Carocci editore - La promessa d’un semplice linguaggio»

Password dimenticata?

Registrazione

La promessa d’un semplice linguaggio»

Daniela La Penna

La promessa d’un semplice linguaggio»

Lingua e stile nella poesia di Amelia Rosselli

Edizione: 2014

Collana: Lingue e Letterature Carocci (168)

ISBN: 9788843072231

In breve

Oggetto di questo studio è la dinamica delle relazioni interdiscorsive che Amelia Rosselli imbastisce in Variazioni belliche, La libellula, Serie ospedaliera e i testi francesi e inglesi raccolti in Primi scritti. Queste opere furono composte in un arco di tempo piuttosto circoscritto, ma la loro disamina permette di gettare un cono di luce più ampio sull’intricata storia editoriale e sulla complessa configurazione stilistica e tematica della scrittura rosselliana. L’analisi si sofferma non solo sul dialogo intertestuale organizzato dall’io lirico rosselliano con alcune figure fondamentali per la creazione del lessico della modernità letteraria (Arthur Rimbaud, James Joyce, Eugenio Montale), ma anche sulla pratica di una scrittura trans-linguistica che si invera nelle opere esaminate. Amelia Rosselli si conferma una trobairitz colta e sperimentale, capace di tessere originali trame linguistiche in cui rifondare il lessico poetico del Novecento europeo.

Indice

Ringraziamenti

Abbreviazioni

Introduzione

1. Percorsi isotopici in Variazioni belliche

?Il nascere e il morire?. Le quattro soglie di Variazioni belliche/Limen/La cella/La porta socchiusa/Poesie di poetica

2. Spazio metrico, tempi verbali e moduli sintattici in Variazioni belliche

Il ?compositional field? e lo spazio metrico/Il sistema verbale e sintattico di Variazioni belliche/Il presente di Poesie (1959) /La tessitura imperfettiva di Variazioni (1960-1961) /Costrutti bi-affermativi e bi-negativi/Costrutti ipotetici

3. Testualità e performance nel laboratorio di Primi scritti

Le lingue e il lettore /La lezione di Joyce/Rimbaud in Sanatorio 1954/L’impronta rimbaudiana in Adolescence/Testualità e autobiografia in Diario in tre lingue

4. Trasformazione e memoria incipitaria nella Libellula

Le omissioni della Libellula: le Note e Lautreamont/I padri letterari della Libellula /Il nodo dantesco/Attraversamenti e riconfigurazioni/Le forme di Ortensia/La libellula come écriture à processus

5. Tracce mnemoniche, spinte trasformative, metafore ossessive:

Montale, Rimbaud, Rosselli

Montale e Variazioni belliche /Montale nel sistema delle fonti di Serie ospedaliera/Il Rimbaud di Variazioni belliche /L’autocitazione in Serie ospedaliera /Un’immagine ossessiva/Il vento come metafora della poesia

Bibliografia