Carocci editore - W.A. Mozart: concerto per pianoforte e orchestra K 491 in Do minore

Password dimenticata?

Registrazione

TFA e formazione

Banner

crediti formativi

Banner

Promo del mese

Banner
Banner
W.A. Mozart: concerto per pianoforte e orchestra K 491 in Do minore

Giorgio Pagannone

W.A. Mozart: concerto per pianoforte e orchestra K 491 in Do minore

Edizione: 2006

Ristampa: 2^, 2011

Collana: Studi Superiori

ISBN: 9788843037063

  • Pagine: 180
  • Prezzo:17,90 15,21
  • Acquista

In breve

«Io immagino il concerto come qualcosa di simile all’antica tragedia [...]. C’è invero una conversazione appassionata tra il solista del concerto e l’orchestra che lo affianca» (H. C. Koch, 1793). Nel concerto, il più teatrale tra i generi strumentali, si proietta da sempre il mito del confronto tra il singolo e la massa, tra l’individuo e la società. E i concerti per pianoforte di Mozart ci mostrano un vasto campionario di possibilità dialogiche, di situazioni ’sceniche’ affascinanti e avvincenti, da cogliere mediante un’analisi che individui non tanto statiche unità formali, quanto piuttosto la vicenda del rapporto tra il solista e l’orchestra. Il concerto in Do minore K 491, scritto nel marzo 1786, è l’ultimo d’una lunga serie di concerti composti da Mozart per le sue Akademien. È un brano complesso, inquietante, perfino spasmodico nella lotta che contrappone il solista all’orchestra: lo scontro ravvicinato, di violenza inaudita, a metà del primo movimento ne è il segno più manifesto. Il K 491 mette in crisi il mito consolatorio che Mozart aveva fino ad allora celebrato con gli altri suoi concerti, l’utopia illuministica di un’armoniosa, ancorché dialettica, convivenza tra individuo e società. Qui Mozart sonda il lato terribile, oscuro della vita: sembra inorridire di fronte ad esso, ma allo stesso tempo cerca una via d’uscita nella solidarietà con altri uomini.

Indice

Premessa Sigle e abbreviazioni 1. Teoria, forma e storia del concerto solistico/Il rapporto tra solista e orchestra/ L’evoluzione del concerto solistico nel Settecento/’Forma-sonata’ o ’forma a ritornello’’ Il primo movimento nel concerto classico 2. Analisi del concerto K 491/Primo movimento: Allegro, 3/4, Do minore/Secondo movimento: Larghetto, 2/2, Mi bemolle maggiore/Terzo movimento: Allegretto, 4/4, Do minore/Dal testo autografo all’esecuzione moderna / Discografia / Bibliografia /Indice dei nomi.