Carocci editore - Aristotele e il cervello

Password dimenticata?

Registrazione

Aristotele e il cervello

Tullio Manzoni

Aristotele e il cervello

Le teorie del più grande biologo dell'antichità nella storia del pensiero scientifico

Edizione: 2007

Collana: Biblioteca di testi e studi

ISBN: 9788843042203

  • Pagine: 240
  • Prezzo:22,10 18,79
  • Acquista

In breve

Il Filosofo alle prese con il cervello, l'organo la cui struttura non suggerisce affatto le sue funzioni: nascosto dentro una scatola ossea, circondato da almeno sei-sette protezioni, come diceva Realdo Colombo, il cervello fu il viscere 'misterioso' al quale Aristotele, giudicato il più grande biologo dell'antichità classica, si sforzò di attribuire una funzione. Quella che gli assegnò – di temperare il calore della regione del cuore – fu certamente sbagliata, ma obbligata, e questo libro ne spiega le ragioni. È proprio vero, come disse Galeno di Pergamo, il grande ed eclettico anatomista, medico e filosofo vissuto al tempo degli imperatori Antonini, che Aristotele non capì nulla del cervello' Certamente sì, ma nei suoi tentativi di giustificare la provvida natura per averlo creato, egli si prodigò in una serie di osservazioni sperimentali, alcune delle quali entrarono a far parte dei testi di filosofia naturale e di medicina ove rimasero per secoli, mentre altre hanno conservato la loro validità scientifica fino a tempi recenti. Il volume riporta e discute le nozioni e le osservazioni sperimentali sul cervello presenti negli scritti biologici dello Stagirita, e ne segue le fortune esaminando le teorie derivate contenute in decine e decine di testi, soprattutto di medicina, compilati dai suoi successori in circa due millenni.

Indice

Ringraziamenti / Abbreviazioni e traduzioni / Introduzione 1. L'anatomia del cervello 2. I livelli di organizzazione della materia vivente 3. Gli elementi e le loro qualità: il temperamento delle parti del corpo 4. La metodologia per rilevare il temperamento delle parti: il senso del tatto 5. Le proprietà speciali della superficie volare della mano 6. Il cervello è freddo e umido 6.1. La prova diretta mediante il tatto: un experimentum su un animale vivo 6.2. La costituzione elementare del cervello: un experimentum di 'chimica analitica' 6.3. Il cervello è privo di sangue 7. La percezione sensoriale 7.1. Il cervello non ha sensibilità: il risultato di un experimentum di vivisezione 7.2. Elementi e sensi: l'associazione di simili 7.3. Gli organi di senso comunicano con il cuore 8. I movimenti originano dal cuore 9. Il pneûma innato 10. Il cervello: un viscere senza funzioni 11. L'esigenza di assegnare una funzione al cervello: la natura non fa nulla invano 12. Il calore innato 13. Meccanismi per la conservazione e moderazione del calore innato 14. Il cervello come organo complementare per la moderazione del calore innato 15. Le dimensioni del cervello umano 16. Le dimensioni del cervello del maschio e della femmina 17. Cervello, suture craniche e capelli 18. La rapida obsolescenza della strana teoria aristotelica sulle funzioni del cervello 19. L'interpretazione di una famosa frase di Aristotele sulle dimensioni del cervello umano 20. La lunga vita della nozione che il cervello è freddo e umido 21. La centralità del cuore secondo Aristotele e la risposta di Realdo Colombo Appendice 1. L'insensibilità del cervello / Appendice 2. Cervello e suture craniche / Appendice 3. Cervello e capelli / Bibliografia / Elenco anagrafico degli autori antichi