Carocci editore - Dizionario gramsciano

Password dimenticata?

Registrazione

TFA e formazione

Banner

crediti formativi

Banner

Promo del mese

Banner
Banner
Dizionario gramsciano

Dizionario gramsciano

1926-1937

a cura di: Guido Liguori, Pasquale Voza

Edizione: 2009

Ristampa: 1^, 2011

Collana: Fuori collana

ISBN: 9788843051434

  • Pagine: 920
  • Prezzo:85,00 72,25
  • Acquista

In breve

Nei suoi ultimi dieci anni, Antonio Gramsci riflette in carcere sulla sconfitta del movimento comunista e sul fallimento della rivoluzione in Occidente. Rielabora le domande di fondo della sua precedente azione politica, ripensa le risposte date e le esperienze vissute. Formula un vero e proprio lessico per esprimere la sua teoria politica e un intero mondo di concetti destinati a influenzare i più diversi campi del sapere. È un linguaggio che inventa spesso parole nuove, o che reinventa parole vecchie arricchendole di significati diversi: americanismo e fordismo, brescianesimo, egemonia, filosofia della praxis, molecolare, nazionale-popolare, Oriente-Occidente, rivoluzione passiva, Stato integrale, volontà collettiva, moderno Principe e tante altre. Scritto da studiose e studiosi di nazionalità, culture, e competenze diverse, il Dizionario gramsciano 1926-1937 ricostruisce il significato delle parole e dei concetti presenti nei Quaderni del carcere e nelle Lettere dal carcere, coniugando rigore scientifico e chiarezza divulgativa, e si propone di accompagnare con le sue oltre 600 voci la scoperta del pensatore italiano moderno oggi più conosciuto nel mondo.

