Carocci editore - Come si vincono le elezioni

Password dimenticata?

Registrazione

Come si vincono le elezioni

Roberto Grandi, Cristian Vaccari

Come si vincono le elezioni

Elementi di comunicazione politica

Edizione: 2013

Ristampa: 3^, 2016

Collana: Studi Superiori (910)

ISBN: 9788843069958

  • Pagine: 392
  • Prezzo:30,00 25,50
  • Acquista

In breve

Le elezioni si vincono o si perdono mesi, se non anni, prima del voto. La campagna elettorale è l’ultima tappa di un processo che inizia con la costruzione dell’identità di un partito, continua con la definizione della strategia (chi voterà per te e perché?), si sviluppa con la tattica, che definisce quali messaggi proporre ogni giorno attraverso i canali a disposizione, e prosegue mantenendo l’ascolto e il coinvolgimento della cittadinanza anche dopo il voto. Il volume, rivolto a specialisti e studenti, ma anche a consulenti e politici, illustra come condurre una campagna elettorale efficace, dalla pianificazione strategica alla costruzione dei messaggi, alle modalità più efficaci con cui diffonderli e condividerli con i propri interlocutori, oltre a spiegare come costruire e mantenere buone relazioni con la cittadinanza una volta che si è stati eletti. Le teorie, i concetti e i metodi, ripresi dalle principali ricerche sulla comunicazione politica, sono esplicitati attraverso i casi più significativi nel panorama delle democrazie occidentali contemporanee.

Indice

Prefazione

1. Gli attori della comunicazione politica e l’evoluzione delle campagne elettorali

L’era premoderna/L’era moderna/L’era postmoderna

2. La professionalizzazione della politica e il marketing politico

La consulenza politica/Il marketing politico

Parte prima

L’identità di partito: scenario e progetto

3. New Labour: il riposizionamento di un partito storico

Il contesto/Crisi e lento abbandono dell’identità del Labour (1983-87)/Dalla decostruzione al riposizionamento del Labour (1987-94)/Il New Labour (1994-97)/Il New Labour, partito di governo di Tony Blair (1997-2007)

4. Forza Italia: il market-oriented party di Silvio Berlusconi

Il prologo: Tangentopoli e Mani Pulite/La precampagna di Silvio Berlusconi e l’uso intensivo

delle ricerche sul mercato politico/La discesa in campo/La strategia di costruzione e comunicazione di Forza Italia/La concorrenza: la risposta inadeguata dei Progressisti/Il ruolo della televisione e dei mass media in una campagna elettorale moderna/La comunicazione elettorale

5. Partito democratico: un partito a metà del guado

La complessa identità del Partito democratico/Il prologo/La segreteria di Walter Veltroni/La segreteria di Pier Luigi Bersani/Le primarie

6. La costruzione di un “non partito”: il Movimento 5 stelle

La costruzione identitaria del “non partito”/Internet come strumento di comunicazione e organizzazione/Leader e seguaci/Online e offline

Parte seconda

La campagna elettorale

7. Strategia e tattica nelle campagne elettorali

8. Incumbent e sfidante: due scenari strategici diversi

9. L’analisi dell’elettorato: chi voterà per te e perché?

10. L’uso dei sondaggi

11. Appartenenze politiche e decisione di voto

12. Il tema della campagna

13. Programmi e proposte

14. La personalità dei candidati

15. Dettare l’agenda

16. Definire i contenuti della comunicazione

16.1. La visione di insieme: il message box

16.2. Gestire gli attacchi

16.3. Il framing e la definizione dei problemi

17. Il piano media

18. Parlare in pubblico con efficacia

18.1. Linguaggio del corpo

18.2. Elementi prosodici

18.3. Strutturazione dei contenuti

19. E dopo? Crisi della democrazia, comunicazione politica e partecipazione

19.1. Democratizzare la democrazia

19.2. Domande di inclusione e risposte istituzionali

19.3. Democrazia diretta e democrazia continua

19.4. Democrazia partecipativa, inclusiva e deliberativa

19.5. (E-)democratizzazione della democrazia

20. Una conclusione operativa

20.1. L’analisi dell’elettorato

20.2. Strategia e tattica

20.3. Vantaggi e svantaggi dell’incumbent e degli sfidant

20.4. La campagna

20.5. Modelli di campagna elettorale a confronto: moderna o postmoderna?

20.6. I risultati

Bibliografia