Carocci editore - Raccogliere il mondo

Password dimenticata?

Registrazione

Raccogliere il mondo

Adriano Ardovino

Raccogliere il mondo

Per una fenomenologia della Rete

Edizione: 2012

Collana: Biblioteca di testi e studi (692)

ISBN: 9788843063123

  • Pagine: 328
  • Prezzo:33,00 28,05
  • Acquista

In breve

Dalla nascita di Internet e del Web, storici della tecnologia, antropologi, sociologi e teorici dei mezzi di comunicazione di massa hanno fornito apporti essenziali all’intelligenza del fenomeno e alla ricostruzione dei suoi presupposti culturali. In questo variegato approccio "umanistico" è mancata una sintesi specificamente filosofica. Il pensiero contemporaneo, infatti, ha spesso ricondotto l’innovazione a un generico mutamento epocale, preferendo concentrarsi sulla descrizione di singoli dispositivi e pratiche esemplari, dall’iPad al social networking. Questo volume offre un contributo fenomenologico, mettendo a fuoco alcune categorie centrali – dall’intelligenza collettiva all’ipertesto – e indicando il loro orizzonte unitario – la capacità di raccolta della Rete – come qualcosa di distinto, anche se non separato, dagli aspetti applicativi e infrastrutturali. L’obiettivo è pensare questo orizzonte come forma di mondo, comunità e linguaggio, aldilà di metafore riduttive che invitano ancora a percepire la Rete come collezione di luoghi virtuali ("posta", "piazza", "mercato", "biblioteca", "archivio" ecc.) o a scorgervi dinamiche puramente mass-mediali. Muovendo dalla fenomenologia della tecnica di Heidegger e da alcune sue reinterpretazioni contemporanee, l’analisi coinvolge quegli autori – su tutti Lévy, Castells, Rheingold, Landow, Bolter, de Kerckhove – che con più passione e competenza hanno osservato l’evoluzione della Rete e fornito rilevanti categorie descrittive, che il libro mette alla prova con opportune esemplificazioni di carattere storico e teorico.

Indice

Introduzione
Parte prima
Logos
1. Disposizione e appropriazione
La Rete e la tecnica/Contro l’astrazione/Riduzione strumentale e antropologica/La disposizione come essenza della tecnica/Dalla techne alla tecnica/Che cos’è una cosa/Mondo e disposizione/Appropriazione e pensiero della cosa/Il linguaggio e la tecnica/Il preludio e il negativo/L’appropriazione e la Rete/Disposizione e irretimento/Appendice. Che cos’è un dispositivo
2. Dalla raccolta all’essere comune
Disposizione e raccolta/Analisi bifocale e categorie di transizione/Raccogliersi nel pensiero/Pensare e agire nell’età della tecnica/Essere-in-comune/ Singolare plurale/Co-esistenza e dis-posizione/Spartizione e passaggio
Parte seconda
Xynon
3. Quarto spazio e collettività intelligenti
Definizioni/La tecnologia e le tecniche/Intelligenza collettiva e spazio del sapere/Cyberspazio e cybercultura/Virtualità e universalità/La Rete come oggetto-mondo/Glossa 1
4. Transitorietà e localizzazione
Spazi e tempi della network society/La galassia e il mezzo/Tecnologia, comunità, società/Polemos. Dimensioni politiche/La Rete tra topologia e biologia/Dispositivi e mondo comune/Comunicazione, mobilitazione, personalizzazione/Cooperazione e potere/Glossa 2
5. Ipertesto, lettura, rimediazione
L’ipertesto come metafora della Rete/ Interfaccia e ricomposizione/Lessìe e collegamenti /Ricomposizione e lettura/Scrittura digitale e ipertesto/Ontologia del medium e logica della rimediazione/Rete di mediazioni e convergenza mediale/Sé ipermediato e collettività della rimediazione/Glossa 3
Bibliografia