Carocci editore - Dinamiche di una democrazia parlamentare

Password dimenticata?

Registrazione

Dinamiche di una democrazia parlamentare

Marco Plutino

Dinamiche di una democrazia parlamentare

Assetti rappresentativi e sviluppi istituzionali

Edizione: 2015

Collana: Biblioteca di testi e studi (972)

ISBN: 9788843073436

  • Pagine: 352
  • Prezzo:32,00 30,40
  • Acquista

In breve

La Costituzione italiana organizza in modo limpido una democrazia rappresentativa e la declina in forme parlamentari. Negli ultimi decenni, tuttavia, si è dispiegato con fortuna crescente un “discorso istituzionale” che tende a emanciparsi dall'ancoraggio costituzionale. L’elettore è stato assuefatto a contrapporre artificiosamente una deteriore Repubblica dei partiti a una dei cittadini, la democrazia rappresentativa a quella, “vera”, degli elettori, e un vero parlamentarismo a uno falso. Prospettazioni che, lungi dall'essere idonee a esprimere una presunta essenza della sovranità popolare, mettono a rischio la natura parlamentare e perfino quella rappresentativa della democrazia prefigurata dalla Costituzione. Il ricorso a discutibili interpretazioni costituzionali fondate su insostenibili dogmatiche e dottrine alimenta il rischio di accantonare le più autorevoli risultanze del dibattito scientifico in nome di un nuovo costituzionalismo materiale. Per chiudere l’interminabile transizione italiana appare preliminare l’abbandono di quest’armamentario concettuale, riconciliando l’esercizio della sovranità popolare con l’operare della rappresentanza politica mediante un protagonismo della cittadinanza che si dispieghi negli alvei della partecipazione e del peso decisionale entro la molteplicità dei canali rappresentativi.

Indice

1. Razionalizzazioni del sistema parlamentare e classificazioni delle forme di governo tra evoluzione dei sistemi politici e creazioni ingegneristiche

“Seconda Repubblica” e democrazia rappresentativo parlamentare/Come nasce “per caso” una forma di governo: il presidenzialismo statunitense/Le cosiddette razionalizzazioni tra presidenzialismo e parlamentarismo/La repulsione dei costituzionalisti italiani verso l’esperienza gollista e la lenta emersione del “tipo” semipresidenziale/Altre classificazioni più sostanzialistiche. La discussione sugli “ibridi” e sui “tipi misti”/Una proposta di riclassificazione di Giovanni Sartori/Come vorrebbe nascere “per intenzione” una nuova forma di governo. L’elezione diretta del premier nelle sue diverse configurazioni dottrinali

2. Sulla teoria del “mandato popolare” e dintorni. Sovranità del popolo e “volontà” del corpo elettorale

Dai “direttismi” alla “democrazia immediata”/La coppia dicotomica democrazie immediate/mediate (e democrazia governante/governata): critica/Il popolo che non c’è. Risultanze politologiche della teoria democratica odierna e conclusioni del diritto costituzionale positivo italiano/Popolo, corpo elettorale, organicismo/Alcuni presupposti e corollari di due influenti dottrine italiane: Mortati e Barile/L’ineffabile teoria del “mandato popolare/elettorale”/La democrazia del cittadino (e dell’intellettuale) “bambino”

3. La “Seconda Repubblica” tra contestazione, travisamento e riaffermazione della forma rappresentativo parlamentare

“Seconda Repubblica”. Ovvero il trionfo di un nuovo discorso istituzionale/I prodromi: la questione istituzionale dalla fine dell’allargamento della base democratica alle grandi sfide degli anni Ottanta/I primi anni Novanta: l’affermazione del nuovo paradigma/Il peso di una “cattiva” ingegneria che non passa/Alcuni effetti della “mistica” maggioritaria (o “direttista”)/Dalle singolari convergenze sulla tentata revisione del 2005 ai semi gettati da un P.d.R. controcorrente

Poscritto

Bibliografia


Indice dei nomi