Carocci editore - Il tiranno e l’eroe

Password dimenticata?

Registrazione

TFA e formazione

Banner

crediti formativi

Banner

Promo del mese

Banner
Banner
Il tiranno e l’eroe

Carmine Catenacci

Il tiranno e l’eroe

Storia e mito nella Grecia antica

Edizione: 2012

Collana: Lingue e Letterature Carocci (145)

ISBN: 9788843066476

  • Pagine: 240
  • Prezzo:24,00 20,40
  • Acquista

In breve

Le prime attestazioni di “tiranno” nella Grecia arcaica mostrano che il significato originale del termine è “signore assoluto”. Egli può piegarsi alla massima ammirazione come alla massima esecrazione. Il bifrontismo della parola si riflette nella carriera dei personaggi storici ai quali l’appellativo subito aderisce. Le vite dei tiranni si snodano attraverso passaggi ricorrenti che ricalcano la biografia dell’eroe del mito: predestinazione e infanzia marginale; prova di accesso al potere; abnormità erotica; attività di predazione e di fondazione; tragedia familiare del potere e morte eccezionale. Al curriculum dell’eroe il tiranno associa il tratto morfologico che connota i protagonisti del mito: la predisposizione all’eccesso e alla dismisura nella violenza e nell’intelligenza, nell’amore e nell’odio, nel bene come nel male. Il tiranno parla la lingua del mito. Tra apoteosi e maledizione, sacralizzazione del potere e sacrilegio istituzionalizzato, vecchio e nuovo ordine, la figura del tiranno si colloca alla confluenza tra fatti storici e propaganda, schemi di civiltà e archetipi del potere.

Indice

Prefazione

Premessa alla seconda edizione

Nota dell’autore

Introduzione. Le deformità elettive

1. Segni premonitori

Segni che accompagnano la nascita/Segni di potere e di morte

2. I genitori

3. L’eros

4. Figli e figlie

5. Intelligenza e fortuna

6. La morte

Conclusioni

Riferimenti bibliografici

Indice dei nomi antichi

Indice delle parole notevoli