Carocci editore - GUILLEM DE TORROELLA. La favola

Password dimenticata?

Registrazione

GUILLEM DE TORROELLA. La favola

GUILLEM DE TORROELLA. La favola

a cura di: Anna Maria Compagna

Edizione: 2004

Collana: Biblioteca Medievale Testi

ISBN: 9788843032174

  • Pagine: 160
  • Prezzo:17,70 16,81
  • Acquista

In breve

Vissuto probabilmente fra il 1350 e il 1375, Guillem de Torroella appartenne a quel gruppo della nobiltà maiorchina che fu coinvolto nel crollo del regno autonomo, reintegrato nella corona catalano-aragonese. Con il racconto in versi che qui pubblichiamo, La faula, egli sembra rifugiarsi nel mondo della letteratura per trovare nell'immaginario collettivo i valori di cui ha bisogno per portare avanti la propria causa; si tratta in ogni caso di un testo famoso, se nel secolo XV il suo titolo, quasi come un predicato nobiliare, serve a identificare un ramo della famiglia Torroella. Il racconto costituisce una sorta di prosecuzione della Mort Artu: alla letteratura catalana, dunque, va il merito di continuare, oltre alla poesia trobadorica, anche, per certi versi, il romanzo cortese. L'autore narra come gli sia capitato di arrivare in maniera magica e misteriosa nell'isola dove ha trovato rifugio Artù dopo la battaglia di Salisbury. E´ il re bretone in persona a raccontare nella sua lingua gli avvenimenti successivi alla Mort Artu e ad affidare all'autore un messaggio da riportare ai maiorchini perch  non perdano fiducia nella loro causa. Il testo è quindi bilingue: l'autore si serve del catalano-provenzale (proprio della poesia catalana dell´epoca) ma anche di una lingua che potremmo definire francese catalanizzato quando riferisce i discorsi dei personaggi "francesi" della storia (la serpe, Morgana e Artù).

Indice

1.Introduzione/Un testo famoso/L'autore/Il contenuto/La tradizione/La produzione/Il genere/L'ambiente/Il francese/Il significato/La funzione/Circolazione e ricezione/L'attualizzazione/ 2.Nota informativa/I manoscritti/Le edizioni/ 3.LA FAULA/LA FAVOLA/ Bibliografia