Carocci editore - Imparare a insegnare

Password dimenticata?

Registrazione

Imparare a insegnare

Michele Baldassarre

Imparare a insegnare

La pratica riflessiva nella professione docente

Edizione: 2009

Ristampa: 2^, 2018

Collana: Biblioteca di testi e studi (487)

ISBN: 9788843049448

  • Pagine: 200
  • Prezzo:19,90 16,92
  • Acquista

In breve

Dopo aver definito quali conoscenze e competenze sono indispensabili per insegnare, il volume tratta la delicata questione del rapporto tra l’identità personale e l’identità professionale del docente. Il libro propone un percorso formativo di sviluppo individuale che vada al di là del mero potere, del controllo e della manipolazione, e che sia invece rivolto a mantenere la giusta distanza emozionale, ad assumersi le proprie responsabilità professionali, a salvaguardare il riconoscimento dell’altro. Nel testo viene inoltre affrontato il problema di come documentare la pratica riflessiva, mettendo l’accento in particolare sull’importanza dello sviluppo personale e professionale. Viene esaminata la testimonianza documentata di tale pratica sia sotto il profilo di "prodotto" sia sotto quello di "processo" con la metodologia dellacontent analysis (text mining: parole chiave, contesti elementari; text mapping: associazioni, somiglianze e differenze, e analisi del contenuto: analisi delle corrispondenze).

Indice

Presentazione di Cosimo Laneve
Introduzione
Formazione degli insegnanti e riflessività
I paradigmi dominanti nella formazione degli insegnanti
I livelli della riflessività
1. Quali conoscenze e competenze per insegnare?
Alla ricerca di una definizione delle conoscenze e competenze per insegnare/Quel che ci dice la ricerca/I modelli di sviluppo professionale
2. La professione docente come sviluppo personale per la cura di sé e la cura degli altri
Che cosa intendiamo per sviluppo personale/Il comprendere/comprendersi/Le linee di tendenza dello sviluppo personale oggi/Alla ricerca di percorsi che non lascino indifferenti
3. Costruire l’identità professionale
Lo sviluppo personale: uno stato d’animo/Imparare a interrogare e a interrogarsi/Assumere le proprie responsabilità professionali/Interrogarsi sulla propria relazione con l’autorità/Mantenere la giusta distanza emozionale/Il riconoscimento dell’altro
4. Ricerca empirica sull’uso del portfolio
Premessa/Uno strumento plurifunzionale/Il portfolio in un corso di formazione degli insegnanti/La ricerca: obiettivi, rilevazione dei dati, analisi/Individuazione dei temi ricorrenti/Individuazione del linguaggio della riflessività
5. Analisi del contenuto con il software T-lab Pro 5.5
Premessa/Fase di preparazione e importazione del corpus/Fase di uso degli strumenti del lessico/Fase di definizione lista parole chiave/Analisi tematica dei contesti elementari/Associazioni di parole/Cluster analysis/Conclusioni
Allegato 1. Scheda fasi di lavoro
Allegato 2. Questionario prima della visione del film Essere e avere
(2002), di N. Philibert
Allegato 3. Scheda post-visione del film Essere e avere
Allegato 4. Decalogo del docente e Dieci domini di competenze riconosciute
come prioritarie nella formazione continua (modello di Ginevra)
Allegato 5. Scheda di osservazione del film Un silenzio particolare (2004), di Stefano Rulli
Allegato 6. Scheda descrittiva del contesto strutturale
Allegato 7. Scheda primo ambito di analisi/osservazione: ambiente scuola
Allegato 8. Scheda secondo ambito di analisi/osservazione: progettualità
Allegato 9. Il viaggio
Allegato 10. Report esteso dei contesti elementari selezionati dal software T-lab per i cluster: costruzione del gruppo di tirocinio (GruppoTirocinio); 2. dimensione familiare (Famiglia); 3. IoInsegnante; 4. esperienza nel gruppo docente (GruppoDocente)
Bibliografia

Recensioni

Enzo Mansueto, Corriere del mezzogiorno, 13-03-2010
Imparare ad insegnare, il titolo di questo nuovo volume di Michele Baldassarre - docente di Tecnologie dell'istruzione e dell'apprendimento e di Progettazione e sperimentazione di ambienti multimediali per la formazione dell'Università di Bari - racchiude un dato di esperienza che chiunque si sia appena affacciato alla professione dell'insegnamento o della formazione, conosce. Non basta «sapere», per «sapere insegnare». E insegnare,,, tuttavia, il problema della formazione dei formatori stessi è ben lungi dall'essere risolto dall'assunzione di quella constatazione. Secondo le più aggiornate metodologie, non è sufficiente al formatore e al futuro insegnante una preparazione di tipo teorico, quasi che la prassi didattica si riducesse all'attuazione di un'astratta teoria, come giustamente rileva il Cosimo Laneve in introduzione. La proposta di Baldassare, affinata dalla ricerca sul campo, è calata nel solco della «riflessività», intendendo con questo termine l'attenzione posta dagli insegnanti, con attitudine critica, ai modelli mentali da loro stessi messi in campo nell'attività didattica. Con solida struttura scientifica, ma esposizione scorrevole, Baldassare si rivolge tanto agli esperti delle scienze della formazione, quanto ai soggetti «riflessivi» principali: gli insegnanti.