Indice

A
Action française (Bruno Brunetti)
Agnelli, Giovanni (Lelio La Porta)
agnosticismo (Domenico Mezzina)
Alighieri, Dante: v. Dante
alta cultura (Costanza Orlandi)
alti salari (Derek Boothman)
America (Giorgio Baratta)
America del Sud (Giorgio Baratta)
americanismo (Giorgio Baratta)
americanismo e fordismo (Giorgio Baratta)
analisi della situazione: v. rapporti di forza
anarchia (Guido Liguori)
anarco-sindacalismo: v. sindacalismo teorico
animalità e industrialismo (Giorgio Baratta)
Anti-Croce: v. Croce, Benedetto
antimachiavellismo: v. machiavellismo e antimachiavellismo
anti-nazionale: v. nazionale-popolare
antiprotezionismo: v. liberismo
antisemitismo: v. ebrei
antistoria: v. storia
antropologia: v. filosofia della praxis
apoliticismo, apoliticità (Jole Silvia Imbornone)
aporia (Eleonora Forenza)
apparato egemonico (Guido Liguori)
arbitrio (Rocco Lacorte)
architettura (Lea Durante)
arditi (Jole Silvia Imbornone)
Aristotele (Lelio La Porta)
armi e religione (Guido Liguori)
arte (Yuri Brunello)
arte militare (Silvio Suppa)
artificiale: v. naturale-artificiale
ascaro: v. crumiro
astensionismo (Marcos Del Roio)
astrazione (Fabio Frosini)
astrazione determinata: v. homo oeconomicus
ateismo (Giovanni Semeraro)
attualismo (Giuseppe D’Anna)
autobiografia (Eleonora Forenza)
autocritica (Manuela Ausilio)
autodidatta (Jole Silvia Imbornone)
autodisciplina: v. disciplina
autogoverno (Marcos Del Roio)
automatismo (Fabio Frosini)
autorità (Michele Filippini)
Azione cattolica (Tommaso La Rocca)
B
Babbitt (Derek Boothman)
bambino (Valeria Leo)
bellezza (Marina Paladini Musitelli)
Benda, Julien (Pasquale Voza)
Bergson, Henri (Ludovico De Lutiis)
Bernstein, Eduard (Lelio La Porta)
biblioteca (Fabio Frosini)
biennio rosso: v. Ordine Nuovo (L’)
bilancio statale (Vito Santoro)
biografia nazionale (Jole Silvia Imbornone)
blocco agrario (Antonella Agostino)
blocco storico (Pasquale Voza)
Bodin, Jean (Michele Filippini)
bonapartismo (Michele Filippini)
Bordiga, Amadeo (Andrea Catone)
borghesia (Raul Mordenti)
borghesia comunale (Jole Silvia Imbornone)
borghesia rurale (Elisabetta Gallo)
boria di partito (Lelio La Porta)
boulangismo (Marcos Del Roio)
brescianesimo (Marina Paladini Musitelli)
briganti, brigantaggio (Antonella Agostino)
Brons?tein: v. Trockij
Bucharin, Nikolaj Ivanovic (Fabio Frosini)
buon senso (Guido Liguori)
burocrazia (Michele Filippini)
C
cadornismo (Manuela Ausilio)
caduta tendenziale del saggio di profitto (Fabio Frosini)
Calogero, Guido: v. attualismo
calvinismo (Fabio Frosini)
camorra: v. mafia e camorra
campagna: v. città-campagna
cannibalismo (Raffaele Cavalluzzi)
canto X dell’Inferno: v. Dante
capitalismo (Andrea Catone)
capitalismo di Stato (Guido Liguori)
capo (Marcos Del Roio)
capo carismatico (Michele Filippini)
caporalismo (Michele Filippini)
Caporetto (Marcos Del Roio)
capovolgimento (Giuseppe Prestipino)
carcere o prigione (Jole Silvia Imbornone)
Carducci, Giosue (Marina Paladini Musitelli)
casematte: v. trincee, fortezze e casematte
caso (Giuseppe Prestipino)
catarsi (Carlos Nelson Coutinho)
catastrofe, catastrofico (Eleonora Forenza)
catastrofismo: v. catastrofe, catastrofico
Cattaneo, Carlo (Pasquale Voza)
cattolici (Raffaele Cavalluzzi)
causalità (Giuseppe Prestipino)
Cavour, Camillo Benso, conte di (Silvio Suppa)
cento città (Elisabetta Gallo)
centralismo (Giuseppe Cospito)
centralismo burocratico: v. centralismo
centralismo democratico: v. centralismo
centralismo organico: v. centralismo
certo (Giuseppe Prestipino)
Cesare, Caio Giulio (Jole Silvia Imbornone)
cesarismo (Guido Liguori)
chierici (Laura Mitarotondo)
Chiesa cattolica (Tommaso La Rocca)
chimica: v. fisica e chimica
Cina (Derek Boothman)
cinema (Raffaele Cavalluzzi)
città-campagna (Elisabetta Gallo)
città del silenzio: v. cento città
classe, classi (Raul Mordenti)
classe dirigente (Michele Filippini)
classe media (Raul Mordenti)
classe operaia (Raul Mordenti)
classe politica (Michele Filippini)
classe subalterna: v. subalterno, subalterni
classe urbana (Raul Mordenti)
classico (Fabio Frosini)
clero (Giovanni Semeraro)
coda del diavolo: v. America del Sud
coercizione (Lelio La Porta)
coerenza, coerente (Peter Thomas)
collettivismo: v. individualismo
colonialismo (Renato Caputo)
colonie (Renato Caputo)
composizione demografica (Giuseppe Prestipino)
compromesso (Guido Liguori)
Comuni medievali (Jole Silvia Imbornone)
comunismo: v. società regolata
concezione del mondo (Guido Liguori)
concio della storia (Guido Liguori)
Concordato (Tommaso La Rocca)
conformismo (Guido Liguori)
congiuntura (Fabio Frosini)
consenso (Lelio La Porta)
Consigli di fabbrica: v. Ordine Nuovo (L’)
consiliarismo: v. Ordine Nuovo (L’)
consumo (Vito Santoro)
contadini (Elisabetta Gallo)
contenuto: v. forma-contenuto
contraddizione (Giuseppe Prestipino)
Controriforma (Roberto Dainotto)
corporativismo (Alessio Gagliardi)
Corradini, Enrico (Manuela Ausilio)
corruzione (Michele Filippini)
coscienza (Rocco Lacorte)
cosmopolitismo (Lea Durante)
Costituente (Giuseppe Cospito)
costituzionalismo (Michele Filippini)
Costituzione (Michele Filippini)
creatività, creativo (Fabio Frosini)
creazione: v. distruzione-creazione
credenze popolari (Giovanni Mimmo Boninelli)
crisi (Fabio Frosini)
crisi del ’29: v. crisi
crisi di autorità (Michele Filippini)
crisi di egemonia: v. crisi di autorità
crisi organica (Lelio La Porta)
Crispi, Francesco (Silvio Suppa)
cristianesimo (Tommaso La Rocca)
Croce, Benedetto (Giuseppe Cacciatore)
crumiro (Vito Santoro)
cultura (Giorgio Baratta)
cultura alta: v. alta cultura
cultura europea: v. Europa
cultura francese, cultura italiana (Jole Silvia Imbornone)
cultura mondiale (Giorgio Baratta)
cultura popolare (Costanza Orlandi)
Cuoco, Vincenzo: v. rivoluzione passiva
Cuvier, Georges (Joseph A. Buttigieg)
D
D’Annunzio, Gabriele (Guido Liguori)
Dante (Daniele Maria Pegorari)
De Man, Henri (Domenico Mezzina)
De Sanctis, Francesco (Marina Paladini Musitelli)
debito pubblico (Vito Santoro)
demagogia (Michele Filippini)
democrazia (Guido Liguori)
destra: v. sinistra-destra
