Carocci editore - Dalla Giovine Europa alla Grande Europa

Password dimenticata?

Registrazione

TFA e formazione

Banner

crediti formativi

Banner

Promo del mese

Banner
Banner
Dalla Giovine Europa alla Grande Europa

Dalla Giovine Europa alla Grande Europa

a cura di: Francesco Guida

Edizione: 2007

Collana: Studi Storici Carocci

ISBN: 9788843045648

  • Pagine: 288
  • Prezzo:26,80 22,78
  • Acquista

In breve

Il progetto scientifico di questo volume è stato suggerito dal bicentenario della nascita (1805) di Giuseppe Mazzini. Le sue caratteristiche particolari lo differenziano però dalle molte altre iniziative a quel bicentenario dedicate in diverse città italiane e di altri Paesi. Come lascia intendere il titolo prescelto, Dalla Giovine Europa alla Grande Europa, non si vuole soltanto individuare alcuni aspetti del pensiero e dell'azione di Mazzini che ne fecero un cittadino europeo ante litteram, ma anche delineare il percorso storico che ha condotto a realizzare il suo auspicio di collaborazione fraterna tra le nazioni europee fino alla creazione di una Unione di dimensione continentale: percorso ricco di variazioni e di specifici fenomeni dettati dalle contingenze storiche e dalle peculiarità di alcune aree geografiche. Ne è scaturita un'ampia, stimolante e sfaccettata riflessione critica a più voci sulla storia europea dall'Ottocento ai giorni nostri.

Indice

Presentazione Sul concetto di Europa tra Settecento e Ottocento di Andrei Marga Riflessioni sull'europeismo di Giuseppe Mazzini prima e dopo il 1848 di Giuseppe Monsagrati La Giovine Europa e la fratellanza universale tramite l'educazione alla cittadinanza di Giuliana Limiti Il mito di Mazzini in Francia di Anne-Claire Ignace Mazzini e il mondo tedesco di Marco Paolino L'iberismo nella strategia internazionale di Giuseppe Mazzini di Francesca Di Giuseppe Mazzini e il mondo anglosassone: nuovi spunti di riflessione di Michele Finelli Giuseppe Mazzini e Harriet Martineau di Ginevra Conti Odorisio Parte prima Mazzini e l'Europa occidentale 01.Guida.3B 18-12-2007 12:28 Pagina 5 Mazzini e le tormentate vicende della Giovine Polonia di Krzysztof Z˙ aboklicki L'europeismo mazziniano tra teoria e realtà: il caso degli slavi del Sud di Antonio D'Alessandri Mazzini e la Romania di Alberto Basciani 'Ombre russe'. Considerazioni su Mazzini, Bakunin e la russofobia di Roberto Valle L'Europa centro-orientale dai risorgimenti tardivi all'integrazione europea di Francesco Guida I popoli dell'Europa centrale e l'idea ottocentesca della Confederazione danubiana di László Csorba Mazzini e TomበG. Masaryk precorritori dell'integrazione europea di Francesco Leoncini Progetti europeistici tra le due guerre mondiali di S¸tefan Delureanu Dal filellenismo all'idea di Europa di Maria Cristina Chatziioannou Una Europa già grande nell'Unione Europea di Gian Cesare Romagnoli L'Unione Europea e l'eredità mazziniana. Dalla Giovine Europa all'Europa federale: prospettive e incognite di Arturo Colombo Parte seconda Mazzini e l'Europa centro-orientale Parte terza Verso la fratellanza dei popoli e l'unione continentale

Recensioni

L.R., Il Politico, 01-08-2009
Per il bicentenario della nascita di Mazzini nel 2005, la Facoltà di Scienze Politiche e il Dipartimento di Studi internazionali dell’università Roma Tre avevano promosso un convegno, di cui questo libro - che ne rispetta fedelmente il titolo originario - offre adesso gli atti, debitamente ampliati e arricchiti negli apparati bibliografici. Come sottolinea Francesco Guida, che del libro è il curatore ma che del convegno è stato anche l’ideatore e il promotore, con questa iniziativa "non si volevano soltanto individuare alcuni aspetti del pensiero di Mazzini che ne fecero un cittadino europeo unte lirterum, ma si voleva anche delineare un percorso storico che ha condotto alla realizzazione, con le variazioni e nelle forme dettate dalle contingenze storiche e dalla peculiarità di alcune aree geografiche, del suo auspicio di una collaborazione fraterna tra le nazioni europee fino alla creazione di un’unione di dimensione continentale". Obbiettivo molto impegnativo e ardito: che comunque, attraverso i contributi dei numerosi autori italiani e stranieri, permette di seguire gli aspetti-chiave di un processo, storico e politico, tuttora in fieri, dove i riferimenti a Mazzini e al suo progetto (non solo ai tempi della "Giovine Europa" del 1834) sono andati via via scontrandosi con le alterne vicende del XIX e del XX secolo. Con il risultato che l’antica proposta mazziniana non può certo identificarsi, né risolversi, con l’attuale, e spesso controversa, Unione Europea. Semmai, sono proprio le analisi su quanto Mazzini ha sostenuto a proposito delle diverse realtà dell’Europa "occidentale", oppure dell’Europa "centro-orientale" - per esempio, il mito di Mazzini in Francia, su cui si sofferma Anne Claire Ignace, o il mondo tedesco, indagato da Marco Paolino, o le "tormentate vicende" della Giovine Polonia, illustrate da Krzysztof Zaboklicki, o i rapporti con la Romania, descritti da Alberto Bascian - che danno la misura di un travaglio, lungo, spesso controverso e tuttora irrisolto. Non solo: ma proprio il confronto fra quanto ricercava, o almeno auspicava, Mazzini e quanto è andato faticosamente costituendosi, specie nel XX secolo (basta leggere i "progetti europeistici fra le due guerre", su cui interviene Stefan Delureanu o le suggestioni di Gian Cesare Romagnoli su "una Europa più grande nell’unione Europea") serve a verificare quali e quante sono le controverse "prospettive e incognite" - come sostiene Arturo Colombo - che rendono così complicata la compresenza della "Europa degli Stati", che esiste e persiste, dell’attuale "Unione Europea", che rappresenta l’edizione riveduta dell’Europa comunitaria, e di quella "Europa federale", che "non è tuttora in grado di vantare né un passato né un presente e tuttavia aspira a conquistarsi un futuro".

PressOnline

Il download della versione PDF del libro è disponibile gratuitamente agli utenti registrati che hanno fatto il login.