Carocci editore - La morale di Locke

Password dimenticata?

Registrazione

La morale di Locke

Giuliana Di Biase

La morale di Locke

Fra prudenza e mediocritas

Edizione: 2012

Collana: Biblioteca di testi e studi (769)

ISBN: 9788843066155

  • Pagine: 328
  • Prezzo:32,00 30,40
  • Acquista

In breve

Il pensiero morale e religioso, politico ed epistemologico di John Locke è stato oggetto nel tempo di studi ampi e dettagliati, che ne hanno rilevato le peculiarità e i rapporti di continuità o di rottura rispetto al contesto culturale e filosofico di riferimento. Rispetto a tali contributi, il volume si propone un obiettivo più modesto e specifico: ricostruire la fisionomia complessiva del pensiero morale di Locke attraverso la sua corrispondenza con alcuni personaggi più o meno noti, a lui resi particolarmente vicini da una prolungata consuetudine e/o da un’intesa marcata. Dall’esame dell’intenso rapporto epistolare del filosofo con alcune personalità tra loro assai diverse (come quelle del mercante deista Benjamin Furly, dell’intellettuale e politicoWilliam Molyneux, del teologo riformato Philippus van Limborch e della dotta e pia Damaris Cudworth) è emerso un pensiero che si struttura principalmente attorno a due componenti, una concezione della natura umana che individua nella mediocrità una cifre essenziale e una visione della prudenza intesa come strategia di risposta a tale mediocrità, una visione che si traduce in un elogio della sobrietà di parola legittimato dall’insegnamento scritturale.

Indice

Premessa

1. Linguaggio e prudenza

L’arbitrio linguistico/Il goblin accademico/Nicolas Toinard, amico-nemico/Quando la parola è di troppo

2. Tolleranza e mediocritas

«Siamo tutti quaccheri»/Entusiasmo religioso e fanatismo. Damaris Cudworth/Benjamin Furly e Anthony Collins: due deisti a confronto/Philipphus van Limborch, uomo di speranza

3. Il pensiero politico

Un difficile amor patriae/Shaftesbury, il patriota/Edward Clarke. L’impegno politico/William Molyneux e la questione irlandese

4. Il pensiero morale

«È la bestia che ci porta»/James Tyrrell, un’amicizia difficile/Un fallimento educativo: Edward Clarke/ Stoicismo e razionalismo. L’apatia, medicina del dolore/La morale dello scrupolo. Il caso Grenville/La morale dimostrata

Conclusione. Morale e prudenza

Riferimenti bibliografici