determinismo (Giuseppe Prestipino)
dialettica (Giuseppe Prestipino)
dialetto (Alessandro Carlucci)
Dio (Vincenzo Robles)
dio ascoso (Giuseppe Prestipino)
diplomazia (Lelio La Porta)
diretti: v. dirigenti-diretti
direzione (Michele Filippini)
dirigenti-diretti (Giuseppe Cospito)
diritti e doveri (Fabio Frosini)
diritto (Michele Filippini)
diritto naturale (Carlos Nelson Coutinho)
disciplina (Lelio La Porta)
disgregato, disgregazione (Giuseppe Prestipino)
disinteresse, disinteressato (Valeria Leo)
disoccupazione (Lelio La Porta)
disorganico (Giuseppe Prestipino)
distruzione-creazione (Manuela Ausilio)
dittatura (Lelio La Porta)
divenire (Ludovico De Lutiis)
Divina Commedia: v. Dante
divisione dei poteri (Michele Filippini)
divulgazione (Rocco Lacorte)
domenicani (Ludovico De Lutiis)
dominio (Lelio La Porta)
donna (Lea Durante)
dopoguerra (Guido Liguori)
dover essere (Claudio Bazzocchi)
dramma (Yuri Brunello)
due mondi (Jole Silvia Imbornone)
dumping (Vito Santoro)
E
ebrei (Enzo Traverso)
economia (Fabio Frosini)
economia diretta: v. economia programmatica
economia programmatica (Fabio Frosini)
economia regolata: v. economia programmatica
economia secondo un piano: v. economia programmatica
economicismo: v. economismo
economico-corporativo (Giuseppe Cospito)
economismo (Fabio Frosini)
educazione (Chiara Meta)
egemonia (Giuseppe Cospito)
eguaglianza, egualitarismo (Renato Caputo)
Einaudi, Luigi (Fabio Frosini)
elezioni (Renato Caputo)
élite, elitismo (Michele Filippini)
emigrazione (Antonella Agostino)
empirismo (Lelio La Porta)
Engels, Friedrich (Guido Liguori)
epoca (Michele Filippini)
Erasmo da Rotterdam, Desiderio (Fabio Frosini)
eredità del passato (Jole Silvia Imbornone)
eresie, eretici (Raffaele Cavalluzzi)
errore (Fabio Frosini)
esecutivo: v. legislativo-esecutivo
esercito (Michele Filippini)
esperanto (Peter Ives)
esteromania (Jole Silvia Imbornone)
estetica (Pasquale Voza)
estinzione dello Stato: v. società regolata
etica (Giuseppe Prestipino)
etico-politico (Guido Liguori)
Europa (Giorgio Baratta)
evoluzionismo (Lelio La Porta)
F
famiglia (Valeria Leo)
fantasia (Antonella Agostino)
fascismo (Carlo Spagnolo)
fatalismo (Guido Liguori)
fede (Fabio Frosini)
federalismo (Michele Filippini)
femminismo (Lea Durante)
Ferrari, Giuseppe (Pasquale Voza)
feticismo: v. astrazione
feudalesimo: v. Medioevo
Feuerbach, Ludwig (Andrea Catone)
filologia e filologia vivente (Ludovico De Lutiis)
filosofia (Fabio Frosini)
filosofia classica tedesca (Fabio Frosini)
filosofia della praxis (Roberto Dainotto)
filosofia speculativa (Peter Thomas)
filosofo e filosofo democratico (Peter Thomas)
fini: v. mezzi e fini
fisica e chimica (Derek Boothman)
fisiocratici (Jole Silvia Imbornone)
folclore, folklore (Giovanni Mimmo Boninelli)
fordismo (Giorgio Baratta)
forma-contenuto (Pasquale Voza)
formazione dell’uomo (Giorgio Baratta)
fortezze e casematte: v. trincee, fortezze e casematte
Fortunato, Giustino (Daniele Maria Pegorari)
forza (Michele Filippini)
forze urbane: v. classe urbana
Foscolo, Ugo (Domenico Mezzina)
Fovel, Nino Massimo (Alessio Gagliardi)
francescani (Ludovico De Lutiis)
Francia (Elisabetta Gallo)
Freud, Sigmund (Livio Boni)
fronte ideologico (Guido Liguori)
fronte politico-militare (Guido Liguori)
fronte unico (Peter Thomas)
funzionario (Michele Filippini)
für ewig (Eleonora Forenza)
futurismo (Marina Paladini Musitelli)
G
Gandhi, Mohandas Karamchand: v. pacifismo
Garibaldi, Giuseppe (Vito Santoro)
genere umano (Lelio La Porta)
genio (Jole Silvia Imbornone)
Gentile, Giovanni (Giuseppe D’Anna)
geografia (Derek Boothman)
Germania (Elisabetta Gallo)
gesuiti (Giovanni Semeraro)
giacobinismo (Rita Medici)
Giappone (Derek Boothman)
Gioberti, Vincenzo (Roberto Finelli)
Giolitti, Giovanni (Marcos Del Roio)
giornalismo (Guido Liguori)
Giulia (Lea Durante)
glottologia: v. linguistica
Gobetti, Piero (Lelio La Porta)
Goethe, Johann Wolfgang von (Yuri Brunello)
gorilla ammaestrato (Giorgio Baratta)
governati-governanti (Michele Filippini)
governo (Silvio Suppa)
grammatica (Peter Ives)
Grande guerra (Vito Santoro)
grande politica, piccola politica (Carlos Nelson Coutinho)
Grecia (Derek Boothman)
greco: v. latino e greco
gruppo sociale (Raul Mordenti)
guerra (Roberto Ciccarelli)
guerra di movimento (Roberto Ciccarelli)
guerra di posizione (Roberto Ciccarelli)
guerra partigiana (Roberto Ciccarelli)
guerre di indipendenza (Vito Santoro)
Guicciardini, Francesco (Laura Mitarotondo)
H
Hegel, Georg Wilhelm Friedrich (Roberto Finelli)
hegelismo napoletano (Giuseppe D’Anna)
hitlerismo (Vito Santoro)
homo oeconomicus (Fabio Frosini)
I
Ibsen, Henrik (Yuri Brunello)
idealismo (Giuseppe Prestipino)
idee (Fabio Frosini)
ideologia (Guido Liguori)
idoli (Antonella Agostino)
Ilici: v. Lenin
Illuminismo (Paolo Quintili)
immaginazione (Jole Silvia Imbornone)
immanenza (Fabio Frosini)
immigrazione (Giuseppe Prestipino)
imperativo categorico (Claudio Bazzocchi)
imperialismo (Renato Caputo)
Impero romano (Jole Silvia Imbornone)
imprenditore (Jole Silvia Imbornone)
inaudito (Pasquale Voza)
incesto (Livio Boni)
India (Derek Boothman)
individuale: v. individuo
individualismo (Fabio Frosini)
individuo (Fabio Frosini)
industrialismo (Elisabetta Gallo)
Inghilterra (Derek Boothman)
integralisti (Domenico Mezzina)
intellettuali (Pasquale Voza)
intellettuali italiani (Pasquale Voza)
intellettuali organici (Pasquale Voza)
intellettuali tradizionali (Pasquale Voza)
internazionale, internazionalismo (Renato Caputo)
intransigenza-tolleranza (Manuela Ausilio)
ironia (Pasquale Voza)
islamismo (Derek Boothman)
Italia (Giovanni Mimmo Boninelli)
italiani (Domenico Mezzina)
Iulca o Julca: v. Giulia
J
jazz (Alessandro Errico)
K
Kant, Immanuel (Roberto Finelli)
L
Labriola, Antonio (Fabio Frosini)
laici (Ludovico De Lutiis)
laicismo (Manuela Ausilio)
Lao-Tse (Derek Boothman)
latino (Alessandro Carlucci)
latino e greco (Alessandro Carlucci)
lavoratore collettivo (Fabio Frosini)
lavoro (Fabio Frosini)
leggi di tendenza (Fabio Frosini)
legislativo-esecutivo (Lelio La Porta)
Lenin, Nikolaj (Vladimir Il’ic Ulianov, detto) (Fabio Frosini)
