Carocci editore - Corsari

Password dimenticata?

Registrazione

TFA e formazione

Banner

crediti formativi

Banner

Promo del mese

Banner
Banner
Corsari

Marco Lenci

Corsari

Guerra, schiavi, rinnegati nel Mediterraneo

Edizione: 2006

Ristampa: 1^, 2007

Collana: Frecce

ISBN: 9788843037919

  • Pagine: 168
  • Prezzo:17,90 15,21
  • Acquista

In breve

Per circa trecento anni − tra il XVI e il XIX secolo − i corsari barbareschi costituirono una corposa realtà dello scenario mediterraneo. Muovendo dalle loro sedi posizionate nei principali porti maghrebini − Algeri, Tunisi e Tripoli − le loro agili imbarcazioni costituirono una costante minaccia per la navigazione europea; innumerevoli furono pure i saccheggi e le scorrerie a terra che essi realizzarono a danno di tutte le popolazioni rivierasche europee. Si trattò di una pagina del secolare confronto tra Islam e Cristianità ancora oggi non ben conosciuta dal grande pubblico. Il volume intende fornire una lettura equilibrata del fenomeno, correlandolo sempre alla vicenda parallela rappresentata dall'attività predatoria che ebbe per protagonisti, con non minore ferocia e brutalità, gli europei. L'intento del libro è tenersi lontano da quella impostazione storiografica preconcetta che considera i musulmani come aggressori e minimizza o ignora le violenze ascrivibili alla controparte cristiana. Particolare attenzione nell'analisi del coinvolgimento europeo nella vicenda barbaresca è prestata all'Italia, una scelta giustificata anche dal fatto che proprio la penisola italiana fu sempre particolarmente esposta agli attacchi barbareschi.

Indice

Introduzione / 1. La corsa barbaresca / Il grande inizio cinquecentesco / Il mondo barbaresco: società, istituzioni, economia / Modi e forme della corsa barbaresca / Scorrerie e saccheggi / 2. La risposta europea / Tra guerra e diplomazia / La corsa occidentale / Sistemi di difesa costiera / La fine della corsa barbaresca / 3. Il lato umano: galeotti, schiavi, rinnegati / Navi ed equipaggi / La schiavitù / Il ritorno alla libertà / Il fenomeno dei rinnegati.