Carocci editore - La soglia dell'invisibile

Password dimenticata?

Registrazione

La soglia dell'invisibile

Fabio Vittorini

La soglia dell'invisibile

Percorsi del Macbeth: Shakespeare, Verdi, Welles

Edizione: 2005

Ristampa: 1^, 2009

Collana: Frecce

ISBN: 9788843032570

  • Pagine: 160
  • Prezzo:17,60 16,72
  • Acquista

In breve

Una tragedia, un melodramma, un film: Macbeth. Tre autori: William Shakespeare, Giuseppe Verdi, Orson Welles. Una minuta costellazione di testi, ognuno dei quali ospita i testi precedenti, presentandosi come un tessuto di richiami, citazioni, rimozioni e vuoti non sempre istituiti secondo la logica di una derivazione localizzabile, di un’imitazione volontaria, ma spesso secondo una logica della disseminazione. Più del fatto che un testo ne riproduce un altro, deve essere considerato rilevante il fatto che ognuno di essi produce un senso relativamente autonomo nel momento in cui riattiva in tutto o in parte il senso dei testi che sono in esso disseminati, prima di innestare a sua volta del senso in quelli in cui viene successivamente in tutto o in parte disseminato. I tre Macbeth vengono letti come altrettante epifanie di un unico testo, il cui significante, al di là delle metamorfosi che lo investono (dal linguaggio verbale a quello musicale a quello cinematografico), lavora incessantemente su se stesso in relazione a un ristretto numero di nuclei semantici. I tre autori vengono colti nell’atto di codificare, decodificare e surcodificare testi, cioè mentre scrivono, leggono e attraversano senza sosta la frontiera tra scrittura e lettura, portando a compimento qualcosa che non è né l’una né l’altra, qualcosa di instabile, di fuggitivo, che riunisce in sé i tratti dell’interpretazione, della citazione e della trasposizione. Ci appaiono cioè come autori-lettori che non solo decifrano, ma accumulano linguaggi, si lasciano instancabilmente attraversare da essi, divenendo a loro volta il luogo e la figura di quell’attraversamento.

Indice

Introduzione/ 1.L’insolenza della ragione/Una vertigine organizzata/La cosmetica dell’essere/Macchine del terrore/ 2.Strumenti delle tenebre. Il Macbeth di William Shakespeare/Reversibilità e desiderio/Oracoli imperfetti/Una geniale omeopatia/L’inconscio svelato/ 3.In un pensier profondo. Il Macbethdi Giuseppe Verdi/Un soggetto fantastico/Né poesia né musica/Un filo rotto da tant’anni/ Indizi/Delitti e occultamenti/Un’ombra che cammini/ 4.L’occhio del destino. Il Macbeth di Orson Welles/La soglia dell’invisibile/ Ficcanasare per il mondo/Una visione fatale/L’occhio del destino/Qualità della percezione.

jxxx.asia jporn.asia jadult.asia