Leonardo da Vinci (Marco Versiero)
Leopardi, Giacomo (Lelio La Porta)
letteratura artistica (Marina Paladini Musitelli)
letteratura d’appendice (Bruno Brunetti)
letteratura poliziesca o gialla (Bruno Brunetti)
letteratura popolare (Marina Paladini Musitelli)
liberali, liberalismo (Marcos Del Roio)
liberismo (Andrea Catone)
libero scambio (Andrea Catone)
libertà (Rocco Lacorte)
libertinismo (Lea Durante)
limite (Valeria Leo)
lingua (Derek Boothman)
linguaggio (Derek Boothman)
linguistica (Derek Boothman)
logica: v. astrazione e tecnica del pensare
Loria, Achille (Jole Silvia Imbornone)
lorianesimo: v. lorianismo, loriani
lorianismo, loriani (Jole Silvia Imbornone)
lorismo: v. lorianismo, loriani
lotta di generazioni (Guido Liguori)
lotto (Giovanni Mimmo Boninelli)
Lukács, György (Carlos Nelson Coutinho)
Lutero, Martin (Fabio Frosini)
Luxemburg, Rosa (Andrea Catone)
M
macchina (Antonella Agostino)
Machiavelli, Niccolò (Lelio La Porta)
machiavellismo e antimachiavellismo (Laura Mitarotondo)
madre (Valeria Leo)
mafia e camorra (Jole Silvia Imbornone)
malattia (Jole Silvia Imbornone)
male minore (Guido Liguori)
Manzoni, Alessandro (Domenico Mezzina)
Marx, Karl (Fabio Frosini)
marxismo (Giuseppe Prestipino)
massa, masse (Renato Caputo)
massoneria (Guido Liguori)
matematica (Derek Boothman)
materia (Giuseppe Prestipino)
materialismo e materialismo volgare (Giuseppe Prestipino)
materialismo storico (Giuseppe Prestipino)
Mathiez, Albert (Pasquale Voza)
Maurras, Charles: v. Action française
Mazzini, Giuseppe (Pasquale Voza)
meccanicismo (Michele Filippini)
meccano (Giorgio Baratta)
Medioevo (Jole Silvia Imbornone)
melodramma (Marina Paladini Musitelli)
mercantilismo (Lelio La Porta)
mercato determinato (Fabio Frosini)
merce (Lelio La Porta)
metafisica (Peter Thomas)
metafora (Peter Ives)
metodico (Giuseppe Prestipino)
metodologia (Fabio Frosini)
mezzadria (Antonella Agostino)
mezzi e fini (Giuseppe Cospito)
Mezzogiorno (Antonella Agostino)
Michels, Robert (Michele Filippini)
Milano (Elisabetta Gallo)
Missiroli, Mario (Vito Santoro)
mistero di Napoli: v. Napoli
mito (Guido Liguori)
moderati (Pasquale Voza)
modernismo (Vincenzo Robles)
moderno (Giuseppe Prestipino)
moderno Principe (Lelio La Porta)
molecolare (Eleonora Forenza)
moltitudine, moltitudini (Eleonora Forenza)
monarchia (Guido Liguori)
mondo (Giorgio Baratta)
Mondolfo, Rodolfo (Guido Liguori)
morale (Giuseppe Prestipino)
morboso (Pasquale Voza)
morte (Jole Silvia Imbornone)
mosca cocchiera (Vito Santoro)
Mosca, Gaetano (Michele Filippini)
musica (Alessandro Errico)
N
Napoli (Giovanni Mimmo Boninelli)
natura (Manuela Ausilio)
natura umana: v. uomo
naturale-artificiale (Renato Caputo)
naturalismo (Marina Paladini Musitelli)
naufrago (Eleonora Forenza)
nazionale: v. nazionale-popolare
nazionale-internazionale: v. nazione
nazionale-popolare (Lea Durante)
nazionalismo (Manuela Ausilio)
nazione (Fabio Frosini)
necessità (Fabio Frosini)
nemico (Fabio Frosini)
neoidealismo: v. Croce e Gentile
nesso di problemi (Eleonora Forenza)
nipotini di padre Bresciani: v. brescianesimo
Nord-Sud (Elisabetta Gallo)
noumeno (Claudio Bazzocchi)
nuovo (Pasquale Voza)
O
oggettività (Giuseppe Prestipino)
oggettività del reale: v. oggettività
opinione pubblica (Lelio La Porta)
oppio (Eleonora Forenza)
opposizione (Lelio La Porta)
oratoria (Fabio Frosini)
Ordine Nuovo (L’) (Guido Liguori)
organico (Giuseppe Prestipino)
organismo (Fabio Frosini)
organizzazione (Giuseppe Prestipino)
Oriani, Alfredo (Vito Santoro)
Oriente-Occidente (Silvio Suppa)
originale (Fabio Frosini)
ortodossia (Fabio Frosini)
ottimismo (Lelio La Porta)
P
pacifismo (Renato Caputo)
padre (Valeria Leo)
papa laico: v. Croce
papa, papato (Vincenzo Robles)
Papini, Giovanni: v. Voce (La)
paragone ellittico (Fabio Frosini)
parassitismo (Vito Santoro)
Pareto, Vilfredo (Michele Filippini)
parlamentarismo: v. parlamento
parlamentarismo nero (Lelio La Porta)
parlamento (Silvio Suppa)
particulare (Laura Mitarotondo)
partito (Michele Filippini)
Partito comunista (Guido Liguori)
Partito d’Azione (Pasquale Voza)
Partito popolare (Marcos Del Roio)
Partito socialista: v. socialisti
Pascal, Blaise (Lelio La Porta)
Pascoli, Giovanni (Antonella Agostino)
passato e presente (Fabio Frosini)
passione (Eleonora Forenza)
passività (Giuseppe Cospito)
patria (Manuela Ausilio)
pedagogia (Giovanni Semeraro)
pedanteria (Jole Silvia Imbornone)
persona (Rocco Lacorte)
personalità (Chiara Meta)
pessimismo (Lelio La Porta)
piccola borghesia (Elisabetta Gallo)
piccola politica: v. grande politica, piccola politica
Piemonte (Raffaele Cavalluzzi)
Pirandello, Luigi (Yuri Brunello)
Pisacane, Carlo (Raffaele Cavalluzzi)
plusvalore (Giuseppe Prestipino)
plutocrazia (Lelio La Porta)
poesia (Pasquale Voza)
polemica (Lelio La Porta)
politica (Silvio Suppa)
politica estera (Roberto Ciccarelli)
politica interna (Roberto Ciccarelli)
politica internazionale (Roberto Ciccarelli)
polizia (Guido Liguori)
popolare (Marina Paladini Musitelli)
popolare-nazionale: v. nazionale-popolare
popolo (Lea Durante)
popolo-nazione (Lea Durante)
populismo (Domenico Mezzina)
positivismo (Pasquale Voza)
potere (Michele Filippini)
pragmatismo (Chiara Meta)
prassi, praxis: v. filosofia della praxis
pratica: v. unità di teoria-pratica
Prefazione del ’59  (Fabio Frosini)
presente: v. passato e presente
prestigio (Peter Ives)
prevedibilità: v. previsione
previsione (Peter Thomas)
Prezzolini, Giuseppe (Lelio La Porta)
prigione: v. carcere o prigione
profitto: v. caduta tendenziale del saggio di profitto
progresso (Ludovico De Lutiis)
proibizionismo (Derek Boothman)
proletariato: v. classe operaia
propaganda (Manuela Ausilio)
proprietà (Vito Santoro)
prostituzione (Livio Boni)
protezionismo: v. liberismo
Proudhon, Pierre-Joseph (Fabio Frosini)
proverbi (Giovanni Mimmo Boninelli)
provincia, provincialismo (Fabio Frosini)
psicanalisi (Livio Boni)
psicologia (Livio Boni)
pubblico (Lelio La Porta)
Q
quantità-qualità (Giuseppe Prestipino)
Quarantotto (Andrea Catone)
quistione agraria (Emanuele Bernardi)
quistione dei giovani (Giuseppe Prestipino)
