Carocci editore - Cinema muto italiano: tecnica e tecnologia. Volume secondo

Password dimenticata?

Registrazione

Cinema muto italiano: tecnica e tecnologia. Volume secondo

Cinema muto italiano: tecnica e tecnologia. Volume secondo

Brevetti, macchine, mestieri

a cura di: Michele Canosa, Giulia Carluccio, Federica Villa

Edizione: 2006

Collana: Cinema/ Tecnologia

ISBN: 9788843036844

  • Pagine: 136
  • Prezzo:15,30 14,54
  • Acquista

In breve

Visita i 'luoghi' che – dalle riprese alla proiezione dei film – impegnano un'inventiva, un sapere, una pratica di ordine tecnico; ovvero impegnano un'abilità nelle tecniche settoriali: i 'mestieri' (in particolare gli operatori di ripresa, gli scenografi, nonché i proiezionisti). Vengono, inoltre, affrontati argomenti poco frequentati o emarginati, come i metodi di produzione delle didascalie, l'introduzione dei 'formati ridotti' delle pellicole, i tentativi di 'fonofilm' e il Kinemacolor in Italia. E poi invenzione, innovazione, diffusione; ancora, brevetti e implementazione dei brevetti, fabbricazione e commercializzazione: tra questi termini si gioca la fortuna della tecnologia del cinema muto nostrano. Numerosi sono i 'trovati' italiani, e numerosi gli inventori, ma lasciati alla solitudine dei loro esperimenti, generosi o velleitari, mandati ad effetto o inesitati. Questi protagonisti, sconosciuti o dimenticati, il libro vuole pure ricordare.

Indice

Premessa/ di Michele Canosa, Giulia Carluccio, Federica Villa/ Brevetti, macchine, mestieri. Nota del curatore Tecnologia e storia del cinema di Aldo Bernardini/ Innovazioni nella tecnica cinematografica. I brevetti italiani (1908-20) di Chiara Caranti/ Il proiettore cinematografico. Sviluppi tecnici (1907-23) di Elena Tammaccaro/ Apparecchi cinematografici (1910-30). I tipi Prevost e Cinemeccanica di Vera Carimati/ Tracce sonore. Giovanni Rappazzo, inventore di Alessia Navantieri/ La fabbrica delle didascalie di Giandomenico Zeppa/ Appunti per la storia di un formato substandard. Due proposte torinesi di Alberto Friedemann/ Il cinema a colori naturali. Il Kinemacolor in Italia di Livio Gervasio/ Gli scenografi e gli operatori nel cinema italiano degli anni Dieci di Riccardo Redi/