Carocci editore - I laboratori a scuola

Password dimenticata?

Registrazione

TFA e formazione

Banner

crediti formativi

Banner

Promo del mese

Banner
Banner
I laboratori a scuola

I laboratori a scuola

Una risorsa per imparare
Contiene CD-ROM

a cura di: Patrizia Faudella, Loredana Truffo

Edizione: 2005

Collana: Biblioteca di testi e studi

ISBN: 9788843032976

  • Pagine: 296
  • Prezzo:23,10 19,64
  • Acquista

In breve

La documentazione di un´esperienza di ricerca-azione condotta dall´irre Piemonte con docenti provenienti da un centinaio di scuole della provincia di Torino è l´occasione per una riflessione più ampia sulla didattica dei laboratori. Il volume propone un´analisi degli elementi fondanti della didattica laboratoriale (la dimensione culturale, le dinamiche interpersonali, l´organizzazione) dal punto di vista generale e in quattro specifici ambiti disciplinari: l´educazione linguistica, la lingua straniera, la storia, le scienze. Il cd-rom allegato offre, in stretto collegamento con il libro, approfondimenti ed esemplificazioni dei percorsi realizzati dalle scuole. La didattica laboratoriale così delineata risulta una preziosa risorsa per costruire itinerari d´apprendimento più significativi e coinvolgenti per gli allievi. Le proposte metodologiche, gli strumenti e i materiali presentati possono costituire un riferimento per insegnanti, dirigenti scolastici e formatori nella progettazione di nuovi laboratori.

