Carocci editore - Dallo Stato alla nazione

Password dimenticata?

Registrazione

Dallo Stato alla nazione

Antonio Chiavistelli

Dallo Stato alla nazione

Costituzione e sfera pubblica in Toscana dal 1814 al 1849

Edizione: 2006

Collana: Studi Storici Carocci

ISBN: 9788843032266

  • Pagine: 368
  • Prezzo:26,80 25,46
  • Acquista

In breve

Il lavoro di Antonio Chiavistelli costituisce un'occasione per osservare le tappe della storia della Toscana durante l'età della Restaurazione fino all'appuntamento con quel 1848 che segnò – per tutti gli Stati della penisola – il primo, vero contatto con la modernità istituzionale e la scoperta di una dimensione nazionale della politica. Condotta sulla scorta di una documentazione d'archivio in buona parte inedita e di un'amplissima bibliografia internazionale, la ricerca ricostruisce la complessa evoluzione ideologica dei ceti dirigenti toscani di primo Ottocento, nel loro sforzo di divenire quella sfera pubblica autocosciente che il progetto della Restaurazione tendeva invece programmaticamente a negare. Dallo Stato alla nazione rappresenta così un suggestivo viaggio a ritroso dentro uno dei più vivaci laboratori politici dell'Italia preunitaria alla ricerca delle radici profonde, e tutt'altro che univoche, di quel passaggio dal locale al nazionale di cui la storiografia più recente sta tentando di ricostruire l'ordito.

Indice

Abbreviazioni / Introduzione / 1. La Restaurazione: il quadro costituzionale 1.1. Il ritorno del Granduca 1.2. Politica e territorio: l'organizzazione dei rapporti fra il centro e la periferia dello Stato 2. La Restaurazione: lo Stato e i suoi apparati  2.1. Un'amministrazione sentimentale: il governo di Leopoldo II 2.2. L'invasione nella proprietà 2.3. L'organizzazione degli uffici e la memoria dell'amministrazione statale 2.4. La razionalizzazione degli studi 2.5. Una comunità da tutelare: polizia e ordine pubblico 2.6. Uno 'Stato senza pubblico': parole e idee sotto controllo 3. La Restaurazione: l'identità nobiliare 3.1. Nobiltà vecchia e nuova 3.2. Una questione di privilegi 3.3. La corte dei patrizi 3.4. I patrizi e il governo 3.5. Uno Stato 'borghese'' 4. La scoperta dell'opinione 4.1. L'emersione di una sfera pubblica 4.2. La 'nuova' sociabilità della Restaurazione 4.3. La comunità degli scrittori si organizza 4.4. Verso un pubblico criticante 4.5. Dalle lettere alla politica 5. La nuova politica: modelli a confronto 5.1. Le proposte dell'opinione pubblica 5.2. Il modello municipale 5.3. Il modello del municipalismo nazionale 5.4. Il modello della monarchia popolare 5.5. Il modello democratico-repubblicano 5.6. Il modello censitario-liberale 6. La gestazione della costituzione del 1848 6.1. Prodromi del costituzionalismo toscano 6.2. L'iniziale fortuna del modello municipale 6.3. Quale costituzione' 6.4. Il motuproprio del 31 gennaio 1848 7. La concessione dello Statuto fondamentale e la soluzione censitaria-liberale 7.1. Il Granduca capitola: lo Statuto fondamentale del 18 febbraio 1848 7.2. La cittadinanza politica nel sistema statutario 7.3. L'irruzione della politica nella scena pubblica granducale 7.4. Dal seggio al parlamento 8. Lo statuto alla prova 8.1. Il tormentato esordio del sistema statutario 8.2. Dalla concessione dello statuto alla caduta del governo Ridolfi (31 luglio 1848) 8.3. L'effimero governo del marchese Gino Capponi 9. I democratici al governo: verso una nuova costituzione' 9.1. Fra dimensione regionale e suggestioni nazionali: la scoperta del 'potere costituente' 9.2. Il paradosso del 'Granduca costituente' 9.3. L'impossibile compromesso: le peripezie del democratismo toscano Conclusioni / Indice dei nomi