quistione meridionale (Lea Durante)
quistione nazionale (Vito Santoro)
quistione politica degli intellettuali: v. intellettuali
quistione sessuale (Livio Boni)
quistione vaticana (Tommaso La Rocca)
R
rapporti di forza (Carlos Nelson Coutinho)
rappresentati-rappresentanti (Giuseppe Cospito)
razionale: v. reale-razionale
razionalismo (Lelio La Porta)
razzismo (Manuela Ausilio)
reale-razionale (Giuseppe Prestipino)
realismo greco-cristiano (Jole Silvia Imbornone)
realismo storico e politico (Giuseppe Cospito)
realtà del mondo esterno: v. noumeno
referendum (Lelio La Porta)
regolarità (Fabio Frosini)
relativismo (Lelio La Porta)
religione (Tommaso La Rocca)
Restaurazione (Luigi Masella)
retorica (Fabio Frosini)
revisionismo (Lelio La Porta)
Ricardo, David (Fabio Frosini)
Riforma (Fabio Frosini)
riforma economica (Giuseppe Prestipino)
riforma intellettuale e morale (Fabio Frosini)
riformismo (Lelio La Porta)
Rinascimento (Roberto Dainotto)
Risorgimento (Pasquale Voza)
ritmo del pensiero (Eleonora Forenza)
rivoluzionario (Michele Filippini)
rivoluzione (Lelio La Porta)
Rivoluzione francese (Lelio La Porta)
rivoluzione passiva (Pasquale Voza)
rivoluzione permanente (Roberto Ciccarelli)
rivoluzione-restaurazione: v. rivoluzione passiva
robinsonate (Lelio La Porta)
Roma (Andrea Catone)
Romanticismo italiano (Domenico Mezzina)
romanzo d’appendice: v. letteratura d’appendice
Rotary Club (Derek Boothman)
Rousseau, Jean-Jacques (Carlos Nelson Coutinho)
Russia (Elisabetta Gallo)
S
Sacro romano impero (Jole Silvia Imbornone)
saggio del profitto: v. caduta tendenziale del saggio di profitto
Saggio popolare: v. Bucharin
salario (Vito Santoro)
Salvemini, Gaetano (Marcos Del Roio)
san Gennaro (Giovanni Mimmo Boninelli)
sarcasmo (Marina Paladini Musitelli)
Sardegna, sardi (Domenico Mezzina)
Savonarola, Girolamo (Raffaele Cavalluzzi)
scetticismo (Manuela Ausilio)
schiavitù (Lelio La Porta)
Schucht, Giulia: v. Giulia
Schucht, Tatiana: v. Tatiana
scienza (Derek Boothman)
scienza della politica (Carlos Nelson Coutinho)
sciopero (Guido Liguori)
Scolastica (Lelio La Porta)
scuola (Chiara Meta)
semplici (Marcus Green)
senso comune (Guido Liguori)
Sicilia, siciliani (Jole Silvia Imbornone)
sindacalismo, sindacati (Vito Santoro)
sindacalismo teorico (Fabio Frosini)
sinistra-destra (Giuseppe Prestipino)
situazione: v. rapporti di forza
socialismo (Andrea Catone)
socialisti (Silvio Suppa)
società civile (Jacques Texier)
società comunista: v. società regolata
società politica (Guido Liguori)
società regolata (Guido Liguori)
sociologia (Michele Filippini)
soggettivo, soggettivismo, soggettività (Giuseppe Cacciatore)
solipsismo, solipsistico (Fabio Frosini)
soprastruttura o sovrastruttura: v. superstruttura, superstrutture
Sorel, Georges (Guido Liguori)
sovversivismo (Michele Filippini)
Spagna (Elisabetta Gallo)
Spaventa, Bertrando (Roberto Finelli)
specialismo (Michele Filippini)
specialista + politico (Lelio La Porta)
spirito, spiritualismo (Giuseppe Prestipino)
Spirito, Ugo (Roberto Finelli)
spirito di scissione (Rocco Lacorte)
spirito popolare creativo (Giorgio Baratta)
spontaneismo (Marcos Del Roio)
spontaneità (Marcos Del Roio)
sport (Guido Liguori)
Sraffa, Piero (Fabio Frosini)
Stalin (Iosif Vissarionovic D=uga&vili, detto) (Andrea Catone)
Stati Uniti (Derek Boothman)
statistica (Derek Boothman)
Stato (Guido Liguori)
Stato allargato: v. Stato
Stato etico (Guido Liguori)
Stato guardiano notturno (Guido Liguori)
Stato integrale: v. Stato
statolatria (Guido Liguori)
storia (Fabio Frosini)
storia a disegno (Peter Thomas)
storia di partito (Lelio La Porta)
storia etico-politica (Pasquale Voza)
storicismo (Giuseppe Cacciatore)
storicismo assoluto: v. storicismo
Strapaese-Stracittà (Domenico Mezzina)
strumento tecnico (Jole Silvia Imbornone)
struttura (Giuseppe Cospito)
struttura ideologica (Guido Liguori)
studio (Valeria Leo)
studio delle fonti (Fabio Frosini)
subalterno, subalterni (Joseph A. Buttigieg)
Sud: v. Nord-Sud
suffragio universale (Lelio La Porta)
superstruttura, superstrutture (Giuseppe Cospito)
superuomo (Lelio La Porta)
supremazia (Giuseppe Cospito)
T
Tania (Lea Durante)
Tatiana: v. Tania
taylorismo (Giorgio Baratta)
teatro (Yuri Brunello)
tecnica (Derek Boothman)
tecnica del pensare (Chiara Meta)
tecniche militari (Roberto Ciccarelli)
teleologia (Giuseppe Prestipino)
teologia (Giovanni Semeraro)
teoria-pratica: v. unità di teoria-pratica
teratologia (Eleonora Forenza)
tipo sociale (Michele Filippini)
tirannia della maggioranza (Laura Mitarotondo)
titoli di Stato (Vito Santoro)
tolleranza: v. intransigenza-tolleranza
Tolstoj, Lev Nikolaevic (Jole Silvia Imbornone)
totalitario (Renato Caputo)
tradizione (Giuseppe Prestipino)
traducibilità (Derek Boothman)
traduzione (Derek Boothman)
trasformismo (Raffaele Cavalluzzi)
tre fonti del marxismo (Giuseppe Prestipino)
trincee, fortezze e casematte (Roberto Ciccarelli)
Trockij (Lev Davidovic Bron&tein, detto) (Andrea Catone)
Turchia (Derek Boothman)
turismo (Fabio Frosini)
U
ultima istanza: v. struttura
umanesimo assoluto (Fabio Frosini)
Umanesimo e nuovo umanesimo (Laura Mitarotondo)
umili (Marcus Green)
unificazione culturale (Rocco Lacorte)
unità di teoria-pratica (Fabio Frosini)
universale (Giuseppe Cacciatore)
università (Derek Boothman)
uomo (Fabio Frosini)
uomo collettivo (Rocco Lacorte)
uomo del Rinascimento (Laura Mitarotondo)
uomo massa (Giorgio Baratta)
URSS (Andrea Catone)
Ustica (Jole Silvia Imbornone)
utopia (Fabio Frosini)
V
Valentino, Cesare Borgia, detto il (
Laura Mitarotondo)
valore, teoria del: v. economia
velleitarismo (Michele Filippini)
Verdi, Giuseppe (Pasquale Voza)
Verga, Giovanni (Domenico Mezzina)
verismo (Marina Paladini Musitelli)
verità (Rocco Lacorte)
vero (Rocco Lacorte)
Vico, Giambattista (Fabio Frosini)
visione del mondo: v. concezione del mondo
Voce (La) (Jole Silvia Imbornone)
volontà (Fabio Frosini)
volontà collettiva (Carlos Nelson Coutinho)
volontari (Lelio La Porta)
volontarismo (Marcos Del Roio)
Volpicelli, Arnaldo (Alessio Gagliardi)
W
Weber, Max (Michele Filippini)

