Carocci editore - La strana coppia

Password dimenticata?

Registrazione

La strana coppia

Piergiorgio Strata

La strana coppia

Il rapporto mente-cervello da Cartesio alle neuroscienze

Edizione: 2014

Ristampa: 3^, 2016

Collana: Città della scienza (6)

ISBN: 9788843073641

In breve

Un lungo viaggio per indagare la mente e le cause dell’oscurantismo che in passato si è opposto al suo studio: dal dualismo di Cartesio alla scoperta della mente inconscia, fino alle attuali conoscenze sui fondamenti biologici di fenomeni quali la socializzazione, l’amore, l’emarginazione, l’aggressività e il piacere di odiare. Un viaggio che non trascura l’emergere della coscienza e l’illusione del libero arbitrio: temi di filosofia morale e della mente rivisitati alla luce delle nuove teorie, con le immancabili ricadute sul sistema giudiziario.

Indice

Introduzione

Lo studio dei rapporti tra mente e cervello

Come affrontare il problema

Radici storiche

La correlazione e le moderne tecnologie

Stati mentali ed evoluzione

Stati mentali e sviluppo nell’uomo

La mente responsabile

Dai rettili ai mammiferi: la corteccia cerebrale

Geni e ambiente

Vivere in gruppo

Ossitocina e vasopressina

L’essere umano

L’aggressività

Scelte etiche tra emozioni e razionalità

La mente non razionale e l’inconscio

La mente cosciente

Gli stati di coscienza, veglia e sonno

Il contenuto dello stato cosciente

Spazio di lavoro globale

L’innesco globale

La stimolazione del cervello nell’uomo integro

La clinica

Il libero arbitrio

Manipolare la mente

Psicoanalisi

Psicoterapia

False memorie

La memoria

Ricordare, un processo ricostruttivo

Il processo Marta Russo

La strage di Erba

Modelli della mente

Una mente artificiale

Macchine e stato cosciente

Un modello

Riflessioni conclusive

Prospettive per il futuro

Bibliografia

Glossario

Recensioni

Germana Pareti, Rivista di Storia della medicina, 01-02-2014Piero Bianucci, www.lastampa.it, 06-10-2014

Leggiamo spesso che il nostro cervello è una galassia di neuroni. La rubrica di psicologia che da anni Rosalba Miceli tiene accanto a quella che state leggendo è intitolata “Galassiamente ”. A supportare un paragone senza dubbio suggestivo c’è il fatto che le stelle di una galassia sono circa 100 miliardi e questo è anche, più o meno, il numero dei neuroni che formano il cervello.

 

L’analogia però si ferma qui. Una galassia è qualcosa di enormemente più semplice di un cervello. Tra i suoi 100 miliardi di stelle agisce in sostanza una sola forza, quella di gravità, regolata da una legge elementare: due corpi si attraggono con una forza inversamente proporzionale al quadrato della loro distanza e direttamente proporzionale al prodotto delle loro masse. La legge di Newton, l’ultimo dei maghi, il secondo scienziato moderno dopo Galileo.

 

Certo, anche una galassia è complicata. La legge di Newton ha soluzioni precise soltanto se i corpi in questione sono due, situazione che non esiste in natura. Già con tre corpi le cose diventano incerte, figuriamoci quando sono 100 miliardi. In più, a rigore non c’è solo la gravità, esistono campi magnetici, radiazioni, forse varietà di materia esotica. Eppure tutto questo è uno scherzo rispetto al cervello. Le sue “stelle”, i neuroni, interagiscono ciascuno tramite molte migliaia di “contatti” con altri neuroni, contatti – più tecnicamente sinapsi – che rispondono a leggi della chimica, della fisica e forse anche della meccanica quantistica.

 

E’ in questa inestricabile foresta di relazioni che si addentra Pier Giorgio Strata (foto) con il suo libro “La strana coppia – Il rapporto mente-cervello da Cartesio alle neuroscienze” edito da Carocci (162 pagine, 12 euro), e nella foresta Strata, professore emerito di neurofisiologia all’Università di Torino, va alla ricerca dell’aspetto più cruciale per la vita personale e collettiva: le radici biologiche del libero arbitrio, cioè, in una parola, della nostra libertà.

 

Partiamo da uno sguardo alla “galassiamente”. Il cervello umano ha un peso medio di 1400 grammi. Lo formano 86 miliardi di neuroni e 85 miliardi di cellule non neuronali. La maggior parte dei neuroni, 68 miliardi, è concentrata nel cervelletto. Solo 17 miliardi di neuroni costituiscono la corteccia cerebrale, cioè la parte evolutivamente più recente, sede delle funzioni cognitive superiori. Stranamente, la corteccia cerebrale umana ha un volume 2,75 volte maggiore di quella dello scimpanzé ma non c’è grande differenza nel numero dei neuroni (1,25 volte in più).

 

La superficie della corteccia cerebrale è pari a quella di un grande fazzoletto, circonvoluzioni e fessure permettono di contenere una superficie più grande in uno spazio minore. La corteccia del cervelletto ha una estensione simile a quella del cervello ma assume la forma di una striscia larga una decina di centimetri estensibile fino a due metri.

 

I contatti tra neuroni – battezzati sinapsi da Charles Scott Sherrington nel 1897 – sono da 5000 a 100 mila per neurone, con un totale stimabile in un milione di miliardi. Altro che una galassia! Per mettere insieme un numero di stelle così occorre un ammasso di almeno diecimila galassie.

 

Diviso in due emisferi, il cervello è connesso dal un grosso fascio di 200 milioni di fibre nervose (assoni) che allacciano emisfero destro ed emisfero sinistro. Questo fascio, il corpo calloso, è più fitto nel cervello femminile. Gli impulsi elettrici che i neuroni si trasmettono viaggiano a velocità che variano da meno da qualche decimetro a un centinaio di metri al secondo.

