed/Eugenia Grandet (II) e Illusioni perdute (II) di Honore de Balzac, Fiera di vanità (I) di William M. Thackeray – L’avarizia ?travolgente?/Eugenia Grandet (III) di Honore de Balzac, Il cappello del prete di Emilio De Marchi – La difesa dell’usura e le carte unte di prete Cirillo/I Viceré (II) di Federico De Roberto – Don Blasco e la Rendita italiana/L’amante fortunata, ovvero Lady Roxana di Daniel Defoe – La diversificazione degli amanti ma non del rischio finanziario/Cranford di Elizabeth Gaskell – Una buona azione e le azioni pessime/Fiera di vanità (II) di William M. Thackeray, I promessi sposi (II) di Alessandro Manzoni – Le aspettative di John Sedley e le profezie che si autoavveravano nella Milano del 1628/Il ritratto di Dorian Gray di Oscar Wilde, Uno, nessuno e centomila di Luigi Pirandello, Splendori e miserie delle cortigiane di Honore de Balzac – ?Lupi cervieri? in crisi di identita e in crisi sentimentale/L’opera al nero di Marguerite Yourcenar, Lucien Leuwen (I) di Stendhal, La cugina Bette di Honore de Balzac – La ?materia vergognosa e sublime?/L’età dell’oro (II) di Mark Twain e Charles D. Warren, L’imbroglione (II) di Louis Auchincloss, Il denaro (ii) di Emile Zola, L’uomo d’affari di Edgar A. Poe – Le banche non bastonabili/Gli indifferenti di Alberto Moravia, La via del tabacco di Erskine Caldwell, La condizione umana (II) di Andre Malraux – Le garanzie della signora Ardengo e quelle del Consorzio cinese/Il conte di Montecristo (I) di Alexandre Dumas – Il rischio di liquidita e la concentrazione del passivo della banca Danglars/Bouvard e Pécuchet di Gustave Flaubert, Il giro del mondo in ottanta giorni di Jules Verne – Le banche centrali tra Phileas Fogg e Francois Bartholomee Bouvard/I fratelli Karamazov (II) di Fedor Dostoevskij, Fiera di vanità (III) di William M. Thackeray – Becky Sharp e il moltiplicatore dei depositi (e dei debiti...)/Il mulino sulla Floss (III) di George Eliot, La valle dell’Eden (II) di John Steinbeck, David Copperfield di Charles Dickens, Mont- Oriol (II) di Guy de Maupassant – Il «terrore dei debiti» e la speranza di un «matrimonio ricco»/Middlemarch (II) di George Eliot, Le terre del Sacramento di Francesco Jovine, Madame Bovary di Gustave Flaubert – «L’importuno freno del debito»


9. La speculazione


Nedda di Giovanni Verga, I Buddenbrook di Thomas Mann – La speculazione su merci/1: speculazioni più di nome che di fatto/Il tulipano nero di Alexandre Dumas – La speculazione su merci/ 2: la «follia elegante e costosa» di Cornelius/Chicago (I) di Frank Norris – La speculazione su merci/3: il «corner » di Curtis Jadwin/César Birotteau (II) e Papà Goriot (II) di Honoré de Balzac, La cuccagna di Émile Zola – La speculazione edilizia: le «braccia incrociate» di Birotteau e i «giochi di prestigio» di Saccard/Barry Lindon di William M. Thackeray, La banca Nucingen di Honoré de Balzac, Il denaro (III) di Émile Zola, La coscienza di Zeno (II) di Italo Svevo – La speculazione su azioni/1: giocatori d’azzardo e “succhiellatori”/Storia di Samuel Titmarsh di William M. Thackeray, La vita oggi di Anthony Trollope – La speculazione su azioni/2: quei dividendi troppo «allettanti» che provocano «la furia del vento e delle onde»/Il denaro (IV) di Émile Zola – La speculazione su azioni/3: «la cieca infatuazione» per «l’imbecille demenza del gioco»/L’urlo e il furore di William Faulkner, L’imbroglione (III) di Louis Auchincloss – La speculazione su azioni/4: «chissà che diavolo che obbligava comprare»/I Viceré (III) di Federico De Roberto, Lucien Leuwen (II) di Stendhal, Il denaro (V) di Émile Zola, Bel-Ami di Guy de Maupassant – Le speculazioni basate su informazioni riservate: un ministro contento, un ministro disattento e un ministro «fetente»/Il conte di Montecristo (II) di Alexandre Dumas – La speculazione basata sulla manipolazione delle informazioni/1: Edmond Dantes, corruttore per finalita di aggiotaggio/Le avventure di Pinocchio di Carlo Collodi, La piccola Dorrit (II) di Charles Dickens, Il caso di Joseph Conrad – La speculazione basata sulla manipolazione delle informazioni/2: Il «Campo dei miracoli» e sempre affollato/Il finanziere (II) di Theodore Dreiser – La speculazione basata sull’uso di denaro pubblico: un incendio e un rapporto extraconiugale, ovvero quando il fattore esogeno ci mette la coda (del rischio)


10 . Crisi, inflazione e politica economica


Mary Barton (III) e Nord e Sud (II) di Elizabeth Gaskell – Magazzini pieni e stomaci vuoti/Chicago (II) di Frank Norris, Il finanziere (III) di Theodore Dreiser, Germinal (II) di Émile Zola – Contagi periodici che vengono da lontano/Il tallone di ferro (IV) di Jack London – Ernest Everhard, l’espansione dei mercati e il (mancato) crollo del capitalismo/Furore (III) di John Steinbeck, Shirley (IV) di Charlotte Brontë – Disoccupazione tecnologica involontaria nello Yorkshire e sulla Route 66/La vita agra (II) di Luciano Bianciardi, 1984 di George Orwell – Il grande scavo e il “keynesismo militare”/Il mulino del Po (III) di Riccardo Bacchelli – Il prezzo del pareggio/Storia meravigliosa di Peter Schlemihl di Adelbert von Chamisso, La giacca stregata di Dino Buzzati – La «borsa della felicita», la «giacca stregata» e l’inflazione/L’obelisco nero di Eric M. Remarque – Un impiegato delle pompe funebri e la morte della moneta


11 . Le imposte


Il calice della Vandea di Daphne Du Maurier, Il mulino del Po (IV) di Riccardo Bacchelli, I miserabili (III) di Victor Hugo – Il «termometro infallibile» della riscossione/I viaggi di Gulliver (III) di Jonathan Swift, La speculazione edilizia di Italo Calvino – La scelta della base imponibile: meglio tassare le vanterie o gli immobili?/Una visita misteriosa di Mark Twain, Il giorno della civetta di Leonardo Sciascia – Le dichiarazioni dei redditi di Samuel Clemens e di don Mariano Arena


12. L’economia e l’ambiente


Tempi difficili (IV) di Charles Dickens, L’amante di Lady Chatterley di David H. Lawrence, Marcovaldo (II) di Italo Calvino, Il mondo nuovo di Aldous Huxley – Il tanfo di Wragby, l’acqua blu e l’abolizione dell’amore per la Natura/Furore (IV) di John Steinbeck – Sognando la (nuova) California


Riferimenti delle citazioni


Indice dei nomi