Recensioni

, Liberazione, 18-12-2009
È uscito per Carocci il “Dizionario gramsciano 1926- 1937" (pp. 918, euro 85), a cura di Guido Liguori e Pasquale Voza, che raccoglie oltre seicento voci sul pensiero di Gramsci scritte da studiosi di tutto il mondo. Nei suoi ultimi dieci anni, Antonio Gramsci riflette in carcere sulla sconfitta del movimento comunista e sul fallimento della rivoluzione in Occidente. Formula  un vero e proprio lessico per esprimere la sua teoria politica e un intero mondo di concetti destinati a influenzare i più diversi campi del sapere. È un linguaggio che inventa spesso parole nuove, o che reinventa parole vecchie arricchendole di significati diversi: americanismo e fordismo, brescianesimo, egemonia, filosofia della praxis, molecolare, nazionale-popolare, Oriente-Occidente, rivoluzione passiva, Stato integrale, volontà collettiva, moderno Principe e tante altre. Il  "Dizionario" ricostruisce il significato delle parole e dei concetti presenti nei "Quaderni del carcere" e nelle "Lettere dal carcere", coniugando rigore scientifico e chiarezza divulgativa.
Alberto Burgio, il Manifesto, 10-01-2010

L'officina gramsciana, per fortuna, non subisce i contraccolpi della crisi. C'è un esercito di studiosi, in Italia e nel mondo, che continuano a lavorare sul grande lascito teorico di Antonio Gramsci - grande in quantità e qualità - traendone materiali preziosi per la battaglia culturale, quindi per la lotta politica. Con buona pace di chi si è già vestito a lutto o sta per traslocare in cerca di nuove sicurezze o di meno precarie gratificazioni. L'ultimo frutto di questo lavoro collettivo - e del buon uso della informatizzazione dei testi - è un vero e proprio monumento al Gramsci carcerario, per il quale siamo grati ai due curatori e ai sessanta collaboratori che hanno preso parte all'impresa (Dizionario gramsciano 1926-1937, a cura di Guido Liguori e Pasquale Voza, Carocci, pp. 918, euro 85). Un lessico dei Quaderni e delle Lettere: perché? e che cos'è? «Questo Dizionario gramsciano 1926-1937 - rispondono Liguori e Voza - si pone l'obiettivo di ricostruire e presentare al lettore, in termini il più possibile accessibili, il significato dei lemmi, delle espressioni, dei concetti gramsciani» e «nasce dalla convinzione che lo stato dei testi carcerari e la loro storia, il metodo "analogico" seguito da Gramsci, lo spirito di ricerca e di dialogicità che li caratterizza, la peculiare "multiversità" del linguaggio dell'autore e persino l'ingente ed eterogenea mole interpretativa prodotta fino a oggi rendano tutt'altro che agevole al lettore comune, e in buona parte anche allo studioso, la comprensione del significato o della possibile gamma di significati delle "parole di Gramsci"». C'è quindi in primo luogo un problema di chiarificazione. Poi c'è la vexata quaestio della cronologia interna dei Quaderni, che non è sempre di lana caprina, perché in molti casi impatta direttamente sulla struttura logica dei concetti. Insomma Gramsci non è affatto facile, capire il suo pensiero è sovente un'impresa, ma poiché il suo contributo è indispensabile, uno strumento come questo è di primaria importanza. 
Un supermarket da evitare
Già sentiamo l'obiezione dei postmoderni mistici del frammento: così Gramsci è preso in gabbia! inchiodato alle 629 spine che lo passano ai raggi X! Come se la ricerca della coerenza interna sotto il vincolo della completezza fosse un optional. Su Gramsci si è combattuta, specie negli ultimi anni, una guerra che solo di nome ha riguardato il senso del suo lavoro e che in realtà ha mirato a legittimare l'arbitrio: il preteso diritto di muoversi nel labirinto dei Quaderni come in un supermarket, scegliendo quel che più va genio e ignorando quanto ostacolerebbe il reclutamento di Gramsci tra le file dei postcomunisti, degli anticomunisti, dei filo-atlantisti e chi più ne ha più ne metta. Ma lasciamo andare e godiamoci queste 900 pagine di scavo analitico che compensano alla grande il tempo della loro lettura. Sì, perché questo dizionario è anche un libro da leggere. Lo si può naturalmente usare secondo la sua destinazione primaria, come una bussola per la navigazione (non in alternativa, ma in aggiunta all'indice analitico dell'edizione Gerratana, del quale è un prezioso complemento). Ma può servire anche per costruire nuovi percorsi virtualmente infiniti, reti concettuali suggestive e feconde. Impiegando, in prima battuta, i rimandi che collegano le diverse voci, ma anche costruendo nessi, sfruttando echi e ricorrenze. Facciamo solo un esempio, per spiegarci. Prendiamo tre voci esemplari (rapporti di forza, società civile e Stato), esemplari non solo per la rilevanza dei temi e la loro centralità nella trama teorica dei Quaderni, ma anche per la qualità delle voci: il loro equilibrio e rigore filologico, la loro chiarezza e densità concettuale.
Un pensiero in movimento
Il percorso analitico sui «rapporti di forza» (concetto che Gramsci focalizza in una fondamentale nota del quaderno 13) ne mette perfettamente in rilievo la funzione critica (nei confronti degli schemi economicistici del marxismo volgare) e il connotato dinamico (tutto, nella totalità «politico-storica», è movimento e mutamento, in un flusso continuo di forze che si plasmano a vicenda e interagiscono sul terreno sociale, sul piano politico e in àmbito internazionale). Dopodiché, scandagliando l'articolazione del concetto, la voce rimanda a un ventaglio di lemmi e sintagmi, per così dire esplodendo. Scienza della politica, Machiavelli, soggettivo, volontà, catarsi, Lenin, Prefazione del '59, nazionale-internazionale. E naturalmente, in primis, società civile e Stato. Da qui, ripartendo, si penetra nel cuore stesso della visione politica che prende corpo nei Quaderni e nella quale «società civile» designa, innovando il lessico tradizionale, il luogo privilegiato dell'attività politica informale, quindi dell'egemonia, mentre «Stato» si biforca declinandosi in un significato stretto (come sinonimo di «società politica», sede delle istituzioni del comando, della coercizione, della burocrazia e dell'amministrazione) e in un'accezione larga (anch'essa del tutto originale), come terreno complessivo della sinergia tra direzione (egemonia e consenso) e dominio (forza). Anche in questi casi le voci corrono puntuali per un territorio impervio, chiamando in causa innumerevoli altre parole-chiave: intellettuali, liberismo, diritto, funzionario, blocco storico, guerra di posizione, rivoluzione passiva, Oriente-Occidente...
Basta: non occorre moltiplicare gli esempi. Piuttosto, fermiamoci ancora un istante sulla struttura dell'opera e su quanto essa rivela. Non sorprende che delle 629 voci (129 delle quali dedicate a nomi propri: persone, Stati e luoghi geografici, soggetti politici, istituzioni ed epoche storiche) gran parte delle più corpose attengano alla politica (analisi e teoria). Ma è interessante che gli insiemi semantici di maggiore entità concernano, in questo campo, la guerra e la rivoluzione. Così come è degno di nota che, considerata insieme alle voci correlate (marxismo, materialismo storico e Prefazione del '59), quella su Marx sia di gran lunga la voce più ampia tra quelle dedicate a nomi di persona. Il plesso concettuale più esteso attiene all'americanismo, direttamente tematizzato anche nelle voci americanismo e fordismo, fordismo e taylorismo. Segue a ruota filosofia, con i corollari filosofia classica tedesca, filosofia della praxis e filosofia speculativa.
Inutile pedanteria
Un particolare merito è l'aver focalizzato alcune espressioni tipiche della lingua di Gramsci (tra cui concio della storia, molecolare, ritmo del pensiero) che di rado hanno riscosso l'attenzione che meritano. Se vogliamo individuare, per contro, un difetto, si può forse lamentare (oltre all'assenza di voci che ci si sarebbe aspettate, come civiltà, Mussolini, Napoleone III e, soprattutto, rivoluzione russa) un certo feticismo terminologico, per cui non si trova la voce sovrastruttura, ma superstruttura, né la voce planismo o piano (economia di), bensì economia programmatica, col rischio di disorientare quel «lettore comune» al quale, pure, l'opera si rivolge. Ma insomma, si tratta del classico pelo nell'uovo, che Gramsci bollerebbe come «pedanteria». Non è questo l'importante, bensì l'avere finalmente a disposizione un lessico gramsciano affidabile e pressoché completo. Per il poco che manca (e in attesa che l'informatizzazione dei testi precarcerari permetta il completamento dell'opera), aspetteremo la seconda edizione.

