Carocci editore - Il management della creatività

Password dimenticata?

Registrazione

Il management della creatività

Il management della creatività

Reti, comunità e territori

a cura di: Silvia Rita Sedita, Marco  Paiola

Edizione: 2009

Ristampa: 2^, 2017

Collana: Studi Superiori (715)

ISBN: 9788843047727

  • Pagine: 264
  • Prezzo:21,10 20,05
  • Acquista

In breve

Il testo approfondisce il tema della creatività dal punto di vista dei luoghi, fisici e cognitivi, che favoriscono lo sviluppo di prodotti creativi in diversi settori culturali. L’idea che guida il libro nasce dall’osservazione delle recenti dinamiche socio-economiche che riguardano le condizioni in grado di favorire la creatività nelle organizzazioni. In particolare, si evidenzia il carattere situato dei meccanismi creativi che, rispondendo a logiche di co-creazione, sempre più coinvolgono le esperienze e le conoscenze dei consumatori finali. La prima parte del volume è dedicata alla presentazione del quadro teorico di riferimento, introducendo i concetti di comunità, cluster territoriale e network. La seconda presenta un’inedita raccolta di casi che contestualizzano il profilo teorico all’interno di diversi segmenti dell’industria culturale: gli eventi culturali, le performing arts, il cinema, il design, i cluster museali urbani, l’open source. Con un linguaggio semplice e accessibile, il testo si rivolge a studenti universitari di corsi di laurea triennale e specialistica delle facoltà economiche e umanistiche, studenti di master in attività culturali e turistiche e manager dei settori culturali.

Indice

Introduzione
Parte prima. Profilo teorico
1.    La geografia della creatività: cluster e oltre, di Silvia Rita Sedita
Introduzione/Economie esterne, cluster e distretti/Geografia della creatività/Cluster, creatività e innovazione/Conclusioni
2. Le organizzazioni project-based,di Silvia Rita Sedita
Introduzione/Le organizzazioni project-based: elementi definitori/Le organizzazioni project-based nei settori culturali: caratteristiche e funzionamento/Conclusioni
3. I profili relazionali degli eventi culturali,di Marco Paiola/Economia, cultura e territorio
L’organizzazione di eventi culturali complessi: il territorio come contesto relazionale/Le OAC e la produzione di valore nei contesti territoriali: un modello relazionale/Il ruolo delle OAC nelle reti dei contesti territoriali moderni
4. I network della creatività: reti e relazioni alla base delle performance organizzative, di Marco Paiola
La teoria delle reti sociali: elementi fondamentali/Le reti nella fenomenologia d’impresa/L’analisi delle reti sociali (social network analysis)/Strutture di network e capitale sociale/Le caratteristiche dei network che avvantaggiano la creatività e l’innovazione
5. Le comunità creative,di Marco Bettiol
Introduzione/Le comunità di pratica: definizione ed origine del concetto/Conoscenze tacite e competitività del territorio/Le comunità professionali: la creatività dei distretti industriali in azione/Oltre il capitale sociale: la società creativa/Conclusioni
Parte seconda. Casi ed esperienze
6.  Industria e creatività: innovazione e design nei distretti del mobile,di Eleonora Di Maria
Introduzione/Reti tra design e impresa/Alcune evidenze empiriche sui distretti mobilieri in Italia:competere con il design?/Strategie a confronto: Arper e Magis/Conclusioni
7.  La creatività negli spettacoli dal vivo: il caso della musica in Veneto,di Silvia Rita Sedita
Introduzione/Il cluster musicale Veneto/L’analisi empirica/Conclusioni
8.  La creatività culturale delle medie città italiane: il caso degli eventi culturali complessi,di Marco Paiola
Introduzione/Il nuovo rinascimento delle medie città italiane: gli eventi culturali/Il modello in azione: sei casi di reti culturali territoriali/I profili emergenti nel management della cultura: un breve confronto tra i casi
9. La creatività nelle reti sociali: l’industria cinematografica di Hollywood,di Gino Cattanie Simone Ferriani
Introduzione/Creatività nelle reti sociali/L’industria cinematografica di Hollywood/Conclusioni
10. Creatività e governance nelle comunità Open Source: GNOME e KDE a confronto,di Andrea Ganzaroli e Gianluca Fiscato
Introduzione/La governance della creatività: dalla proprietà alla condivisione/Le scelte di governance nelle comunità os/Comunità os, creatività e governance: quale relazione?/GNOME e KDE: due modelli di governance a confronto/Conclusioni
11.  La creatività tra specializzazione e diversificazione del territorio: i sistemi locali creativi in Italia,di Francesco Capone e Tommaso Cinti
Introduzione/Creatività e cultura per lo sviluppo locale/Città e territori a specializzazione culturale e creativa/Identificazione e analisi dei sistemi creativi in Italia/Sistemi locali creativi specializzati e diversificati/Riflessioni conclusive
12.  Visitando la casa delle Muse: l’esperienza estetica come esperienza di creatività,di Francesca Gambarotto e Luisa Fantinel
Introduzione/La struttura complessa della domanda di fruizione artistica/Esplorando il comportamento dei visitatori della Cappella degli Scrovegni di Padova/Note metodologiche/La percezione dell’esperienza estetica della Cappella degli Scrovegni/Conclusioni
Bibliografia.

Recensioni

, Modena Mondo, 01-08-2009

L'economia della creatività e le tecniche e competenze di management richieste per esaltarla. Le esperienze creative, sempre più gradite da parte dei consumatori nelle nostre società complesse, rappresentano occasioni importanti di produzione di ricchezza in settori quali il cinema, design, musei, eventi culturali e performing art. Il volume ne inquadra la prospettiva teorica e molti casi concreti, dai festival al cluster della musica in Veneto.