Carocci editore - Terra e lavoro

Password dimenticata?

Registrazione

Terra e lavoro

Maria Luisa Di Felice

Terra e lavoro

Uomini e istituzioni nell´esperienza della riforma agraria in Sardegna (1950-1962)

Edizione: 2005

Collana: Collana del Dip. Storia Univ. Sassari

ISBN: 9788843033478

  • Pagine: 352
  • Prezzo:28,40 26,98
  • Acquista

In breve

Il volume ripercorre le vicende della riforma fondiaria in Sardegna dal secondo dopoguerra, segnato dalle lotte per la terra e dai programmi di trasformazione delle campagne meridionali, ai primi anni Sessanta, quando il ruolo trainante nel processo di sviluppo del Mezzogiorno passò dall´agricoltura all´industria. Grazie all´utilizzo di fonti inedite tratte dagli archivi di Antonio Segni e dell´ETFAS, il principale ente di riforma dell´isola, l´indagine si articola su più piani, da quello tecnico dell´economia agraria a quello politico-istituzionale, dando particolare rilievo al dibattito sulle leggi di riforma, alle modalità di attuazione della "legge stralcio", alla nascita di nuove comunità contadine. A partire dalle vicende sarde, l´autrice propone un bilancio dell´esperienza per rilevare che la riforma, pur fallendo l´obiettivo originario - la trasformazione dell´agricoltura meridionale , ha avuto un ruolo importante nella diffusione delle scienze agronomiche e nell´acquisizione di moderni sistemi di coltivazione e trasformazione dei prodotti agricoli.

Indice

Premessa/ 1. Le premesse di uno sviluppo’ I segni della «resurrezione»/ 2. ´Lagricoltura in Sardegna nel secondo dopoguerra/ 2.1. La struttura agraria e il regime fondiario/ 2.2. Imprese e contratti agrari: un equilibrio fra «arretratezza tecnico-economicà» e «generale povertà»/ 3. Dalle lotte per la terra alla "legge stralcio": le prospettive di trasformazione per la Sardegna/ 3.1. Agricoltura e Mezzogiorno: le costanti del malessere, le speranze di giustizia/ 3.2 Fra scienza e politica: l´intervento pubblico in agricoltura/ 3.3 . «Redenzione delle terre, redenzione degli uomini»: la riforma incompiuta di Antonio Segni/ 3.4. La questione contadina in Sardegna nel confronto tra le forze politiche/ 3.5. La riforma fondiaria nel dibattito fra i tecnici/ 3.6. Problemi e modalità d´attuazione/ 4. La riforma tra continuità e innovazione/ 4.1. ´Leredità del fascismo/ 4.2. Scarni espropri, laute acquisizioni/ 4.3. Una «nuova era» per la Sardegna/ 4.4. Studi e piani d´intervento/ 4.5. Indirizzi di trasformazione fondiaria e progettazione di aziende agricole/ 4.6. Le campagne agrarie: tradizione e sperimentazione/ 4.7. La cooperazione: autonomia sotto tutela/ 4.8. Lo sviluppo delle cooperative/ 5. Formazione del consenso, prove di consolidamento, primi bilanci/ 5.1. Il Servizio sociale: primi passi fra stampa e propaganda/ 5.2. Istruzione e formazione professionale/ 5.3. Assistenza sociale/ 5.4. Da assegnatario a emigrante, da contadino a operaio/ 5.5. Zone interne e riassetto del settore agro-pastorale/ Conclusioni: «La riforma è cosa buona, se la fanno come si deve» Appendice/ Indice dei nomi