Vito Antonio Leuzzi, La Gazzetta del Mezzogiorno, 27-02-2010

«In linea generalissima, l’americanismo rappresenta nei Quaderni la dimen   sione ideologica-culturale o anche etico-politica assunta dal modo di produzione capitalistico nell’epoca a Gramsci contemporanea, mentre il fordismo ne costituisce la dimensione tecnico-produttiva». Così Giorgio Baratta, nella voce «Americanismo» indica uno dei concetti cardine della riflessione di Antonio Gramsci, il cui significato viene ricostruito con estremo rigore filologico in un volume edito da Carocci, Dizionario gramsciano 1926-1937, a cura   di Guido Liguori e Pasquale Voza (pagg. 918, euro 85,00). Baratta, uno dei fondatori dell’International Gramsci Society (IGS) scomparso poco più di un mese fa, è uno degli ideatori del Dizionario che contiene ben 629 lemmi consentendo una lettura originale di uno degli autori italiani più letti al mondo, dall’America Latina all’Australia, dagli Stati Uniti al Giappone e all’India, dove viene considerato il massimo studioso della filosofia della prassi e della emancipazione delle classi subalterne. Il Dizionario nasce dall’esigenza di avvicinare a un pubblico più vasto l’opera gramsciana, «tanto complessa quanto non sistematica», salvaguardando al contempo l’autenticità dei testi. Tra gli innumerevoli lemmi che affollano il dizionario gramsciano si evidenzia quello di «nazional popolare», dove l’abbinamento tra i due aggettivi indica la polemica condotta   da Gramsci contro l’uso retorico dei concetti di «nazione» e di «popolo». Nei Quaderni del carcere si avanza la tesi che «in Italia il termine nazionale ha un significato molto ristretto ideologicamente ed in ogni caso non coincide con "popolare", poiché gli intellettuali sono lontani dal popolo, cioè dalla nazione e sono invece legati ad una tradizione di casta...». Un analogo concetto si ritrova in un altro lemma, «cultura popolare», utilizzato anche come sinonimo di «cultura nazionale». Ma è la voce «folklore» che esprime tutta la valenza della elaborazione teorico-filosofica del pensatore sardo che sostiene la necessità di studiare tale fenomeno non come elemento «pittoresco», ma come «concezione del mondo e della vita di determinati strati della società, non toccati dalle correnti moderne di pensiero».    Attraverso questa inconsueta ma valida operazione culturale, alla quale hanno partecipato più di sessanta studiosi italiani e stranieri, tra cui diversi docenti dell’Ateneo barese che fanno parte del Centro interuniversitario di ricerca per gli studi gramsciani, è possibile avvicinarsi al lessico gramsciano   e comprenderne i molteplici significati. Nella voce «Liberali liberalismo» si riassumono infatti i fenomeni ideologici più significativi della società borghese e si evidenzia l’attenzione prestata dal pensatore sardo alla storia italiana ed alle più significative personalità della cultura (Benedetto Croce e Giustino Fortunato) e della vita politica (Giolitti, Salandra, Nitti). Egli affermava, «in realtà, il modo d’essere del Partito liberale in Italia dopo il 1876 fu quello di presentarsi al paese come un ordine sparso di frazioni e di gruppi regionali. Erano frazioni del liberalismo politico tanto il cattolicesimo liberale dei popolari, come il nazionalismo, tanto le   unioni monarchiche come il partito repubblicano e gran parte del socialismo, tanto i radicali democratici come i conservatori». Nel lemmi «Risorgimento» e «Rivoluzione passiva» sono condensate le valutazioni critiche ai moderati e al Partito d’Azione, d’ispirazione mazziniana, che non furono in grado di imprimere al moto risorgimentale «un carattere più marcatamente popolare e democratico», per il mancato coinvolgimento delle masse contadine. Anche il termine «Democrazia» rende conto dell’evoluzione del pensiero di Gramsci, consapevole delle insufficienze della democrazia parlamentare di fine Ottocento e dell’abuso della «sovranità popolare» per i condizionamenti subiti dall’opinione pubblica attraverso «i persuasori occulti» del suo tempo (radio e stampa).    L’approfondimento del pensiero poli   tico e della tradizione civile italiana è condensata nelle voci relative a «Guicciardini Francesco» e «Machiavelli Niccolò» che Gramsci ha il merito di contestualizzare, fornendo chiavi interpretative avanzate e moderne. Mentre con la voce «Filosofia della prassi» che compare nei Quaderni del carcere all’interno di una lunga nota su Machiavelli, Gramsci esprime il «rapporto tra la volontà umana (superstruttura) e la struttura economica», esprimendo la sua avversione alle posizioni deterministiche diffuse anche all’interno del marxismo, per cui la «praxis» riafferma come volontà generale di trasformazione della natura e della storia.    Nella dura condizione carceraria Antonio Gramsci riflette sul fallimento della rivoluzione in Occidente e s’impegna in una vasta opera di ripensamento delle esperienze vissute e di analisi critica della storia nazionale, formulando come sostengono gli autori del Dizionario, un vero e proprio lessico per esprimere una visione teorico-politica originalissima ed un intero mondo di concetti che segneranno diversi campi del sapere.

, La Gazzetta del Mezzogiorno ed. Bari, 01-03-2010
Il mese di marzo alla libreria Laterza si apre oggi alle 18 con un importante appuntamento: Luciano Canfora, Silvia Godelli, Isidoro Mortellaro, Corrado Petrocelli, Nichi Vendola discuteranno del Dizionaro gramsciano 1926-1937, a cura di Guido Liguori e Pasquale Voza (Carocci ed.) . Introdurrà e coordinerà Lea Durante. Saranno presenti i curatori e il direttore del Centro interuniversitario di ricerca per gli studi gramsciani Raffaele Cavalluzzi. Nei suoi ultimi dieci anni, Antonio Gramsci riflette in carcere sulla sconfitta del movimento comunista e sul fallimento della rivoluzione in Occidente. Rielabora le domande di fondo della sua precedente azione politica, ripensa le risposte date e le esperienze vissute. Formula un vero e proprio lessico per esprimere la sua teoria politica e un intero mondo di concetti destinati a influenzare i più diversi campi del sapere. Scritto da studiose e studiosi di nazionalità, culture, e competenze diverse, il Dizionario gramsciano 1926-1937 ricostruisce il significato delle parole e dei concetti presenti nei Quaderni del carcere e nelle Lettere dal carcere, coniugando rigore scientifico e chiarezza divulgativa, e si propone di accompagnare con le sue oltre 600 voci la scoperta del pensatore italiano  moderno oggi più conosciuto nel mondo.[…]
Tonino Bucci, Liberazione, 22-05-2010

