Carocci editore - Vangelo secondo Tommaso

Password dimenticata?

Registrazione

TFA e formazione

Banner

crediti formativi

Banner

Promo del mese

Banner
Banner
Vangelo secondo Tommaso

Matteo Grosso

Vangelo secondo Tommaso

Edizione: 2011

Ristampa: 1^, 2016

Collana: Classici (12)

ISBN: 9788843060405

  • Pagine: 304
  • Prezzo:25,00 21,25
  • Acquista

In breve

Colui che cerca non smetta di cercare fino a quando abbia trovato, e quando avrà trovato resterà sbigottito, e rimasto sbigottito regnerà, e avendo regnato troverà riposo.

Indice

Le parole che sconfiggono la morte
Nota al testo
Vangelo secondo Tommaso
Commento
Bibliografia
Indice dei testi antichi
Indice dei nomi antichi

Recensioni

Armando Torno, Corriere della sera, 18-09-2011

Sotto il nome di Tommaso sono pervenuti alcuni testi apocrifi del primo cristianesimo. C' è il Vangelo dell' infanzia di Tommaso (in greco, risalente al II secolo) e c' è il Libro di Tommaso il Contendente o l' Atleta, in copto, del III secolo. Soprattutto c' è il Vangelo secondo Tommaso , ritrovato nei codici copti, scoperti a Nag Hammadi nel 1945. Tre frammenti separati della versione greca furono rinvenuti a Ossirinco, in Egitto, nel 1897; nel 1903, nella medesima località, ne emersero altri due. L' incipit è potente, fascinoso: «Questi sono i detti segreti che Gesù il vivente ha proferito e Giuda, che è chiamato anche Tommaso, ha scritto. E disse: "Chi troverà l' interpretazione di questi detti non gusterà la morte"». In esso se ne leggono 114. Se si volesse sintetizzare il contenuto dello scritto, basterà dire che il Regno di Dio è già sulla Terra e la luce divina, presente in tutti gli uomini, può permettere di vederlo e di entrarvi. In italiano non mancano versioni di questo vangelo: una, dovuta a Mario Erbetta, uscì nella grande raccolta degli apocrifi neotestamentari di Marietti (4 volumi edita tra il 1966 e il 1981); la seconda si deve a Luigi Moraldi e si trova ne I Vangeli gnostici (Adelphi 1984). Ora, con il testo copto a fronte, vede la luce nei «Classici» di Carocci un Vangelo secondo Tommaso curato da Matteo Grosso (pp. 304, 25). Amplia introduzione, commento dettagliato e informatissimo fanno di questa traduzione con l' originale a fronte un' opera di riferimento anche per lo specialista, oltre che per il lettore interessato. Giustamente Grosso pone un punto di domanda accanto alla qualifica di gnostico e, tra l' altro, si sofferma sul rapporto tra Tommaso e i vangeli sinottici. Il volume ha altri pregi e dimostra che in Italia è possibile ancora pubblicare testi importanti e ben curati. E che l' editoria di qualità si può fare. Basta averne voglia.

Armando Torno, Corriere della sera, 18-09-2011

Sotto il nome di Tommaso sono pervenuti alcuni testi apocrifi del primo cristianesimo. C' è il Vangelo dell' infanzia di Tommaso (in greco, risalente al II secolo) e c' è il Libro di Tommaso il Contendente o l' Atleta, in copto, del III secolo. Soprattutto c' è il Vangelo secondo Tommaso , ritrovato nei codici copti, scoperti a Nag Hammadi nel 1945. Tre frammenti separati della versione greca furono rinvenuti a Ossirinco, in Egitto, nel 1897; nel 1903, nella medesima località, ne emersero altri due. L' incipit è potente, fascinoso: «Questi sono i detti segreti che Gesù il vivente ha proferito e Giuda, che è chiamato anche Tommaso, ha scritto. E disse: "Chi troverà l' interpretazione di questi detti non gusterà la morte"». In esso se ne leggono 114. Se si volesse sintetizzare il contenuto dello scritto, basterà dire che il Regno di Dio è già sulla Terra e la luce divina, presente in tutti gli uomini, può permettere di vederlo e di entrarvi. In italiano non mancano versioni di questo vangelo: una, dovuta a Mario Erbetta, uscì nella grande raccolta degli apocrifi neotestamentari di Marietti (4 volumi edita tra il 1966 e il 1981); la seconda si deve a Luigi Moraldi e si trova ne I Vangeli gnostici (Adelphi 1984). Ora, con il testo copto a fronte, vede la luce nei «Classici» di Carocci un Vangelo secondo Tommaso curato da Matteo Grosso (pp. 304, 25). Amplia introduzione, commento dettagliato e informatissimo fanno di questa traduzione con l' originale a fronte un' opera di riferimento anche per lo specialista, oltre che per il lettore interessato. Giustamente Grosso pone un punto di domanda accanto alla qualifica di gnostico e, tra l' altro, si sofferma sul rapporto tra Tommaso e i vangeli sinottici. Il volume ha altri pregi e dimostra che in Italia è possibile ancora pubblicare testi importanti e ben curati. E che l' editoria di qualità si può fare. Basta averne voglia.

Jean Daniel Dubois, Apocryphe, 31-12-2018