Carocci editore - Il postmoderno nella letteratura argentina

Password dimenticata?

Registrazione

Il postmoderno nella letteratura argentina

Emanuele Leonardi

Il postmoderno nella letteratura argentina

Fernández, Borges, Bioy Casares

Edizione: 2014

Collana: Lingue e Letterature Carocci (171)

ISBN: 9788843072248

  • Pagine: 128
  • Prezzo:14,00 13,30
  • Acquista

In breve

Le opere di Fernández, Borges e Bioy Casares sembrano anticipare, di vari decenni, categorie e concetti che, negli anni Sessanta del XX secolo, costituirono il fondamento della riflessione postmoderna. Ci riferiamo in particolare alle traiettorie del pensiero che presero i nomi di “decostruzione”, “differenza”, “simulazione” e “rizoma”, categorie che si fecero portatrici di quell’arte del dubitare che contraddistinse il lavoro di studiosi come Foucault, Derrida, Lyotard, Deleuze, Guattari e Baudrillard. Nell’opera dei tre autori argentini viene messa in discussione ogni possibile soluzione definitiva sui misteri del mondo, ogni sentiero di sapienza individuato dalla filosofia o dall’epistemologia, fino a voler sgretolare anche la costruzione letteraria e il sogno di riscatto che essa rappresenta, sconfinando in quello che potrebbe dirsi accanito e disperato scetticismo. Non è così, dal momento che una simile idea di letteratura sembra rispondere invece a una profonda esigenza intellettuale: istigare, rendere indispensabile e vivifico il dubbio, come forma suprema dell’intelligenza e come unico possibile riscatto che è concesso al pensatore, al filosofo, allo scrittore.

Indice

Premessa teorica

Parte prima

Macedonio Fernandez: la decostruzione del logos

1. Macedonio: simulazione e decostruzione

Lettura come ricodificazione del testo letterario/Umorismo concettuale e decostruzione: lo spazio dell’ausencia/Struttura dell’assenza in Un átomo de doctrina

2. ?Percibidor abstracto del mundo?

Esperienza speculare e istantaneita della Visión Pura/Cuento-ensayo e interstizi del pensiero/Distacco dalle apercepciones verso l’istante eterno

3. Per una metafisica della Visión Pura

Il progetto metafisico di Macedonio/Decostruzione del soggetto e contemplación/Il mondo e un almismo ayoico

4. Macedonio e Borges: Visión Pura e funzione dei paradossi

Paradossi e intersticios de sinrazón/L’infinito spazio-temporale dell’uomo macedoniano/Caduta e genesi di un paradigma: Cosimo Schmitz su Tlön

Parte seconda

Jorge Luis Borges: il postmoderno come sistema epistemologico

5. Borges e le istanze del postmoderno

Metafora epistemologica e ragione trasversale/Neobarocco e crisi dei “codici regolatori”

6. Metafora epistemologica in Tlön, Uqbar, Orbis Tertius

Tlön: paradossi e declino di un “mondo-paradigma”/Il discorso postmoderno: la frammentazione rizomática del pensiero/Especulación poética e metafora del “mondo incompiuto”

7. Speculazione poetica in La escritura del Dios

Cuento-ensayo: la creazione di un nuovo lettore/Todo, mundo, universo: percezione di riflessi parziali e visio in somnis

Parte terza

Adolfo Bioy Casares: dinamiche complesse dello spazio-tempo

8. Bioy Casares: tra neofantastico e postmoderno

La trasgressione del neofantastico/Bioy Casares e Borges: la imaginación razonada/Hiperficción e decostruzione

9. Spazio e tempo in La trama celeste

Imaginación razonada: strategie testuali di decostruzione/Configurazione di un antisistema spazio-temporale

10. Blanqui, Bioy Casares, Borges: dall’infinito alla many worlds theory

Teoria dei mondi possibili e imaginación razonada/Nuova Weltbild epocale in El jardín de senderos que se bifurcan /Oggetti simbolici e passaggi interstiziali in La trama celeste/Dalla many worlds theory alla struttura topologica dell’Irrweg

Bibliografia