Carocci editore - GUGLIELMO IX. Vers

Password dimenticata?

Registrazione

GUGLIELMO IX. Vers

Mario Eusebi

GUGLIELMO IX. Vers

Edizione: 1995

Ristampa: 4^, 2011

Collana: Biblioteca Medievale Testi

ISBN: 9788843029709

  • Pagine: 100
  • Prezzo:15,70 14,92
  • Acquista

In breve

Si può dire che con Guglielmo IX (1071-1126) - il più antico trovatore di cui siano pervenuti componimenti - si inaugura la storia della moderna poesia occidentale. E questa storia si apre nel segno della contraddizione e dell’enigma. Non soltanto perch  il canzoniere di Guglielmo - definito da Rajna "trovatore bifronte" - intreccia ai primi esempi di canto cortese ( con i tempi, destinati a diventare classici, dell’obbedienza alla dama, della sofferenza che affina, del joi interiore) poesie francamente oscene o burlesche contenenti gustose racconti di prodezze o fallimenti sessuali. Ma soprattutto perché il suo centro segreto è costituito da una folgorante canzone sul "punto nulla". Farai un vers de dreit nien, che è insieme una giocosa parodia degli amori immaginari e, nel suo stesso funambolismo verbale, una vertiginosa riflessione sull’essenza ultima della poesia. Mallarmé non è lontano: Rien, cette écume, vierge vers ..

Indice

Introduzione
Companho, farai un vers..... convien
Compagno, non puesc mudar qu’eo no m’effrei
Companho, tant aiagutz d’avols conres
Farai un vers de dreit nien
Farai un vers pos mi sonelh
Benvuelh que sapchon li pluzor
Pos vezem de novel florir/ Molt jauzions mi prenc amar
Ab la douzor del temps novel/ pos de chantar m’es pres talenz
Appendice
Farai chansoneta nueva
Tavola delle abbreviazioni