Carocci editore - La letteratura italiana del Medioevo

Password dimenticata?

Registrazione

La letteratura italiana del Medioevo

Giorgio Inglese, Stefano Carrai

La letteratura italiana del Medioevo

Nuova edizione

Edizione: 2009

Ristampa: 11^, 2020

Collana: Manuali universitari (88)

ISBN: 9788843050642

  • Pagine: 344
  • Prezzo:27,50 26,13
  • Acquista

In breve

Il volume traccia la storia della letteratura italiana dai suoi albori sino alla fine del XIV secolo. Pur nella necessaria concisione, nessun elemento significativo del panorama letterario italiano del Medioevo è stato trascurato, in un racconto storico che non allenta mai il contatto con la concretezza dei testi, fatti spesso oggetto di analisi ravvicinata. In questa prospettiva, la nuova edizione integra nella ricostruzione critica anche le più recenti acquisizioni degli studi. Concepito come strumento per gli studenti universitari, il testo potrà senz’altro suscitare l’interesse di un pubblico più ampio.

Indice

Premessa
1. Antiche tracce dei volgari italiani (secoli IX-XII)
L’indovinello veronese/I placiti campani/L’iscrizione di San Clemente in Roma/Il motto di Travale/Letture consigliate
2. I primi centri letterari
Il Settentrione/L’Italia mediana/La Sicilia/La Toscana/Letture consigliate
3. La Toscana dopo Montaperti (1260-80)
Guittone d’Arezzo e i guittoniani/Brunetto Latini/Il Fiore/Letture consigliate
4. La scoperta dello «stil novo»
Prodromi bolognesi: Guido Guinizzelli/Fondamenti teorici dello «stil novo»/I protagonisti/Letture consigliate
5. La poesia comico-realistica
Letture consigliate
6. La prosa del Duecento
Ars dictandi e volgarizzamenti/Compilazioni, enciclopedie, scritture di viaggio/La narrativa/I cronisti/Letteratura teologico-filosofica e spirituale/Letture consigliate
7. Dante Alighieri: Vita nova, rime della maturità e trattati
Vicende biografiche/La Vita nova/Le rime della maturità/Il Convivio/Il De vulgari eloquentia/Le epistole civili/La Monarchia/Letture consigliate
8. La Commedia
L’invenzione strutturale/La narrazione/Storia e profezia/Questioni di dottrina/Poesia della Commedia/Il viaggio del letterato/Letture consigliate
9. Da un secolo all’altro
Albertino Mussato e il “preumanesimo"/Poesia didattica: l’Intelligenza, Francesco da Barberino, Cecco d’Ascoli/Letture consigliate
10. Coscienza storica e coscienza religiosa nel Trecento
Giovanni Villani/Cronisti minori/L’Anonimo romano/Caterina da Siena e altri scrittori religiosi/Letture consigliate
11. Francesco Petrarca
Vicende biografiche/L’Africa/Il Secretum meum/Le raccolte epistolari in prosa e in versi/I Triumphi/Letture consigliate
12. La lirica minore del Trecento
Tardo stilnovismo fiorentino/La diffusione dei modelli toscani/Ampiamento d’orizzonti della lirica. Le rime per musica/Letture consigliate
13. Giovanni Boccaccio
Vicende biografiche/Le opere del periodo napoletano/Le opere fiorentine/Lettura del Decameron/La produzione tarda/Letture consigliate
14. Letteratura “borghese"
Antonio Pucci/Franco Sacchetti/Ser Giovanni Fiorentino/Andrea da Barberino/Letture consigliate
Bibliografia

Indice degli autori, delle opere anonime e delle cose notevoli

Recensioni

, Conquiste del lavoro, 19-12-2009
Dopo la prima edizione risalente al 2003, vede la luce la nuova impressione de La letteratura italiana del Medioevo, volume di storia letteraria scritto a quattro mani da Stefano Carrai e Giorgio Inglese. Si tratta di un libro "concepito per lo studio universitario, come supporto ai corsi di Letteratura italiana o di Filologia italiana", ma che può essere impiegato come uno strumento didattico per le scuole superiori o può rappresentare un approccio iniziale, da parte dei più curiosi, al periodo in cui le nostre lettere emettevano i primi vagiti. La revisione del lavoro precedente nasce anche dall'esigenza di aggiornare la bibliografia al 2009, visto che dal 2003 si è registrata una pubblicazione cospicua di studi più approfonditi e di edizioni più affidabili: basti pensare al Tresor di Brunetto Latini, a cura di P.G. Beltrami (Torino, Einaudi, 2007), alla Commedia dantesca (per ora solo l'Inferno) a cura dello stesso Inglese (Roma, Carocci, 2007) o a I poeti della scuola siciliana, per le cure di R. Antonelli, C. Di Girolamo e R. Coluccia (Milano, Mondadori, 2008). Suddiviso in quattordici capitoli, il libro disegna un profilo nitido dell'Italia letteraria dalle Origini (a partire dal cosiddetto Indovinello veronese, IX sec.) fino al XIV sec. (con la Letteratura borghese), seguendo vari criteri: la geografia, i generi letterari, gli autori più rappresentativi (tra i quali, naturalmente, Dante, Petrarca e Boccaccio). I capitoli iniziali si avvalgono delle scoperte più recenti (come quelle di Alfredo Stussi e di Giuseppina Brunetti), che hanno dimostrato come, finora, le testimonianze della versificazione italiana siano anteriori a san Francesco e ai siciliani. Carrai e Inglese hanno ben chiari gli obiettivi del lavoro: "Nell'attuale stato di incertezza e di instabilità normativa in cui versano gli studi universitari, un volume così concepito intende anche ribadire l'imprescindibilità di una solida formazione di base che consenta allo studente la possibilità, altrimenti preclusa, di una lettura non ingenua ma storicamente consapevole e appassionata al tempo stesso, dei testi letterari". Uno dei tanti pregi del volume – dovuto alla formazione di entrambi gli studiosi - consiste nell'indicare al lettore il costante richiamo all'importanza del manoscritto, un dato materiale necessario per entrare in contatto e in confidenza con la cultura medievale. Scritte in modo asciutto, le pagine costruiscono un discorso articolato intorno alle opere e ai movimenti culturali, mirando alla puntualità dei dati (elargiti generosamente) e facendo ricorso costante ai testi, commentati con un'attenzione specifica nei confronti dell'aspetto stilistico e di quello linguistico (nei casi di scritture aspre è offerta una parafrasi completa); al termine di ciascun capitolo, inoltre, figura una lista di Letture consigliate. La pingue BibliografiaIndice degli autori, delle opere anonime e delle cose notevoli (pp. 335-42) completano il volume.analitica (pp. 311-33) e l'ottimo