Carocci editore - L'organizzazione fa la differenza?

Password dimenticata?

Registrazione

L'organizzazione fa la differenza?

L'organizzazione fa la differenza?

a cura di: Anna Comacchio, Andrea Pontiggia

Edizione: 2008

Collana: Biblioteca di testi e studi

ISBN: 9788843045587

In breve

Si dà troppo spesso per scontato che le scelte e le soluzioni organizzative incidano profondamente sulle performance aziendali. Conseguentemente, i successi, le forze competitive emergenti, gli interventi efficaci sembrerebbero nascere e dipendere dalle capacità di innovare e di differenziare gli assetti organizzativi. I contributi raccolti in questo volume offrono una risposta meno scontata e più efficace, tracciando a partire dai diversi programmi e progetti di ricerca un percorso che tocca modalità, motivi, tempi e luoghi della differenza organizzativa. Diversi i temi che compongono questo mosaico di studi: il valore dell’organizzazione e le performance aziendali; le relazioni di lavoro e la gestione delle risorse umane; i modelli organizzativi dell’innovazione; le tecnologie di informazione e di comunicazione e gli assetti organizzativi; i fattori istituzionali, la cultura organizzativa e il management della diversità; le differenze organizzative nei settori economici, nelle relazioni interorganizzative e nel family business; le misure e la misurazione delle differenze negli studi organizzativi. Argomenti, tesi e conclusioni presentati e discussi sono un’occasione interessante di approfondimento sia per chi debba progettare, realizzare e gestire forme organizzative innovative, sia per chi voglia elaborare nuovi percorsi di ricerca e di studio.

Indice

Introduzione di Anna Comacchio e Andrea Pontiggia
1. Il valore dell’organizzazione: l’impatto delle variabili organizzative sulle performance di impresa
1.1. “Time to attract and retain?: l’impatto delle pratiche di HRM sul mercato del lavoro. Uno studio del caso Ferrari di Annachiara Scapolan
Introduzione/Background teorico/Metodologia/Il caso/Conclusioni
2. Organizzazione e governance delle relazioni di lavoro
2.1. Pratiche di gestione delle risorse umane, performance individuali e comportamenti organizzativi di Massimo Pilati e Laura Innocenti
Premessa/HRM e performance: luci e ombre/Metodologia/Il disegno della ricerca/La procedura di analisi/Le misure/I risultati/Considerazioni conclusive: sviluppi di ricerca e implicazioni Manageriali
3. Modelli organizzativi per l’innovazione e il trasferimento tecnologico
3.1. La genesi degli spin-off accademici di successo di Cristiana Compagno, Giancarlo Lauto ed ElenaFornasier
Introduzione/Le determinanti della generazione degli spin-off accademici/Obiettivi e ipotesi della ricerca/Descrizione del campione e metodologia/Risultati e discussione/Considerazioni conclusive
3.2. Knowledge Distribution, Coordination Requirements and Contractual Choice in Technology Collaborations by Marco Furlotti
Introduction/Contractual types/Predictors of formal alliance governance/Empirical analyses/Discussion and conclusions
4. ICT, progettazioni organizzative, HRM e comportamento organizzativo
4.1. Multi-sited Ethnography and Comparative Case Studies on Technological Implementation in the Manufacturing Industry by Gian Marco Campagnolo
Introduction/Theory/Methodology/The cases/Use qualities of modeling and models/Conclusions
4.2. Changing Working Relationships. The Role of ICT in Shaping a New Psychological Contract by Barbara Imperatori and Marco De Marco
ICT solutions: “unusual liaisons? between employee and
organization?/ICT solutions as a managerial fashion/Rational versus normative adoption? A possible operationalisation/ICT solutions in IBM, I.Net and Unisys: research design/ICT solutions as rational or normative fashions? Research results/ICT solutions: how to implement the managerial discourse/Conclusions
5. Istituzioni, tecniche e contingenze economiche: che cosa fa la differenza?
5.1. Pratiche manageriali nell’amministrazione giudiziaria: un modello di valutazione della formazione di Gabriella Piscopo
Premessa/L’ambiente istituzionale della formazione pubblica/Il sistema formativo dell’amministrazione giudiziaria/Il modello di valutazione della formazione: il metodo e il percorso di azione/Discussione/Conclusioni
6. Differenza e management della diversità: tra cultura delle differenze e differenza delle culture
6.1. Managing a “Specific? Diversity: Indications from a Study on Organizations Employing Disabled Persons
by Teresina Torre
A short introduction/Diversity management and disabled people/The research within the PERSONE project/Conclusive considerations: Diversity Management as a new approach for Human Resource Management
7. Quali differenze per le organizzazioni nel settore sanitario?
7.1. Patient satisfaction e progettazione organizzativa: un case study di Gian Franco Frassetto, Paolino Fierro, Luigi D’Ambrae Gabriella Milone
Introduzione/Ipotesi di partenza/Metodologia/Le fasi dell’intervento/Il caso studio: L’Ospedale pediatrico Santobono di Napoli/Brevi conclusioni
8. Organizzazione e Governance nel Family Business
8.1. Governance Structures in Italian Family SMEs by Daniela Montemerlo, Luca Gnan, William Schulze
and Guido Corbetta
Introduction/Theoretical background/Methods/Results/Discussion and conclusions
9. Misurare le differenze
9.1. Teoria dell’impresa e impresa sociale di Adalgiso Amendola e Roberta Troisi
Premessa/La disciplina dell’impresa sociale e le sue implicazioni/Impresa sociale di capitali, rapporti di autorità e rapporti impliciti di assicurazione/Impresa sociale, costi di proprietà e costi di contrattazione/Impresa sociale quasi integrata e clan/Conclusioni
10. Antecedenti, forme, meccanismi, dinamiche evolutive ed effetti sulle performance dei network e delle relazioni interorganizzative
10.1. Knowledge Growth through Inter-organizational Knowledge Recombination: An Analysis of the USSemiconductor Industry between 1976 and 2002 by Elisa Operti and Gianluca Carnabuci
Introduction/Theory and hypotheses/Data and methods/Results/Discussion