Carocci editore - Le regioni italiane e l'Unione Europea

Password dimenticata?

Registrazione

Le regioni italiane e l'Unione Europea

Marco Brunazzo

Le regioni italiane e l'Unione Europea

Accessi istituzionali e di politica pubblica

Edizione: 2005

Collana: Università (700)

ISBN: 9788843036226

  • Pagine: 104
  • Prezzo:12,10 10,29
  • Acquista

In breve

L’Unione Europea viene spesso considerata un sistema sovranazionale parzialmente autonomo dagli Stati membri e in grado di prendere decisioni vincolanti per questi ultimi. Essa assegna un ruolo originale alla rappresentanza delle istituzioni subnazionali, e delle regioni in particolare. Quali sono i canali di accesso all’Unione Europea di cui dispongono le regioni italiane’ Essi sono in primo luogo istituzionali: il Comitato delle regioni, le associazioni interregionali europee, la Conferenza Stato-regioni e altre forme di consultazione regionale. Ma essi sono anche canali di politica pubblica. L’esempio più significativo è quello della politica di coesione economica e sociale, che assegna alle regioni un ruolo decisionale di primo piano. Attraverso un approccio comparato il libro presenta così, in modo dettagliato e completo, i diversi canali d’accesso delle regioni italiane a Bruxelles.

Indice

Introduzione 1. La UE come sistema di multi-level governance 1.1. Introduzione 1.2. La fortuna della MLG 1.3. Cos’è la MLG 1.4. La MLG e gli studi sull’UE 1.5. Come organizzare la MLG: il Tipo I e il Tipo II 1.6. Critiche alla MLG 1 2. La UE e le regioni: i canali di accesso istituzionali 2.1. Introduzione 2.2. La diplomazia delle regioni 2.3. I canali di accesso delle regioni alla UE 2.3.1. I canali di accesso istituzionali / 2.3.2. Il Comitato delle regioni / 2.3.3. Il Consiglio dell’Unione / 2.3.4. Gli uffici regionali di collegamento / 2.3.5. Le associazioni e le reti interregionali / 2.3.6. I canali d’accesso interni: le consultazioni con i governi 2.4. Conclusioni 3. Una breve storia della politica di coesione 3.1. Introduzione 3.2. Perché una politica regionale europea’ Motivi politici 3.2.1. L’allargamento / 3.2.2. L’approfondimento 3.3. Perché una politica regionale europea’ Motivi economici 3.4. Conclusioni 4. Concentrazione, partenariato, addizionalità e valutazione 4.1. Introduzione 4.2. Il principio di concentrazione 4.3. Il principio del partenariato 4.4. Il principio di addizionalità 4.5. Il principio di valutazione 4.6. Conclusioni 5. Il principio di programmazione 5.1. Introduzione 5.2. La preparazione 5.3. L’implementazione 5.4. Conclusioni 6. Il ruolo delle regioni italiane nella riforma dei regolamenti della politica di coesione 6.1. Introduzione 6.2. Il processo di riforma della politica di coesione 6.3. Le regioni italiane nella fase negoziale precedente la proposta della Commissione 6.4. Il processo di definizione della posizione italiana 6.5. Conclusioni Per finire Bibliografia