Carocci editore - Firenze e il profeta

Password dimenticata?

Registrazione

TFA e formazione

Banner

crediti formativi

Banner

Promo del mese

Banner
Banner
Firenze e il profeta

Elisa Brilli

Firenze e il profeta

Dante fra teologia e politica

Edizione: 2012

Collana: La ricerca letteraria (18)

ISBN: 9788843066568

  • Pagine: 384
  • Prezzo:38,00 32,30
  • Acquista

In breve

Il nesso che stringe Dante a Firenze, oltre che nodo biografico spinoso e in parte irrisolto, è una risorsa primaria della Commedia da comprendere alla luce della tradizione culturale medievale. La riscrittura della storia moderna di Firenze nel poema risponde a parametri esemplari condizionati, pur nell’allontanamento, dal patrimonio memoriale cittadino, come dimostra il confronto serrato con la produzione cronachistica pre-villaniana. Di contro ad ogni presunto realismo, questo libro invita a leggere la Firenze dantesca come attualizzazione del paradigma medievale della civitas diaboli e insieme gli assestamenti di questa rappresentazione e delle “autobiografie” di Dante come l’indice dell’assunzione della fisionomia profetica da parte dell’autore del poema. Firenze e il profeta offre una visione dinamica della riflessione di Dante sulla sua città natale ma costituisce anche, resistendo al fascino delle ricostruzioni teleologiche, un osservatorio privilegiato sulle tensioni che attraversano globalmente la speculazione teologica e politica dantesca.

Indice

Abbreviazioni

Prologo. Per una comprensione storica della Firenze dantesca

1. La storia di Firenze secondo la Commedia

I parametri del realismo fiorentino/Tre variabili per un secolo di storia fiorentina/“Dignità” esemplare e memoria cittadina/Alla ricerca dell’origine della crisi fiorentina
Excursus
I. Un corollario: dalla presunta metanoia ai modelli bifronti

2. La civitas diaboli sub specie Florentiae

Quale «teoria ampia e negativa» della storia fiorentina?/La «confusion de le persone» (Pd XVI 67)/... e la civitas confusionis (I): una Babele fiorentina fra partes e artes (DVE I vi 5-vii 8)/... e la civitas confusionis (II): le epistole della stagione arrighiana/Firenze e Sodoma/La rotta di Montaperti e gli exempla di superbia punita (Pg XI-XII)/L’anti Roma/L’altra Roma/Campi metaforici e figurali (I): il corpo malato/Campi metaforici e figurali (II): la femminilità/Campi metaforici e figurali (III): l’isotopia infernale/La «teoria» cacciaguidiana: la civitas diaboli e il saeculum
Excursus
II. Dante e Agostino: «A denti stretti»?
Note sull’anti-agostinismo politico di Dante

3. Il profeta sub specie Dantis

La centralità di Firenze/Florentinus et exul inmeritus/ Le radici boeziane dell’autobiografia fiorentina/ L’innesto profetico e l’“anteriorità” di Firenze/Il senso della persecuzione e l’obbligo della parola/Il profeta, la civitas diaboli e la redenzione del particolare/La doppia autobiografia: Firenze e Beatrice/Le condizioni testuali dell’armonizzazione/Le condizioni culturali dell’armonizzazione

Epilogo. Armonie e dissonanze fra teologia e politica

Indici