Un dizionario è un dizionario. Non è un libro come tutti gli altri, non si legge dall'inizio alla fine lungo un'unica direzione. Un dizionario è una raccolta di parole, ciascuna definita per mezzo di altre parole che a loro volta sono definite per mezzo di altre parole ancora e così via praticamente all'infinito, attraverso sequenze e combinazioni imprevedibili. Finora, però, non s'era mai visto un dizionario che servisse a leggere un altro libro, eccezion fatta per la "Divina Commedia" dantesca o la "Scienza della logica" di Hegel e qualche altro raro caso. Il "Dizionario gramsciano 1926-1937" a cura di Guido Liguori e Pasquale Voza (edizione Carocci, pp. 918, euro 85) - presentato l'altro ieri a Roma con Maria Luisa Boccia, Alberto Burgio, Giuseppe Vacca, Tullio De Mauro e i curatori - «si pone l'obiettivo di ricostruire e presentare al lettore - in termini il più possibile accessibili - il significato dei lemmi, delle espressioni, dei concetti gramsciani, limitatamente al periodo della riflessione carceraria consegnata ai "Quaderni del carcere" e alle "Lettere dal carcere"». Quasi mille pagine, oltre seicento voci, dalle più famose invenzioni linguistiche di Gramsci a quelle meno note. Un'opera pregevole che porta a compimento un lavoro iniziato dall'Igs, ormai una decina d'anni fa, con i seminari sul lessico gramsciano e che porta l'impronta di Giorgio Baratta, scomparso pochi mesi fa, tra i principali promotori dell'impresa. Cos'è dunque il "Dizionario gramsciano"? Uno strumento, innanzitutto, un sostegno per il lettore nella comprensione del testo gramsciano, a volte ostico, difficile da digerire per i suoi salti, per le ambiguità, per il progressivo cambiare di significato delle parole cruciali nel tempo, talvolta per vere e proprie incongruenze. Il fatto stesso che una quantità sterminata di interpreti si siano cimentati con i "Quaderni" e abbiano prodotto una letteratura sconfinata è tutt'altro che una facilitazione per il povero lettore. Anzi, in molti casi, le interpretazioni del testo gramsciano che nel tempo si sono sedimentate risultano fuorvianti anziché d'aiuto. Se non bastasse, ci è messa anche la cultura del postmoderno a complicare la faccenda. Gli studi su Gramsci, da un decennio almeno a questa parte, sono rivelatori di un'inclinazione eccessiva al frammento. È diventata quasi opinione corrente considerare i "Quaderni" un'opera priva di trama unitaria, una sorta di collage di frammenti dai quali, come in un «supermarket» - per riprendere un'espressione di Burgio - ognuno si sente in diritto di prendere quel che vuole e costruirsi un'ipotesi interpretativa a propria misura, senza il necessario rigore filologico. Il dizionario, a differenza del saggio, è lo strumento più prossimo all'obiettivo, dichiarato dai curatori, di un «ritorno al testo». «In riferimento alla tensione fra un pensiero coerente e la sua esposizione frammentata, il nostro tentativo - scrivono Voza e Liguori - è stato quello di praticare e di suggerire un'attenzione al testo che non sempre è dato ritrovare nella critica. Crediamo infatti che un uso attento dei testi porti anche a una migliore approssimazione interpretativa, mentre un loro uso troppo disinvolto allontani dalla comprensione effettiva anche dello "spirito"». Ma, a volersi spingere un po' oltre, il "Dizionario" non è solo uno strumento esterno al testo, ma ci aiuta anche a capire - come in uno specchio - la "forma " stessa dei "Quaderni", la morfologia di un'opera costruita secondo il modello di un reticolo di categorie, dove ognuna di esse, da quelle più note tipo "egemonia", "americanismo" e "cesarismo" a quelle più inusuali, del genere "oppio", "dumping" e "mosca cocchiera", si definisce in connessione con le altre. E dove la minima variazione di significato all'interno di una categoria è destinata a produrre effetti in tutte le altre categorie confinanti, costringendo l'intero sistema ad assestarsi. E qui cominciano i problemi. Perché al "Dizionario" non si può chiedere il miracolo di semplificare o ingabbiare «quella che è stata chiamata la strategia del pensiero e della scrittura di Gramsci - scrivono ancora Voza e Liguori - e con il carattere intrinsecamente mobile, aperto, antidogmatico che essa comporta». A noi lettori contemporanei la questione si pone di nuovo: quale Gramsci? Quello classico della rivoluzione e della lotta di classe - si chiede Tullio De Mauro - oppure il Gramsci ridisegnato in chiave culturalista soprattutto in questi ultimi decenni? Il Gramsci che pone l'accento sul primato della politica (la prassi) oppure il Gramsci che affida al terreno decisivo della cultura la regolazione dello scontro tra gruppi sociali? «La centralità gramsciana della cultura nella politica - sostiene ad esempio Maria Luisa Boccia - è andata dispersa, tutt'al più oggi si parla di competenze e di think thank che devono affiancare i politici. Oggi si parla spesso della perdita di egemonia da parte della sinistra, ma senza mai rimettere al centro della nostra attenzione il rapporto tra cultura e politica. Non a caso, per Gramsci il marxismo ha da essere una visione totale del mondo, costruzione di una forma di civiltà integrale». Ma quali sono le « quistioni » più presenti, le voci più ricorrenti nel "Dizionario", per qualità e quantità? Non c'è quasi storia. A mettere assieme i lemmi che riguardano Marx, il marxismo, il materialismo e la marxiana "Prefazione" del '59 non c'è dubbio che il nucleo teorico dei "Quaderni" sia questo, seguito a breve da un complesso di voci sulla filosofia classica tedesca e sulla filosofia della praxis. E poi ci sono le categorie mobilitate da Gramsci per la lettura del suo presente, in un continuo gioco di rimandi e analogie con la storia passata: americanismo, fordismo, taylorismo, lotta di classe, guerra. Motivo per cui - stando alle argomentazioni di Burgio - si potrebbe pensare ai "Quaderni" come al laboratorio del primato della politica. «È un'immagine classica di Gramsci quella che ci viene consegnata qui, cioè di un filosofo della rivoluzione in Occidente che pensa a partire da Marx e dalla filosofia classica tedesca in un'epoca di guerra, di lotta di classe e di crisi, in presenza di un tentativo di stabilizzazione capitalistica in America». Ma soprattutto, come dimostra il lemma su "rapporti di forza", ad emergere è «l'idea che la politica è ovunque, nei conflitti sociali, nella società civile, nelle istituzioni nazionali come in quelle internazionali». Il discorso si complica enormemente quando ai "Quaderni" si pongono domande che riflettono gli assilli di noi lettori contemporanei, magari per rintracciare in Gramsci teorizzazioni ante litteram di posizioni culturali che appartengono al nostro tempo. Ci si addentra in un gioco mobile dentro e fuori il testo quando, ad esempio, si ravvisa nel testo gramsciano l'esistenza di una vera e propria quistione sessuale, definita non nei termini di una semplice «lotta per l'emancipazione giuridica delle donne», bensì come una dimensione centrale per la politica e la rivoluzione. Oppure, quando - per seguire il ragionamento di De Mauro - si cerca nei "Quaderni" - inutilmente - una critica alla scienza e all'idea del soggiogamento infinito della natura all'uomo. Di sicuro è un Gramsci in stile liberaldemocratico quello ricostruito polemicamente da Giorgio Vacca: un Gramsci che inizierebbe a sbarazzarsi delle categorie marxiste tradizionali, prima fra tutte quella di struttura-sovrastruttura, per poi sostituire il termine «classe» col più pluralistico «gruppi sociali», «materialismo» con «filosofia della praxis», mentre il partito retrocederebbe sullo sfondo di una più generale volontà collettiva. Per finire con un'idea di «egemonia» non solo rivisitata ma ormai contrapposta all'egemonia leninista. Fin dove può spingersi l'interpretazione - e la sua innegabile libertà - e dove comincia invece il limite invalicabile del testo? «I "Quaderni" - per dirla con le parole di Liguori - sono un'opera particolare, che è stata pubblicata non dal suo autore, frammentata, piena di ambiguità che possono anche risultare fuorvianti. Un work in progress». Ma questo non significa «poter fare dire a Gramsci quel che non ha detto e fargli carico di ipotesi che non potevano stare nella testa di un uomo del suo tempo. Non si possono sfruttare le sue afasie per proiettare tutto il nostro presente nella sua opera».

Guido Liguori, il Manifesto, 03-07-2012