Carocci editore - I segni dell'esperienza

Password dimenticata?

Registrazione

I segni dell'esperienza

I segni dell'esperienza

Saggi sulle forme di conoscenza

a cura di: Armando Canzonieri, Giusy Gallo

Edizione: 2012

Collana: Biblioteca di testi e studi (693)

ISBN: 9788843063178

  • Pagine: 144
  • Prezzo:16,00 13,60
  • Acquista

In breve

Che rapporto c’è fra il saper fare e il saper dire una cosa? L’affermazione di Wittgenstein che ne faceva giochi linguistico-cognitivi diversi, alla pari sullo stesso piano, è certo l’inizio da cui partire, ma non ci illumina sulle relazioni che esistono fra queste due facoltà, e che occorre dunque considerare distinte sì, ma anche correlate. Nel dibattito attuale su questa questione vi è oscillazione fra posizioni panlinguistiche e posizioni di immediata cognitività pre-verbale. Per avviarne la soluzione occorre innanzitutto restituirne la complessità. In questo volume otto dottorandi e dottori di ricerca – in filosofia del linguaggio, della mente e della scienza – esplorano a fondo lo sfrangiato confine fra conoscenze implicite e conoscenze esplicite, in prospettive che vanno dalla rivalutazione, nei suoi domini, della conoscenza tacita, fino al crinale in cui essa diventa dicibile, e con riferimento a una pluralità di pensatori contemporanei da Peirce a Bourdieu passando per Polanyi.
Daniele Gambarara

Indice

Premessa di Armando Canzonieri e Giusy Gallo
Parte prima
Conoscenza ed epistemologia contemporanea
1. Sapere più di quanto siamo in grado di dire. La dimensione tacita della conoscenza nell’apprendimento di una pratica di Giusy Gallo
Premessa/Semeiotica medica e formulazione di una diagnosi/Le regole dell’arte e la pratica della scienza medica/"Sappiamo più di quanto possiamo dire". La struttura della conoscenza tacita/ Pratica e conoscenza tacita/Conclusioni
2. Pratiche del vivente: riflessioni sulla "normatività" della tecnica di Emiliano Sfara
Premessa/Prima la scienza o prima la tecnica?/Creazione, arte e tecnica/Sviluppi del «principio di Broussais» /Il normale e la normatività della tecnica/Conclusioni
Parte seconda
Conoscenza ed esperienza dell’altro
3. La descrizione del dolore. Dallo sguardo sulla patologia alle cartelle cliniche di Davide Bruzzese
Premessa/Osservare con cura: una breve storia dello sguardo medico/Sintomi e segni della malattia nella struttura discorsiva della clinica/Diagnosi del presente: dai quadri alla cartella clinica/Conclusioni
4. Dalle figure esplicite agli orizzonti impliciti dell’umano. Un viaggio dall’antropologia alla psichiatria. E ritorno di Armando Canzonieri
Premessa: gli incontri mancati/La co-implicazione di antropologia e psichiatria/Ludwig Binswanger e la possibilità della malattia mentale/Conclusioni
Parte terza
Conoscenza ed esperienza grafica
5. L’esplicitazione dell’esperienza grafica. Lo spazio bianco come caso esemplare di Rossana De Angelis
Premessa/Dal tacito all’esplicito. La gestione dello spazio bianco/La ragione grafica/La soglia della coscienza grafica/Dal sapere nella scrittura al sapere sulla scrittura/Conclusioni
6. Continuità, generalità, vaghezza: la dinamica della conoscenza in Ch. S. Peirce attraverso l’esempio del rebus di Ada Biafore
Premessa/Non c’è niente che non sia conoscibile: conoscenza esplicita e tacita nella riflessione di Ch. S. Peirce/Il senso del cammino è nel suo dispiegarsi. Osservazioni sulla nozione di interpretante/La vitrea essenza del giocatore: l’esempio del rebus/Conclusioni
Parte quarta
Conoscenza e forme estetiche
7. Esperienza estetica come veicolo di conoscenza tacita. Una rilettura contemporanea di Luigi Cristaldi
Premessa/L’arte e l’altro dall’arte: una questione estetica (e linguistica)/Il lavoro dell’habitus: come cambia e si veicola una conoscenza/Il lavoro dell’estetico: conoscenza, lingua e habitudini/Esplicito/tacito/incorporato: dalla riproducibilità tecnica alle forme d’arte postmoderna/Conclusioni
8. Autobiografia filosofica di uno spettatore cinematografico: il caso Cavell di Simona Busni
Premessa/Sapere e non sapere. Sull’autobiografia, sul cinema e sull’arroganza/Il nome, la voce e l’orecchio: come autobiografare il mondo/Anni, asce e barattoli. Sul seppellire e sul prendere in prestito/Conclusioni
Bibliografia