Carocci editore - Stato e poteri locali in Italia

Password dimenticata?

Registrazione

TFA e formazione

Banner

crediti formativi

Banner

Promo del mese

Banner
Banner
Stato e poteri locali in Italia

Piero Aimo

Stato e poteri locali in Italia

Dal 1848 a oggi. Nuova edizione

Edizione: 2010

Ristampa: 2^, 2014

Collana: Diritto e politica (4)

ISBN: 9788843053551

  • Pagine: 208
  • Prezzo:20,90 17,77
  • Acquista

In breve

Il volume descrive nelle linee essenziali l’evoluzione degli ordinamenti locali, comunali e provinciali, dal 1848 ai giorni nostri. Dopo aver rintracciato le origini del modello italiano nell’età rivoluzionaria, e soprattutto napoleonica, ci si sofferma sulle epoche successive, con periodizzazioni di tipo politico-costituzionale, ma anche economico-sociale. Gli enti locali vengono studiati, così, nelle loro alterne e contrastate tendenze sempre con riguardo al contesto storico-istituzionale e giuridico-amministrativo che ne ha via via rappresentato l’orizzonte operativo. Con l’ambizione di offrire una sintesi solida ed equilibrata, il libro si propone al mondo degli studi universitari e a chiunque desideri essere informato sulla storia e sull’effettiva fisionomia della questione amministrativa nell’Italia contemporanea. Nella nuova edizione la ricostruzione è stata aggiornata alle vicende politico-istituzionali verificatesi sino al 2008. Il decennio, o poco più, che parte dal 1995 rappresenta infatti una stagione ricca di significative riforme costituzionali e amministrative che, al di là del loro esito, non potevano non essere trattate, sia pure sommariamente, in un volume che intende descrivere l’evoluzione degli apparati statali, delle Regioni e delle autonomie locali, in Italia, sino alle epoche più recenti.

Indice

Prefazione alla seconda edizione

Premessa

Introduzione. La genesi del modello: l’amministrazione “alla francese”

Il governo locale in Francia: dalla Rivoluzione a Napoleone

La ricezione della legislazione d’oltralpe in Italia

Dalla Restaurazione allo Statuto albertino: il Piemonte sabaudo

1. L’uniformità dell’ordinamento: l’amministrazione dei “notabili” (1848-65)

Il contesto politico-istituzionale/L’annessione della Lombardia e la legge Rattazzi/I progetti regionalistici Farini-Minghetti e il completamento dell’unificazione/La conferma dell’accentramento: la legge del 1865/Il dibattito storiografico e l’alternativa delle autonomie

2. La modernizzazione del sistema: l’amministrazione dei “borghesi” (1865-1900)

Il contesto politico-istituzionale/Le riforme crispine: la “seconda unificazione amministrativa”/Il “decentramento conservatore” e le tendenze strutturali del secolo

3. La socializzazione degli apparati: l’amministrazione degli “interessi” (1900-22)

Il contesto politico-istituzionale/La “rinascita comunale” e le aziende municipalizzate/Il municipalismo cattolico e il socialismo municipale/Il riformismo burocratico e il dualismo dell’amministrazione

4. La statalizzazione delle istituzioni: l’amministrazione del “partito” (1922-43)

Il contesto politico-istituzionale/La dissoluzione delle libertà locali/La burocratizzazione e moltiplicazione degli apparati

5. La frammentazione dei poteri: l’amministrazione dei “partiti” (1943-95)

Il contesto politico-istituzionale/La stagione “costituente”/L’ordinamento regionale/Il modello dell’autonomia locale

6. La sfida per l’autonomia: l’amministrazione dei cittadini (1995-2008)

Il contesto politico-istituzionale/L’amministrazione pubblica/L’ordinamento regionale/Gli enti locali

Nota bibliografica

Indice dei nomi