Carocci editore - Disuguaglianze in via di sviluppo

Password dimenticata?

Registrazione

TFA e formazione

Banner

crediti formativi

Banner

Promo del mese

Banner
Banner
Disuguaglianze in via di sviluppo

Marco Zupi

Disuguaglianze in via di sviluppo

Edizione: 2013

Collana: Biblioteca di testi e studi (824)

ISBN: 9788843067220

  • Pagine: 136
  • Prezzo:16,00 13,60
  • Acquista

In breve

Le trasformazioni in corso a livello internazionale sono così rapide e profonde che già prima dell’esplosione della crisi economica iniziata nel 2008 la globalizzazione è entrata silenziosamente in una nuova fase, che sta cambiando la realtà del Sud del mondo, oltre che quella europea, rispetto al più recente passato. Esiste oggi una nuova geografia della povertà e delle disuguaglianze. Il Sud del mondo è più che mai una realtà complessa e contraddittoria. I paesi che hanno i tassi di crescita economica più alti e riducono il numero dei poveri sono anche quelli in cui vive la maggioranza dei più poveri, la disuguaglianza aumenta a ritmi insostenibili e gli squilibri dell’ecosistema sono più visibili. Le disuguaglianze tra e dentro i paesi, oggi, mettono a nudo la vera natura di crescita economica, sviluppo e povertà, obbligandoci a ripensare le teorie e le politiche degli aiuti internazionali e quindi a discutere gli approcci alternativi alla cooperazione allo sviluppo oggi dominanti.

Indice

Introduzione

1. Povertà e disuguaglianze

La prospettiva riduzionista/La prospettiva conflittuale e antagonista/ La prospettiva sistemica

2. I quattro approcci alternativi alla cooperazione allo sviluppo oggi dominanti

Jeffrey Sachs: l’ottimismo della volontà e della passione/William Easterly e il pessimismo della ragione/Paul Collier e la sobria medietà british /Esther Duflo e il radicalismo dei randomisti

3. La nuova geografia della povertà e della disuguaglianza nel mondo

Nel mezzo della quarta onda della globalizzazione/ I fatti stilizzati sulla povertà/I fatti stilizzati sulla disuguaglianza/Il caso emblematico delle cause strutturali della “Primavera araba” /La centralità del lavoro come motore di sviluppo e crescita sostenibile

4. Le implicazioni per il futuro degli aiuti internazionali