 

I due emisferi cerebrali sono in parte specializzati. Il sinistro ospita il linguaggio in due aree distinte (di Broca e di Wernicke), l’una dedicata alla formulazione delle parole, l’altra al loro riconoscimento e comprensione. L’emisfero sinistro è sede del pensiero analitico-razionale e delle capacità logiche. L’emisfero destro è linguisticamente “muto” ma predisposto alla comunicazione per immagini, sintetico, olistico, spaziale, elabora le componenti emotive dell’informazione visiva ed è sede del riconoscimento delle facce. L’elaborazione delle immagini richiede circa mezzo secondo e avviene nella regione occipitale, la stessa in cui richiamiamo (visualizziamo?) i ricordi. In questo universo biologico dove si nasconde la libertà di scelta?

 

Cartesio distingueva tra res extensa e res cogitans, cioè tra materia (cerebrale) e pensiero. Con parole più moderne, tra cervello e mente. Non era il primo e non fu certo l’ultimo dei dualisti. Tra questi incontriamo il premio Nobel John Eccles (1903-1997) con cui Strata ha collaborato. Ma gli esperimenti non trovano il dualismo. Pur nella sua complessità immensa, il cervello è fatto di atomi e molecole regolati dalle leggi della chimica e della fisica, non c’è altro. Le facoltà superiori – creatività, pensiero razionale, doti morali, sensibilità sociale – emergono di lì.

 

Ma la complessità delle interazioni è tale da sfuggire al determinismo: i processi del cervello sono aleatori, stocastici, prevedibili (grossolanamente) in termini probabilistici ma non in termici deterministici. In questo spazio ambiguo tra caso e necessità si annida la nostra libertà, che a questo punto è piuttosto una illusione di libertà, paragonabile a certe illusioni ottiche come i miraggi, che continuiamo a vedere anche se sappiamo razionalmente che non esistono.

 

Un esperimento dello psicologo e neuroscienziato Benjamin Libet nel 1983 ha dimostrato che diventiamo consapevoli di un atto elementare come avvicinare il pollice all’indice tre decimi di secondo dopo che la corteccia cerebrale motoria ha inviato l’impulso per muovere le due dita. Se applichiamo questa scoperta a un delitto, o anche a un’opera di bene, la conclusione sarà che qualche processo stocastico ha deciso per noi e solo dopo ci è data consapevolezza della decisione, ma salvando l’illusione della libertà (il che avrà dunque qualche vantaggio evolutivo).

 

Che ne sarà della giustizia e delle pene in un meccanicismo come quello descritto da Strata, sia pure con l’attenuazione comportata dai fenomeni stocastici? La risposta è che comunque la consapevolezza, per quanto a posteriori, condiziona la nostra esperienza e memoria dell’azione compiuta, e quindi la coscienza non è né inutile né irrilevante. Ne segue che la società ha un buon motivo per perseguire e punire i comportamenti che danneggiano altre persone o la collettività.

 

A margine, tre riflessioni personali. A Torino, accanto all’istituto universitario dove Strata lavora, c’è il museo di antropologia criminale “Cesare Lombroso”, per il quale ho avuto il compito di scrivere i testi. Di Lombroso, positivista puro e duro, sono rimasti solo gli errori, che il museo, essendo un museo storico, accuratamente documenta. Ma i problemi che occuparono la mente di Lombroso sono ancora gli stessi.

 

La seconda riflessione è ancora più personale, e la faccio come allievo del filosofo Luigi Pareyson, maestro di Gianni Vattimo e Umberto Eco. Pareyson fondava la libertà dell’uomo, difficilmente sostenibile su base biologica, in una libertà di ordine superiore, cioè nella libertà di Dio. Questa soluzione metafisica però gli creava un altro e più grave problema: quello del male in Dio, perché se la libertà dell’uomo è libertà di scegliere tra bene e male, la stessa dicotomia deve esistere anche nella libertà di ordine superiore da cui trae fondamento. La via di uscita, non so quanto soddisfacente, consisterebbe nel considerare il male in Dio come una pura potenzialità.

 

La terza e ultima riflessione è che nella prospettiva deterministico-stocastica assunta da Strata, dovrebbe essere ricollocata anche la libertà della ricerca scientifica. Quanto era libero Libet nell’orientare i suoi studi e nell’interpretare i suoi esperimenti? Il consenso della comunità scientifica si forma davvero liberamente? Questione quanto meno inquietante, ora che non abbiamo più Karl Popper, filosofo che non a caso collaborò con John Eccles.

 

Ma tornando al problema centrale – siamo liberi o no? – mi accontento di una risposta debole e nello stesso tempo robustissima: non sarò libero nell’attimo in cui scatta la mia azione a livello fisiologico, ma quando ne divento consapevole (3 decimi di secondo dopo), me ne assumo (o non assumo, il che è lo stesso) la responsabilità. E lì, con il “pensiero lento”, per usare un’espressione di Lamberto Maffei, emergono i valori (immateriali).

Mettiamola così: la libertà esce malconcia dagli esperimenti, ma la responsabilità rimane intatta.

Claudio Gallo, La Stampa, 09-10-2014Mirella Serri, La Stampa, 10-10-2014Annalisa Chirico, il Foglio, 11-10-2014Valentina Stella, Cronache del garantista, 21-10-2014Isabella Villi, Conquiste del lavoro, 17-01-2015Piero Angela, F, 28-01-2015Alberto Giovanni Biuso, il Manifesto, 31-01-2015Arnaldo Benini, Il Sole 24 Ore, 15-02-2015Fiorenzo Conti, L'Indice dei libri del mese, 01-03-2015