Carocci editore - Il racconto e la Scrittura

Password dimenticata?

Registrazione

Il racconto e la Scrittura

Adriana Destro, Mauro Pesce

Il racconto e la Scrittura

Introduzione alla lettura dei vangeli

Edizione: 2014

Ristampa: 1^, 2015

Collana: Sfere (98)

ISBN: 9788843074112

In breve

Qual è l’attendibilità storica dei vangeli? Come si sono formati e su quali informazioni si basavano? Come si è arrivati ai diversi racconti orali e scritti della straordinaria vicenda di Gesù? Per rispondere a queste domande, nella prima parte del libro gli autori propongono una teoria critica della memoria e della tradizione; nella seconda, invece, suggeriscono una lettura antropologica dei testi, alla quale si accompagna un esame storico. L’intento è riscoprire le tracce degli eventi, incorporate ma spesso nascoste nelle testimonianze dei vangeli. Sulla figura di Gesù, subito dopo la sua morte, vi fu una molteplicità di informazioni trasmesse da gruppi che avevano conoscenze parziali ed erano dislocati in zone diverse della Terra di Israele. A partire da questo dato, gli autori ricostruiscono la mappa dei luoghi da cui provengono le fonti su cui si basa ciascun vangelo.

Indice

Introduzione

Parte prima La trasmissione di notizie e i testi

1. I testi, le loro informazioni e i loro obiettivi

Costruzione e decostruzione di un testo

La vicenda di Gesù presentata in forma narrativa

Fonti che abbiamo a disposizione su Gesù

In che modo gli evangelisti si sono procurati le informazioni sulla storia di Gesù?

Come i vangeli si legittimano di fronte ai lettori

La celebrazione della figura di Gesù

2. La formazione dei vangeli e la valutazione della loro attendibilità storica

La formazione dei vangeli di Luca e di Matteo

La formazione dei testi di Marco, Giovanni e di altri vangeli

La scrittura dei vangeli: un cambiamento decisivo

Dai vangeli alle loro fonti e, da queste, alla figura storica di Gesù

3. I modi della trasmissione e la memoria

Criteri fondamentali

La differenza fra trasmissione e memoria

Quanto sono attendibili i testimoni oculari?

Si può parlare di un nucleo permanente della memoria?

I fattori interattivi: racconti, ricordi, scritture

I caratteri della primissima memorizzazione delle vicende di Gesù

Come i vangeli concepiscono il ricordare

Qualche conclusione

4. Tradizione, tradenti e tracce

Il campo della “tradizione”

Osservazioni critiche sul concetto di tradizione

Significato delle linee dei tradenti

Le tracce storiche presenti nei testi narrativi

Parte seconda La provenienza locale delle informazioni dei vangeli

5. Luoghi degli eventi, luoghi del racconto, luoghi della scrittura

Un paradigma per comprendere i flussi di informazione su Gesù

Dove risiedettero i primi gruppi di discepoli di Gesù

I luoghi di Gesù, i luoghi del narratore e dello scrittore

Gruppi di seguaci in Terra di Israele durante la vita di Gesù

6. I luoghi della trasmissione si differenziano: Galilea e Gerusalemme

In quali località furono presenti gruppi di seguaci di Gesù?

L’“ultimo luogo” in cui fu presente Gesù

7. Indicazioni (e omissioni) di luoghi e scenari

I luoghi nel racconto di Marco

La mappa mentale di Marco

Tentativo di analisi sistematica dei luoghi menzionati in Marco

I luoghi in Luca. Divergenze e omissioni rispetto al racconto marciano

Materiale speciale di Luca. Considerazioni ulteriori

Le indicazioni di luogo in Matteo. Confronti con Marco

Le indicazioni di luogo in Giovanni. Un doppio scenario

Conflitti e opposizioni tra gruppi locali

Qualche conclusione

Note

Bibliografia

Indice dei nomi e dei luoghi