Indice

Presentazione di Roberto Alone/ Introduzione/ Parte prima/ La didattica del laboratorio 1. I nodi fondanti 1.1. Il punto di partenza / 1.2.Dieci parole per il laboratorio 1.2.1. Rapporto con il curricolo / 1.2.2. Significatività dei contenuti/ 1.2.3. Flessibilità e modularità / 1.2.4. Apprendimento come ricerca / 1.2.5. Relazione / 1.2.6. Centralità del soggetto che apprende / 1.2.7. Operatività / 1.2.8. Responsabilità / 1.2.9.Intenzionalità/ Riferimenti bibliografici 2. La dimensione relazionale 2.1. Premessa 2.2. Gruppo 2.3. Apprendimento 2.4. Insegnamento 2.5. Capacità necessarie 2.6. Lavoro e creatività 2.7. Difese e resistenze 2.8. La collusione 2.9. Che fare' / Riferimenti bibliografici 3. La dimensione organizzativa 3.1. La flessibilità come condizione 3.2. Una strategia perseguibile 3.3. Il cambiamento organizzativo 3.4. ´Luso degli spazi e la gestione del tempo scuola 3.5. Le risorse e le attrezzature 3.6. Le responsabilità della gestione 3.7. La diffusione delle informazioni e la documentazione delle esperienze 4. Il progetto dell´IRRE Piemonte 4.1. Gli obiettivi 4.2. Le fasi di attuazione del progetto 5. Laboratorio e valutazione 5.1. Pluralità dei piani valutativi 5.2. Il percorso di apprendimento degli allievi 5.3. La progettazione e realizzazione dei laboratori 5.4. Un bilancio dell´esperienza 5.4.1. Impostazione del percorso proposta / 5.4.2. Orario e tipo di attività dei laboratori / 5.4.3. Efficacia ed efficienza dei percorsi / 5.4.4. Ricaduta sugli allievi / 5.4.5. Ricaduta sui docenti/ 5.4.6. Ricaduta sulla scuola e nel territorio / 5.4.7. I laboratori, una risorsa da sostenere/ Riferimenti bibliografici 6. Quando il progetto di istituto privilegia la didattica dei laboratori: un´esperienza in atto 6.1. Premessa 6.2. Il contesto 6.3. Gli indirizzi pedagogici 6.4. Il modello didattico-organizzativo 6.5. I laboratori opzionali 6.6. La struttura organizzativa interna di supporto/ Parte seconda. Laboratorio e discipline 7. I presupposti metodologici del laboratorio di educazione linguistica 7.2. I concetti fondanti 7.1.1. Significatività e rapporto con il curricolo / 7.1.2. Flessibilità e modularità / 7.1.3. Apprendimento come ricerca / 7.1.4. Relazione / 7.1.5. Centralità del soggetto che apprende / 7.1.6.Operatività / 7.1.7. Responsabilità e intenzionalità 7.2. Le possibili linee di intervento 7.3. Indicazioni metodologiche 7.4. Gli esempi proposti 7.4.1. Italiano L2 / 7.4.2. Leggere per studiare / 7.4.3. Dalla cronaca al racconto / 7.4.4. Poesia e ipermedia / 7.4.5. Laboratorio di scrittura in lingua italiana / Riferimenti bibliografici 8. Il laboratorio di educazione linguistica nella scuola di base 8.1. La scuola elementare 8.1.1. Il laboratorio di lettura e scrittura creativa / 8.1.2. La scrittura di s : la lettera, il diario, l´autobiografia / 8.1.3. ´Lidentità di genere / 8.1.4. Educazione interculturale 8.2. I vari progetti 8.2.1. Modulo n. 1: Il mio nome / 8.2.2. Modulo n. 2: Mi racconto/ 8.2.3. Modulo n. 3: Mi presento, mi racconto 8.3. La scuola media 8.3.1. Il percorso comune / 8.3.2. I percorsi differenziati / 8.3.3.Riflessioni finali / Riferimenti bibliografici 9. Il laboratorio di educazione linguistica nella scuola superiore 9.1. La scelta del tema 9.2. Il percorso comune 9.3. Gli aspetti significativi 9.3.1. Il parlato strutturato: la simulazione di un dibattito / 9.3.2. ´Lefficacia della "didattica per compiti" / 9.3.3. ´Lapprendimento collaborativo / 9.3.4. Modalità e strumenti diversi di valutazione/ Riferimenti bibliografici 10. Il laboratorio di lingua straniera 10.1 Laboratorio linguistico e laboratorio multimediale 10.1.1. Gli esempi proposti / 10.1.2. Il concetto di "compito" (task) / 10.1.3 La pedagogia del progetto 10.2. I gruppi di lavoro e le modalità dello svolgimento dei progetti 10.3. La realizzazione dei progetti: considerazioni teoricometodologiche 10.3.1. I nodi problematici comuni / 10.3.2 Verificare e valutare l´attività di laboratorio / 10.3.3. Contenuti disciplinari e didattica laboratoriale / 10.3.4. La specificità del laboratoriomultimediale. Riflessioni teoriche suggerite dalla realizzazione dei progetti / Riferimenti bibliografici 11. Il laboratorio di storia 11.1. Gli elementi fondanti 11.1.1. Elementi di tipo culturale e metodologico / 11.1.2. Elementi di tipo organizzativo / 11.1.3 Elementi di tipo relazionale / 11.1.4. Elementi di tipo progettuale: il laboratorio nella scuola / 11.1.5. Laboratorio ed extrascuola / 11.1.6. Le condizioni minime per il funzionamento di un laboratorio 11.2. Sintesi degli esempi analizzati 11.2.1. Laboratorio di storia del territorio e multimedialità / 11.2.2. Civitas: dal presente al presente attraverso il passato /11.2.3. Mussolini inaugura Mirafiori (1939): i bambini e la propaganda di regime nei registri delle scuole / 11.2.4. Un archivio di fonti di memoria tra scuola e territorio 11.3. La progettazione e realizzazione dei laboratori nelle scuole 11.3.1. I laboratori di lettura storica del territorio /11.3.2. I laboratori di storia di genere 11.4. La voce di chi ha gestito concretamente i laboratori 11.4.1. Quando il laboratorio è anche risposta al disagio / 11.4.2. Storia di genere e laboratorio / 11.4.3. Quando la scuola diventa risorsa per il territorio / 11.4.4. Valutazione del percorso / Riferimenti bibliografici 12. Il laboratorio di scienze 12.1. Il laboratorio, spazio fisico e mentale 12.1.1. Come arredare lo spazio e perch  / 12.1.2. Come orientarsi nell´acquisto delle attrezzature / 12.1.3. Il valore della costruzione di apparecchi /12.1.4 Quali attrezzature per il laboratorio di scienze nella scuola di base / 12.1.5. Come mantenere in efficienza il laboratorio 12.2. Sintesi degli esempi analizzati 12.2.1. Scienza attiva nella scuola primaria: laboratorio/classe o classe/laboratorio' / 12.2.2. Il laboratorio del piacere tra la scuola e le reti di scuole / 12.2.3. Fare scienze nella scuola elementare/ 12.2.4. Educazione ambientale come filo conduttore in un´esperienza multidisciplinare al liceo Majorana di Torino/ 12.4.5. Progettare e lavorare insieme in un´esperienza di educazione ambientale 12.3. Il laboratorio della scuola elementare 12.3.1. La scelta del tema / 12.3.2. Il percorso comune / 12.3.3.Aspetti significativi /12.3.4 La valutazione 12.4. Il laboratorio della scuola media 12.4.1. La scelta del tema / 12.4.2. Il percorso comune / 12.4.3.La valutazione / 12.4.4. Il senso del percorso didattico 12.5. Il laboratorio della scuola superiore 12.5.1. La scelta del tema e gli aspetti condivisi / 12.5.2. La valutazione / Riferimenti bibliografici