Carocci editore - Marmo pregiato e legno scadente

Password dimenticata?

Registrazione

Marmo pregiato e legno scadente

Pietro Greco

Marmo pregiato e legno scadente

Albert Einstein, la teoria della relatività e la ricerca dell’unità in fisica

Edizione: 2015

Ristampa: 2^, 2015

Collana: Sfere (101)

ISBN: 9788843075195

In breve

Nel 1915, cento anni fa, Albert Einstein rende pubblica per la prima volta a Berlino la sua teoria della relatività generale. È una delle più grandi conquiste nelle storia del pensiero umano. E ancora oggi costituisce uno dei fondamenti della fisica. Ma Einstein è insoddisfatto. Definisce l’equazione che la descrive come un monumento composto da marmo pregiato (la parte che riguarda il campo gravitazionale) e da legno scadente (la parte che riguarda la materia). E si pone alla ricerca di una teoria ancora più generale – una teoria del tutto – che unifichi l’intera fisica. Una ricerca che Einstein non riesce a portare a termine. E che ancora oggi costituisce la sfida più grande per i fisici.

Indice

Prologo

Cronistoria di una vita

1. La seduzione ionica. Breve storia della moderna ricerca dell’unità in fisica

Il concetto di campo

Entra in gioco Einstein

2. Tre razzi convergenti

Il moto browniano

I quanti di luce

La relatività speciale

Breve sintesi di un anno mirabile

3. La relatività generale

Il pensiero più felice della sua vita

Il problema della radiazione

«Aiutami, sennò divento pazzo!»

L’equazione, finalmente

Le equazioni cosmologiche

4. E ora sostituiamo il legno scadente

I due fronti della battaglia finale

Il fisico e il ciabattino

«Don Chisciotte della Einsta» e i «malvagi quanti»

Breve storia della fisica dei quanti

5. Sul fronte dei quanti

1916-1925: la causalità

1925-1931: la coerenza

1931-1935: la completezza

1935-1955: il realismo

La battaglia contro i «malvagi quanti»: storia di un fallimento?

6. La ricerca della teoria unitaria dei campi

Lo spazio a cinque dimensioni

La geometria di Riemann e oltre

Storia di un fallimento?

7. «La lettera più lunga di E.»

Bibliografia